Messaggio

La Ruta Panoramica Dominicana





LA REPUBBLICA DOMINICANA
PRESENTA LA RUTA PANORAMICA

 

b_450_0_16777215_00___images_Benvenuti_in_itala_phoca_thumb_l_cabrera.jpg

 

Il progetto è sicuramente impegnativo ed interessante: far conoscere gli aspetti storici del Paese,  valorizzare i paesaggi incontaminati, promuovere il rispetto dell'ecologia ma anche  scoprire alcuni  aspetti  peculiari del caffè e dell'ambra. Il nome del Paese? La Repubblica Dominicana! Il progetto lo hanno già denominato come una nuova frontiera del turismo: l'Ecoturismo.

 

b_350_0_16777215_00___images_Benvenuti_in_itala_299548099cartello_ruta_caff.jpg

 

Nome azzeccato. Che questa iniziativa, che ora andremo a scoprire, provenga dalla Repubblica Dominicana non deve stupire. Questa straordinaria nazione, bagnata dall'Oceano Atlantico e dal Mar dei Caraibi, non ha solo il mare da offrire, ma ha tante risorse da lasciare sbalorditi.

Le sue risorse naturalistiche sono talmente numerose che scegliere non è facile. In questa occasione la nostra attenzione va alle Rute Ecoturistiche. Nel nostro caso si tratta della Ruta Panoramica che si dipana lungo la Carretera Turìstica Gregorio Luperòn, progetto realizzato da una Organizzazione non Governativa (Ong) locale.

 

b_450_0_16777215_00___images_Benvenuti_in_itala_phoca_thumb_l_bahia_sosua.jpg

 

Nel suggestivo entroterra dominicano sono stati creati dei percorsi turistici che consentono di assistere alle diverse fasi della produzione di caffè, zenzero, cacao, mango e zucchero, tra i settori trainanti dell’economia del Paese.

Ruta del Cacao: Il cuore del percorso si sviluppa all’interno del Paese, addentrandosi tra panorami mozzafiato e una vegetazione lussureggiante, per arrivare a San Francisco de Macorís, dove si trovano le piantagioni di cacao dell’Hacienda La Esmeralda García Jiménez, un’azienda che si estende per circa 39 ettari: qui la prima cosa che colpisce sono i fiori delle piante di cacao, con i loro colori delicati, a perdita d’occhio.

Su questa via è possibile osservare la raccolta dei frutti, il taglio dei cabossidi, l’estrazione delle fave, la fermentazione, l’essiccazione e il confezionamento del cacao: tutte attività che coinvolgono in pieno i sensi, in particolar modo il tatto, l'olfatto e il gusto.

 

b_450_0_16777215_00___images_Benvenuti_in_itala_cacao.jpg

 

Ruta del Caffè: Nelle province di Salcedo e Bonao, circondate dalle montagne che favoriscono un clima fresco, crescono le piantagioni del caffè: il modo migliore per imparare a conoscere e apprezzare meglio questa bevanda così nota è scegliere uno dei sei percorsi del progetto Ruta del Cafe, tre lungo la Ruta del caffè Atabey, nella provincia di Monseñor Nouel, a un’altitudine media di 950 metri e tre lungo la Ruta del Caffè Jamao, nella provincia di Salcedo.

www.larutadelcafedominicano.org

 

cafejamao01.jpg

 

Ruta dello Zenzero: A Las Galeras, un villaggio nella provincia di Samaná, ha preso il via Guariquén II, un progetto integrato e multi settoriale, inteso a promuovere lo sviluppo e la valorizzazione di questo territorio e che prevede la creazione di una Strada dello Zenzero, attraverso la valorizzazione della produzione agricola, della cultura legata allo zenzero e dei circuiti di turismo sostenibile.

 

zenz.jpg

 

La Ruta del Mango: Un progetto promosso da Villas Campomar, si trova nella provincia di Peravia, nella regione di Valdesia e si dispiega seguendo le meraviglie della costa sud. Questa zona del Paese è una delle più ricche a livello paesaggistico.

Un vero tripudio di natura tra i municipi di Banì e Nizao che si esprime in un mosaico di ecosistemi sorprendenti, un contesto ricco anche di una biodiversità molto varia, di una gastronomia seppur tradizionale con delle caratteristiche locali forti e dei valori storici intrisi negli edifici e nell’atmosfera di somma rilevanza.

E’ in tutto ciò che nasce la Ruta del Mango. La prima tappa di questo affascinante percorso propone una visita dell’antica cattedrale di Nuestra Señora de la Regla a Banì, nominata nel 2005 capitale del mango.

Ed è proprio dove viene coltivato questo frutto succulento che prosegue il tragitto ecoturistico. In questi luoghi, la produzione di mango è molto ampia, in quanto il terreno della provincia di Peravia si presta particolarmente a tale coltivazione, grazie alla sua profondità che consente un migliore sviluppo delle radici.

 

b_400_0_16777215_00___images_Benvenuti_in_itala_mango_tommy_atkins.jpg

 

Ruta dello Zucchero: Nasce in un’altra meravigliosa zona del Paese: Barahona, una provincia davvero immersa nella natura, bagnata a sud dal Mar dei Caraibi ma anche dal fiume Yaque del Sur, e situata a 240 chilometri dalla capitale dominicana.

 

b_450_0_16777215_00___images_Benvenuti_in_itala_cana_de_azucar_valle_del_cauca.jpg

 

La Ruta dello Zucchero è variegata e solca diverse zone dell’Isola. Secondo il progetto di turismo agro-culturale, il percorso inizia a Los Antiguos Igenios Colojiales de Engombe a Santo Domingo, proseguendo verso Boca de Nigua y Diego Caballero a San Cristobal  per finire, appunto, visitando la moderna installazione del Conosorcio Azucarero Central a Barahona.

Questa importante produzione rappresenta la cultura del popolo caraibico ed è una delle attività lavorative più antiche, nonché uno dei traini dell’economia dominicana.

 

Per ulteriori informazioni:
Ente del Turismo della Repubblica Dominicana
Piazza Castello, 25
20121 Milano
Tel. 02 8057781
Smart Libray



Link correlati

Dove siamo nel Mondo

Documenti, prego!   

Per non smarrirsi nel Mondo

Io parto in aereo...

Accertati che nella polizza sanitaria che sicuramente avrai stipulato, sia incluso anche l'eventuale rimpatrio sanitario in aereo...

 Il Video 

Il Meteo

La nostra pagina sulla Repubblica Dominicana 

Il sito ufficiale della Repubblica Dominicana

Ecoturismo Report

 

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi