Messaggio

Alla scoperta delle etnie sconosciute




VIAGGI LEVI ALLA SCOPERTA
DELLE ETNIE SCONOSCIUTE

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_BADINI_O.ETNIE_naga23m_tirap_ap_etn._nocte.jpg
Uomini dell'etnia Nocte,
ex tagliatori di teste Nocte
 


Con una serie di itinerari originali e spesso unici, il tour operator milanese “I Viaggi di Maurizio Levi”, specializzato con il proprio catalogo Alla scoperta dell’ignoto in percorsi di scoperta a valenza ambientale e etnografica negli angoli più remoti del pianeta, propone in Asia e Africa incontri con alcune delle più interessanti ed integre minoranze etniche dei due continenti.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_BADINI_O.ETNIE_schermata_11-2456611_alle_09.31.15.png

Donna Hakka del
villaggio di Kam Tin

 

Nelle provincie cinesi del Fujian e Guizhou un viaggio per incontrare gli Hakka, che vivono in enormi edifici collettivi circolari di terra battuta, e i Miao, le cui donne indossano abiti tradizionali e complessi copricapi ricoperti da ornamenti d’argento, nel nord del Laos le innumerevoli etnie di montagna che convergono a Luang Prabang, protetta dall’Unesco come patrimonio dell’umanità, per celebrare il folkloristico capodanno buddista, oppure in Vietnam dove le isolate popolazioni dell’altopiano settentrionale hanno conservato usi e costumi ancestrali.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_BADINI_O.ETNIE_guiz19mv_donna_miao.jpg

Donna Miao della provincia
cinese del Guizhou  splendidamente
vestito con il vostume tradizionale

 

In Birmania le popolazioni del Triangolo d’Oro e quelle del lago Inle, che vivono in villaggi palafitticoli e coltivano orti galleggianti. Quell’enorme caleidoscopio ambientale ed etnografico rappresentato dall’India offre al riguardo infinite possibilità, dalle comunità nomadi pastorali del Gujiarat, la terra di Gandi, ai sikh del Punjab dagli incredibili turbanti e gli abiti dagli intensi colori blu e zafferano, dagli ex tagliatori di teste Nocte e Wancho del Tirap e dell’Assam fino alle comunità adivasi celate nelle foreste dell’Orissa, come i Bonda le cui donne sono vestite unicamente da un gonnellino di paglia e da grandi collane.

 

schermata%2011-2456611%20alle%2009.25.47.png

Donna Nocte con tatuaggi
tipici e piercing all'orecchio

 

Nel Bangladesh, ignorato dal turismo tradizionale, tra le montagne al confine con la Birmania si possono visitare i villaggi delle popolazioni Charkma e e Bhom, di origine tibeto-birmana, le cui donne indossano abiti piuttosto vistosi.

Per l’Africa le foreste pluviali di sud-est del Cameroun, dove vivono i gorilla di pianura, ospitano i pigmei Ba Aka, una delle comunità più antiche del continente. Lo sconosciuto arcipelago delle Bijagos, al largo della Guinea Bissau, oltre ad ospitare i rarissimi ippopotami marini offre popolazioni isolate che praticano riti ancestrali quali l’iniziazione, il culto degli spiriti protettori e danze con maschere zoomorfe.

Nei villaggi fortificati di fango sulle montagne di Togo e Benin vivono i Tamberna ed i Somba, popolazioni che cacciano ancora con arco e frecce, mentre la gran parte della popolazione animista dei due paesi pratica il vudu, una religione che permea ogni momento della vita dei credenti.

 

schermata%2011-2456611%20alle%2009.42.45.png

Ragazza Somba

In Burkina Faso si incontrano i Garunsi, etnia di artisti che concepiscono le abitazioni come monumenti alla fantasia, con architetture in fango di raffinata bellezza e grandi affreschi murali, mentre i Lobi sono famosi per le loro ricercate sculture in legno. Il sud dell’Etiopia è rinomato per ospitare nella valle del fiume Omo un concentrato delle popolazioni più primitive del continente, pastori molti dei quasi vivono completamente nudi con il corpo ricoperto di cenere, mentre le donne Mursi hanno la bocca deformata per la presenza di piattelli labiali.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_BADINI_O.ETNIE_etsud84m_donna_mursi.jpg

Una rarità! Una donna Mursi con la bocca non
deformata per la mancanza dei tradizionali piattelli labiali!


Dove l’isolamento raggiunge il massimo è certamente nella regione desertica attorno al lago Turkana, tra il nord-ovest del Kenya e il Sud Sudan, stato di nuova formazione, dove vivono le selvagge popolazioni di pastori Turkana e quelle sudanesi dei Toposa e degli Jie, per i quali decenni di guerra hanno consentito di mantenere integri i loro tradizionali costumi ed a continuare a cibarsi unicamente del proprio bestiame; a causa delle condizioni ambientali per visitarli occorre allestire una vera spedizione antropologica.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_BADINI_O.ETNIE_schermata_11-2456611_alle_09.49.35.png

Gli splendidi costumi delle donne
nei dintorni del lago Turkana


A concludere con quel coacervo di etnie rappresentato dal Madagascar, dai pastori dell’interno con le loro mandrie di zebù fino ai pescatori nomadi Vezo con le loro velocissime canoe a bilanciere.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_BADINI_O.ETNIE_schermata_11-2456611_alle_09.52.45.png

Madagascar: pescatori  nomadi Vezo

 

INFO

b_150_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_CATALOGO_foto_foto.png

Da settembre 2013 “I Viaggi di Maurizio Levi” ha cambiato l’indirizzo del proprio sito web in www.viaggilevi.com, attraverso il quale è possibile accedere e visionare in dettaglio l’intera programmazione dell’operatore. Ugualmente cambia anche l’indirizzo e-mail in Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Entrambi i vecchi indirizzi resteranno attivi ancora per alcuni mesi, e convertirannoautomaticamente le richieste sui nuovi indirizzi.

I Viaggi di Maurizio Levi, tel. 02 34 93 45 28         

I libri di Maurio Levi

 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi