Messaggio

Un'Isola da film: quella bergamasca...




 Ciak, si viaggia
Sul Set l'Isola Bergamasca!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_2.png

di
Giacomo Danesi

PONTE SAN PIETRO (Bg) - Lo confesso: non amo molto il cinema. Voglio dire che sono fermo a Totò e dintorni. Questo non significa che non sia attento alle novità cinematografiche.

Una cosa però che mi ha sempre intrigato è il set cinematografico. Un momento, come set non intendo gli studios, ma i film girati fuori dagli studi. E Dio sa quanto è bella la nostra Italia da questo punto di vista, al punto che possiamo dichiararla, senza l'onta di essere smentiti, un set en plein air per antonomasia!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_78.png

Firenze, una delle città più filmate della storia


Non c’è regione Italiana che in passato non sia stata oggetto di set cinematografico. Prendete la Toscana, per esempio. L'"Inferno", il film di Ron Howard tratto dal bestseller di Dan Brown, è stato ambientato proprio nel capoluogo toscano, Firenze, dove sono state girate scene spettacolari.

Nel 1987 furono i fratelli Paolo e Vittorio Taviani, toscani di San Miniato, a dare l’ultimo ciak a un film il cui tema era una storia di emigrazione toscana verso gli Usa. La Toscana, con i suoi panorami e le città d’arte sono dei set naturali fantastici.

Un’altra regione baciata dalla natura e dall’arte? Il Lazio. Ricordate la trasmissione su La 7: “La valigia dei sogni”? Ci permise di ammirare i posti dove furono girati numerosi film di successo.


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_rty.png
                                La valigia dei sogni, una bella
                                     trasmissione della 7

E la Puglia? Nel 2007, la Regione si dotò addirittura di una “Film commission”, per esaltare questa regione cinematograficamente. Ha tutto la Puglia per essere considerata la regione guida cinematograficamente parlando. Dal Gargano al Salento, merito del paesaggio e soprattutto dalla luce, ogni angolo è stato filmato.

A essere sinceri negli gli anni ‘60 fu set di film famosissimi. Per esempio Pier Paolo Pasolini nel 1964 girò a tra Manduria e Gioia del Colle “Il Vangelo secondo Matteo”. Monicelli girò a Converano “Casanova 70”, con Marcello Mastroniani e Virna Lisi.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_pa.png

Pier Paolo Pasolini durante le
riprese del film: Il Vangelo secondo Matteo

 

Una cosa mi ha stupito. Che il Turismo non si sia ancora svegliato nel proporre ai turisti, italiani e stranieri, la visita dei luoghi dove sono stati girati famosissimi film, è veramente curioso. Eppure, mi risulta, che l’italiano ami la cinematografia.Quale miglior propaganda per i nostri spettacolari scorci turistici!

Non mi risulta che esistano numerose pubblicazioni in tal senso; ovvero che possano indirizzare il turista a farlo, anche senza l’ausilio di una agenzia di viaggio.

Per la verità una l’ho trovata. E’ scritta da Emanuele Roncalli, bergamasco di Sotto il Monte – Giovanni XXIII. Emanuele Roncalli è giornalista professionista, scrittore e regista. A lui dobbiamo questa perla che ora voglio illustrarvi.

 

schermata%202017-04-03%20alle%2015.58.26.png

L'autore della bella pubblicazione
Emanuele Roncalli

 

Il volume si intitola: “Un’isola da film”. E, come sotto titolo: “Un tour insolito tra le location di film, documentari, fiction, spot pubblicitari e reality tv girati nei centri e nei paesi dell’Isola Bergamasca."

Isola bergamasca? Guardo la carta geografica della provincia di Bergamo e non mi sembra di vedere isole... Quando scoprii cosa intendevano i i bergamaschi con il termine “’Isola”, capii che non aveva nulla a che fare con qualche lago. Sorrisi di gusto.


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_rt.png

"L'Isola Bergamasca"
vista dall'alto


 Ebbene, quando sentite un bergamasco che si vanta, e ne ha ben donde di farlo, di abitare nell’Isola, sappiate che sta parlando di un territorio che Giovanni Da Lezze, capitano della Serenissima, 1596, così descriveva: “Si chiama Isola per esser da due bande circondata et divisa dal Brembo e dall'Adda e dai monti, i monti sono dalla parte di tramontana; il Brembo da levante, l'angolo di Brembate di Sotto, et da mezzo di l'Adda da ponente.”

Era però già nota ai romani che la denominarono a "Pagus Fortunensis", in quanto due strade di comunicazione la collegavano a Milano e Como, oltre che a Bergamo. E su queste strade i flussi commerciali e militari crearono la sua fortuna.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_er.png

Nella cartina, In rilievo. il territorio
dell'Isola Bergamasca 

Ebbene, Emanuele Roncalli scopre che l’Isola è stata set di numerosi film, con prestigiosi attori e registi dietro la macchina da presa! Qualche nome? Ermanno Olmi, Luciano Salce, Steno (Stefano Vanzina), Giuseppe Bertolucci, Angelo Mazzola, Silvio Soldini, Felice Farina e tantissimi altri. Nella bella pubblicazione troverete dei film girati in questa "Isola" tutte le schede degli attori, registi, soggetto, ecc.

A pagina 70 troverete anche un paio di foto di Padre Davide Maria Turoldo dietro una macchina da presa cinematografica. Non voglio togliervi il gusto della sorpresa del perché di queste foto.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_de.png 
Un inedito Padre Davide Maria Turaldo
dietro una macchina da presa cinematografica


Tornando al binomio cinema-turismo, l'autore della splendida pubblicazione (vero gioiello per gli amanti del cinema) mi smentisce poi clamorosamente affermando che esiste un mercato turistico fiorente ed è anche ben avviato.

Scrive, infatti, Emanuele Roncalli: “Ci sono luoghi così ricchi di fascino e suggestione, proiettati al cinema o sul piccolo schermo, che accendono il desiderio di scoprire dove si trovino per poterli visitare ed esplorare, magari seguendo il percorso osservato nel film, quasi per riviverne la trama. Questa curiosità oggi si può soddisfare grazie al cineturismo, ovvero il turismo cinematografico, sviluppatosi in Italia negli ultimi quindici anni."
                               

der.png
                                 Ciak, si viaggia: un nuovo
                                      modo di fare turismo


"Secondo le più recenti statistiche,
- prosegue il giornalista - sono oltre 100 milioni i viaggiatori che, ogni anno, abbinano la loro vacanza alla ricerca dei set cinematografici, delle location dove sono state girate pellicole di successo e non solo. In Italia sono stati censiti oltre 1700 luoghi utilizzati dall’industria del cinema.

  b_600_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_i.png

La Home Page
dell'Ischiafilmfestival
2017

"Il cineturismo è nato all’Ischia Film Festival nel 2003  - prosegue Emanuele Roncalli- e appare sempre più un segmento di mercato dalle grandi potenzialità: fa crescere il turismo, fa conosce- re aspetti e luoghi storici, culturali e paesaggistici di un territorio. È da queste considerazioni che sono nati i “movie tour” sotto la guida di esperti del settore.

In Italia sono diversi: da Procida e Salina per “Il Postino”, a Matera nei luoghi di “The Passino”, dal castello piemontese di Agile, dove è stata girata la serie televisiva di “Elisa di Rivombrosa”, al mulino di Chiusdino (Siena), set degli spot pubblicitari del Mulino Bianco”, o ancora sulle orme del “Commissario Montalbano”, il personaggio letterario creato da Andrea Camilleri, a Porto Empedocle (Agrigento), a Castellabate per “Benvenuti al Sud”.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_ch.png

Chiusdino (SI): il Vero Mulino
Bianco della pubblicità

"E sono solo alcuni esempi - conclude Roncalli -. Questo mercato, relativamente giovane e fiorente, ha fatto nascere nel 2005 la prima Borsa Internazionale delle Location e del Cineturismo, il giornale on line Cinema & Turismo, il completissimo sito davinotti.com - che ci ha aiutato anche in questa ricerca -, altri come cineturismo.it, movie-locations.com, circuitoturismo.it, viaggidafilm.it a dimostrazione dell’interesse del pubblico verso questo nuovo modo di viaggiare e i scoprire tanti angoli del Bel Paese.”

 Ricky Tognazzi, nel suo intervento sulla pubblicazione, con il titolo di:"Ciak si gira - Un'isola per il cinema", scrive: "La guida di Emanuele Roncalli dedicata a questo spicchio suggestivo della Bergamasca è un coraggioso tentativo di dare vita a itinerari che facciano scoprire luoghi – talvolta sconosciuti ai più – dove sono stati puntati riflettori e telecamere e dove sono stati allestiti set cinematografici. "

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_re.png

L'attore regista Ricky Tognazzi


Dopo aver ricordato luoghi come Sotto il Monte - Giovanni XXIII dove il regista - attore si era recato per la realizzazione di un film Tv dedicato a Papa Giovanni, Ricky Tognazzi prosegue narrando il suo incontro con l'Arcivescovo Loris Capovilla, Segreterio privato di San Giovanni XXIII, poi Cardinale.

"Non sorprende che Sotto il Monte - conclude Richy Tognazzi - oltre ad essere interessato dal turismo religioso lo sia anche dal cineturismo, in questa zona della Bergamasca non mancano davvero i luoghi prestati al cinema: da Crespi d’Adda al traghetto di Leonardo a Villa d’Adda, passando per una serie di centri piccoli e grandi, dove sono state realizzati persino spot pubblicitari e reality per tv giapponesi.

Emanuele Roncalli ce li fa conoscere in questa guida, insolita e curiosa, ma al tempo stesso ricca di notizie e tante sorprese."

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_0-AEmanuele_678.png

Il complesso monastico
di Fontanella di Sotto il Monte

Nella sua presentazione della pubblicazione, Silvano Ravasio, Presidente PromoIsola, ricorda come la pubblicazione testimoni come un piccolo territorio possa essere al centro di storie cinematografiche di grande valore.

Scrive Silvano Ravasio: "L’idea, assolutamente inedita per il nostro territorio, di condurre per mano i turisti sui luoghi nei quali sono stati girati lungometraggi, film e fiction per la televisione e spot pubblicitari ci è parsa decisamente intrigante. Per questo motivo abbiamo fatto nostra la proposta dell’autore, Emanuele Roncalli, scrittore e giornalista, nonché profondo conoscitore della nostra realtà territoriale.


56.png

Dei 22 paesi che compongono
l' "
Isola Beregamasca",
ben 13 sono stati primi attori sul set


Ne è scaturita una vera e propria guida che abbiamo voluto intitolare “Un’Isola da film”, che di fatto spalanca le porte al cineturismo in questo angolo della Bergamasca, racchiuso fra l’Adda e il Brembo.

Con grande sorpresa abbiamo notato che in oltre la metà dei 22 Comuni che compongono il mosaico del triangolo dell’Isola sono stati puntati i riflettori di telecamere tv e macchine da presa per il grande schermo. Fatta eccezione per il capoluogo, non vi sono altre zone della provincia che possono vantare questo record."

Senza contare che il territorio sembra il luogo preferito dagl ideatori di spot pubblicitari...

rt.png

Il Villaggio di Villa Crespi, luogo privilegiato
per spot pubblicitari e fiction per la Tv

 

Il libro, edito da Promo Isola, Associazione del Turismo dei Comuni dell’Isola Bergamasca, è stato presentato  Borsa Internazionale del Turismo. Distribuito presso Promo Isola, lo si può richiedere a Promoisola Via Legionari di Polonia, 5 - Ponte S. Pietro (Bg) Telefono: +39 334.171.1234 Fax: +39 O35.790.902 Email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

3.png

La bella copertina del volume


COME RAGGIUNGERE
L'ISOLA BERGAMASCA

Strade e autostrade

Il territorio è attraversato dall'autostrada Autostrada A4 Italia.svg e servito dal casello di Capriate, dall'asse interurbano di Bergamo con svincoli a Bonate Sopra, Terno d'Isola, Ponte San Pietro e Mapello, dalla strada statale 342 Briantea e da una ventina di strade provinciali, tra cui figurano la 155, 166, 169, 170, 183 e 184.

Tra le più importanti opere in corso di realizzazione c'è l'autostrada Pedemontana Lombarda Autostrada A36 Italia.svg con un unico svincolo previsto per l'Isola a Filago.


Ferrovie

Per quanto riguarda il trasporto ferroviario, il territorio è attraversato dalle linee Lecco-Brescia e Seregno-Bergamo.

La stazione principale si trova a Ponte San Pietro posta su entrambe le linee. Le altre stazioni ferroviarie della Seregno-Bergamo sono quelle di Calusco e Terno, mentre quella di Ambivere-Mapello è posta sulla Lecco-Brescia.

 Aeroporti

Scali di una certa importanza e prossimi all'Isola Bergamasca sono quelli di:

 ben collegati sia dal punto di vista nazionale sia internazionale.

Aeroporto "Il Caravaggio"
Via Aeroporto, 13, Orio Al Serio (Bergamo)
Tel 035 452 9111



Sito Web: clicca qui

https://www.facebook.com/parcheggiaeroporto

Link correlati

 Dove siamo nel Mondo

Documenti prego

Io prima di partire mi assicuro...

Per non smarrirsi nel Mondo

La nostra pagina su Bergamo

Il Meteo Provincia di Bergamo

La nostra pagina di Viaggiare informati

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi