Messaggio

21 Dicembre 2013, ore 17,02: benvenuto Inverno!




BENVENUTO INVERNO!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.agiada_DICEMBRE2013_schermata_12-2456638_alle_09.43.52.png

di
Giacomo Danesi

 

Dicembre 2013 - Il giorno 21, alle ore 17.02, eccoci pronti a ricevere il Generale Inverno con l'arrivo del solstizio d’inverno! Astronomicamente parlando s'intende, perché le avvisaglie invernali sono già presenti metereologicamente parlando da alcune settimane.

Come amava affermare mio nonno Giacomo, se l'Inverno è arrivato la Primavera non può essere lontana. E' il giorno del solstizio invernale è anche il giorno più corto dell'annoquesto 21 Dicembre 2013? Sicuramente sì, Infatti, il Sole raggiunge la sua massima distanza al di sotto dell’equatore celeste (circa -23,5°), e in quel momento l’arco apparente che il Sole descrive ogni giorno, da sud-est a sud-ovest, è ridotto al minimo. Il risultato è che ci troviamo così nel giorno più corto dell'anno.

 

schermata%2012-2456638%20alle%2009.48.04.png

Ecco graficamente la posizione della
Terra nell'istante del solstizio d'Inverno

 

Eppure i nostri nonni e i nostri genitori ci dicevano che il giorno più corto era quello di Santa Lucia, ovvero il 13 dicembre! Come mai questa discrepanza? Naturalmente non è vero che sia il giorno 13 dicembre il giorno iù corto dell'anno, anche sé, curiosamente, il Sole in quei giorni prima e dopo il 13 tramonta sicuramente prima del giorno del solstizio. Il fatto che tramonti prima però non significa che il giorno sia più corto!

Infatti, effemeridi alla mano, il giorno del solstizio d'inverno il Sole tramonta alle ore 16,42, ben 3 minuti dopo rispetto al giorno di Santa Lucia, ovvero il giorno 13 dicembre tanto atteso dai bambini nelle regioni settentrionali della nostra bella Italia.

 

schermata%2012-2456638%20alle%2009.51.39.png

 

Il Sole, però, era sorto ben 6 minuti più tardi rispetto al giorno 13. Questo significa che il Sole è restato sopra l'orizzonte quasi 3 minuti in meno rispetto al giorno 15. Ergo: il giorno più corto dell'anno del 2013 è il giorno 21 dicembre!

Immagino che molti nostri lettori nei primi giorni di dicembre non avranno certo mancato di guardare il cielo al tramonto a sud-ovest per ammirare lo spettacolo della falce della Luna crescente, accompagnata dal pianete Venere. Bellissimo spettacolo!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.agiada_DICEMBRE2013_schermata_12-2456638_alle_09.55.09.png

La bella rappresentazione grafica della visione del cielo
del giorno 5 dicembre 2013 al tramondo.
La foto è tratta dsal sito www.http://www.astroperinaldo.it

 

Ebbene, la nostra Venere che negli ultimi giorni di novembre tramontava quasi 3 ore dopo il Sole, durante il mese di dicembre, invece, la vedremo sparire sull'orizzonte ogni sera più velocemente. Se a fine anno guarderete verso il tramonto la vedrete sparire molto prima: ben 1 ora mezzo dopo il tramonto del Sole. Durante tutto questo mese il pianeta venusiano rimane nella costellazione del Sagittario.

 

schermata%2012-2456638%20alle%2009.38.46.png

Il francobollo che la Serenissima
Repubblica di San Marino
dedicò alle costellazioni



Detto di Venere, vi state chiedendo dove trovare in questi giorni il pianeta Marte nel nostro cielo? Intanto anticipa sempre di più la sua apparizione. Infatti, occorrerà aspettare l'una di notte per vederlo sorgere verso oriente. E alle prime luci dell'alba occorrerà volgere lo sguardo nel cielo del Sud per trovarlo. Durante questo suo tragitto notturno lo possiamo, invece, ammirare nella costellazione della Vergine.

Fossi in voi non mi perderei la splendida congiunzione della Luna piena con le Pleiadi. Infatti, nella notte tra il 14 e 15 dicembre il nostro satellite (sarà Luna piena in pratica) attraverserà tutta la costellazione del Toro, avvicinandosi alle Pliadi in direzione di Aldebaran e le Iadi.



schermata%2012-2456638%20alle%2010.14.47.png

La posizione grafica della Luna
Rappresentazione
da Polluce Notizie


Cosa fa, invece, Giove di questi tempi? Regna sovrano nella volta celeste. In pratica lo possiamo vedere tutta la notte a sud-est nelle prime ore notturne. Dopo la mezzanotte basterà guardare verso sud.

 

schermata%2012-2456638%20alle%2010.12.11.png

La posizione della Luna e di Giove
Rappresentazione

grafica di Polluce Notizie

 

Bella la congiunzione del pianeta con la Luna il 19 dicembre, con sullo sfondo la costellazione dei Gemelli.

Il palcoscenico della costellazione invernali, occorre dirlo, è veramente straordinario d'inverno. Tanto era povero di stelle brillanti il cielo autunnale, tanto è ricco quello invernale. In quello invernale, infatti, troviamo le stelle più brillanti della volta celeste.

Da Sirio alla rossa Aldebaran della costellazione del Toro, a Castore e Polluce (i Dioscuri) della costellazione dei Gemelli, senza dimenticare Procione e Capella, rispettivamente delle costellazioni del Cane minore all'Auriga lo spettacolo è assicurato.

La più bella costellazione invernale? Sicuramente Orione, con le tre stelle allineate della sua cintura e le stelle di contorno che portano il nome di Betelgeuse, Rigel, Bellatrix e Saiph.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.agiada_DICEMBRE2013_schermata_12-2456638_alle_09.26.28.png

Le tre stelle della Cintura di Orione.
Da sinistra: AlnitakAlnilam e Mintaka.
Ben visibile nella foto
anche la nebulosa nota
come Testa di Cavallo

 

La sua forma a clessidra  e la sua posizione a cavallo dell'equatore celeste, Orione per gli osservatori del cielo di tutto il mondo è il primo punto di riferimento in assoluto della volta stessa. 

 

schermata%2012-2456638%20alle%2010.24.29.png

La splendida costellazione di Orione.
A centro ben visibile la cintura con le tre stelle.

In alto a sinistra la stella Betelgeuse (Alfa Orionis)), una supergigante
rossa secondo per luminosità nella costellazione alla stella Rigel


Con piccoli strumenti (è sufficiente anche un buon binocolo) non è difficile individuare la celeberrima nebulosa M42, situata nella spada, poco al di sotto della cintura.

Con l’arrivo dell’Inverno entriamo definitivamente nel periodo di miglior osservabilità delle grandi costellazioni che caratterizzeranno il cielo nei prossimi mesi. Le costellazioni autunnali, povere di stelle brillanti e non sempre facilmente identificabili dal neofita – Capricorno, Acquario, Pesci – si avviano al tramonto nel cielo di Sud – Ovest, sostituite a Sud – Est dall’inconfondibile costellazione di Orione, accompagnata dal Cane Maggiore con la fulgida Sirio, dal Toro, dai Gemelli.



b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.agiada_DICEMBRE2013_skymap_pro_-_map1_2013-12-11_11-38-33.png_sud.png

21 Dicembre 2013, ore 17,02: Solstizio invernale
Ecco come appaiono nel cielo
le costellazioni guardando a Sud

 

Per alcune ore dopo il tramonto è ancora possibile osservare a Ovest alcune costellazioni che abbiamo potuto seguire per il periodo autunnale: il grande quadrilatero di Pegaso, Andromeda con l’omonima galassia, Perseo (nei pressi del quale quattro anni fa abbiamo ammirato la cometa 17P/Holmes, ricordate?), la minuscola costellazione del Triangolo, accanto all’altrettanto piccola costellazione zodiacale dell’Ariete.


b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.agiada_DICEMBRE2013__2013-12-11_11-40-11.png_ovest.png

21 Dicembre 2013, ore 17,02: Solstizio invernale
Ecco come appare il cielo a Ovest

 

Dalla parte opposta del cielo, in tarda serata si potrà assistere al sorgere delle costellazioni del Cancro e, successivamente, del Leone.

Stavo per dimenticare le fasi lunari in questo mese di dicembre 2013...



b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.agiada_DICEMBRE2013_schermata_12-2456638_alle_12.07.30.png
Le fasi lunari del mese
di Dicembre 2013




Lo spettacolo serale e notturno è naturalmente gratuito...


Link Correlati 

Unione Astrofili Italiani 

Osservatori Astronomici in Italia 

Unione Astrofili Bresciani  - Osservatorio
Astronomico 
"Serafino Zani"

I Parchi delle Stelle 

Sky Mak Demo 8 

Nuovo Orione 

Astronomia 

Coelum

Skylive Telescopi & Astronomia

 

Articolo correlati

L'Equinozio d'Autuno 2013

Vaghe stelle dell'Orsa...

C'è qualcosa di nuovo oggi nel cielo, anzi, d'antico...

E le stelle stanno a guardare...

E quindi uscimmo a riveder le stelle

San Lorenzo, io lo so perché...

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook! 

 

 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi