Messaggio

Il sole e la neve: il fascino delle emozioni




 Il fascino e le
emozioni dei ricordi

di
Giacomo Danesi

 

Quattordici Febbraio 2013, padiglioni della Fiera Milano, primo giorno della B.I.T. (Borsa Internazionale del Turismo).

Allo stand del Nepal, del comune amico Navyo Eller, incontro Luigi Alfieri, amico, collega e compagno di tanti viaggi.. Apre il suo borsone e toglie un libro da me tanto atteso. Il titolo? Il sole e la neve, con tavole illustrate di Enrico Robusti, edito da Fermoeditore.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_schermata_02-2456350_alle_11.59.53.png

Luigi Alfieri in una bella istantanea
di Pierluigi Orler


Gli chiedo di dedicarmelo e, mentre scrive, noto il dorso dello splendido volume. I bibliofili lo sanno bene. Prima ancora di visionare il contenuto, il loro occhio si pone sul dorso. Nel mio caso mi trovo una rilegatura alla giapponese con dorso in tessuto e piombino, e con logo Fermoeditore!

 b_400_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_schermata_02-2456350_alle_14.33.19.png

 

L'elegante cordino con
il piombino dell'editore


Non leggo subito la sua dedica, che scoprirò poi bellissima e sentita. Non apro nemmeno il libro, che depongo con cura nel trolley. Lo farò in treno, verso sera, durante il tragitto Milano - Brescia. Apertolo resto subito affascinato dalla carta con la quale lo stesso è formato: è in carta paglia 100gr/mq.

Si, avete capito bene: la carta con la quale i nostri nonni incartavano la carne, il pesce, il formaggio.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_schermata_02-2456350_alle_15.03.11.png

Il sole e la neve:
ll fascino dei ricordi


No, non vi descriverò l'interno del volume sotto l'aspetto tecnico, con i freddi dati tanto cari agli editori e a chi, quasi sempre, non legge nemmeno il contenuto: “chiusi”, “stampati”, “a due colori in bianca”, ecc, che troverete scritto nelle prime pagine dello stesso.

Non potevo però non notare subito le splendide illustrazioni a colori di Enrico Robusti delle quali il libro è impreziosito.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_397172_406393789425998_2110220953_n.jpg

Una delle splendide
illustrazioni di Enrico Robusti


Un paio di pagine più avanti, ecco una scritta che attira la mia attenzione: “Ai protagonisti di un mondo che non c'è più, ma continua a vivere nei nostri cuori. Un mondo senza cellulari e social network dove il tempo si contava seguendo il corso della luna. Il mondo dei miei nonni, di mio padre, di mia madre. Il mondo della carta di paglia.”

Mi commuovo. Anch'io provengo dal quel mondo ormai scomparso. E ogni mese ritorno a Torbiato di Adro in via Cinquino, in Franciacorta nel bresciano, davanti al cascinale ormai diroccato dove ho trascorso la mia infanzia tra infiniti disagi e privazioni. E piango. Sempre.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_548637_413726078692769_1697411564_n.jpg

 L'inconfondibile tratto
dell'artista Enrico Robusti


Fortunatamente non leggo subito la scritta sul retro della pagina dove c'è la scritta sopra citata. E' stato un bene non averla letta subito. La propongo dopo ai lettori.

Poi, a casa, la lettura del libro, o meglio:  "142 sono i "coriandoli" che compongono Il sole e la neve. Microstorie disposte in ordine all’apparenza casuale: solo alla fine della lettura si scopre la trama di un unico racconto.
Frammenti di vita di persone diverse nella campagna parmense degli anni sessanta che si adagiano sui larghi fogli di quella "carta paglia" che veniva utilizzata dai droghieri del secolo scorso per accartocciare salumi e formaggi.schermata%2002-2456350%20alle%2010.40.23.png

 

L'elegante copertina del
volume La neve e il sole

 

L'ho fatto con grande pathos, e commuovendomi tante volte. Troppe. L'ho letto lasciandomi trasportare da un leggero oblio e “trasferendomi”, quasi senza accorgermi, in quel mondo ormai lontano nell'universo.

Certo, cambiano i nomi degli “attori”, dei “protagonisti”, dei paesi, delle località, delle frasi e detti dialettali (mi sono divertito a tradurli in bresciano  - bergamasco...) che Luigi Alfieri, da consumato scrittore-giornalista, descrive mirabilmente.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_30356_411818665550177_317317030_n.jpg

Un'altra ricca illustrazione ricca di fascino
che correda lo splendido volume illustrato
da Enrico Robusti su testo di Luigi Alfieri


Non saprei dire quanto tempo sia trascorso prima di ritornare alla realtà. Come noto il tempo non esiste quando la tua mente divaga nel passato. Quel salto all'indietro che, usando un linguaggio tecnico tanto caro ai saltatori dal trampolino, definirei come triplo salto mortale all'indietro, carpiato, mi ha fatto bene.

Ora ogni giorno rileggo un passo de “Il sole e la neve”. Mi fa sognare. Pensandoci bene forse aveva ragione Giorgio Bassani quando nelle “Cinque storie ferraresi” del 1956 scrisse che: “La vita sa confondere le sue tracce, e tutto del passato, può diventare materia di sogno, argomento di leggenda.”

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_540439_438329449565765_492061995_n.jpg



Come dite? La scritta sul retro della pagina sopra citata? Eccola: “Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. La narrazione è interamente frutto dalla fantasia dell'autore.”

No, Luigi Alfieri, questo il tuo editore non doveva importelo. Nella tua splendida narrazione nulla è casuale. I fatti e le persone citate sono vere e sono esistite. E non solo nella tua fertile fantasia...

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_71614_442886052443438_449469552_n.jpg

 

Infatti, non era John Keats, nella sua “Lettera a Benjamin Bailey” del 1817, che scrisse: “La fantasia si può paragonare al sogno di Adamo: Adamo si destò, e scoprì che era verità.”?

Dopo la partecipazione lo scorso anno alla Frankfurter Buchmesse, Il sole e la neve porta ora il profumo d'Italia negli Stati Uniti. 

 

schermata%2002-2456350%20alle%2012.08.52.png

Francoforte: Luigi Alfieri ed Enrico Robusti
mostrano la loro opera


Infatti, ll libro sarà presentato il 10 marzo 2013 alle 13 a New York dallo scrittore Luigi Alfieri e dall'editore Fermo Tanzi durante l'incontro annuale della Berceto Foundation che si terrà al Ristorante Riccardo's by the bridge (2101 24th AVE - Astoria, Queens NY 11102 - Ph. 718.721.7777 - www.riccardos.com).

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.ALFIERI_schermata_02-2456350_alle_13.42.01.png



Una bella occasione per tutti gli italiani che vivono nella Grande Mela per assaporare le atmosfere dell'Italia di una volta. 


E' possibile partecipare al meeting contattando gli organizzatori via email oppure telefonando al numero 718-932- 4261.

Luigi Alfieri (Cella di Palmia, Parma, 10 aprile 1957) è scrittore e giornalista di viaggi. È stato presidente di Neos,l’associazione che raccoglie giornalisti e fotografi del settore.

Ha scritto libri di argomento storico e letterario (fra i quali Il piccolo Socrate, edito da Guanda), di gastronomia e di attualità. Ha realizzato un lungometraggio su temi legati alla tossicodipendenza trasmesso da Rai Uno. È capo redattore della Gazzetta di Parma, il quotidiano più antico d’Italia, e ha collaborato per oltre un decennio con La Stampa di Torino.

Ha organizzato mostre fotografiche e convegni su viaggio, poesia e letteratura in generale. Nel maggio 2011 ha pubblicato "Dune, balene e microchip, sette anni in giro per il mondo". Il suo ultimo lavoro è "Il sole e la Neve" presentato nel settembre 2012

Luigi Alfieri è citato nel nono volume dell'enciclopedia Storia di Parma (Mup Editore, 2012) tra gli scrittori di rilievo degli ultimi 800 anni di letteratura cittadina.

Enrico Robusti, artista parmigiano, dopo gli studi classici e una laurea in Giurisprudenza si dedica allo studio della tecnica pittorica, con particolare riferimento alla scuola seicentesca di Van Dick e Rubens.

Federico Zeri lo presenta nel 1991 in una mostra di ritratti alla Consigli Arte. Da quel momento Robusti fa dell’attività di ritrattista la sua professione.

Dal 2004 intraprende una nuova strada espressiva, con importanti riconoscimenti in ambito nazionale e internazionale; del 2011 la personale all’Albemarle Gallery di Londra e la partecipazione alla 54° biennale di Venezia.

 

Link correlati

Il sito de Il sole e la neve

I libri di Luigi Alfieri

Il sito  de Il sole e la neve di Enrico Robusti

Il sito de Il sole e la neve di Luigi Alfieri


Per acquistare il volume clicca qui!

 

Il sole e la neve è su Facebook!

Anche il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook...

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi