Messaggio

Nelle Fiandre tra i capolavori della pittura




 

b_500_0_16777215_00___images_CULTURA_fiandre_800px-panobrug_-_img_6015_-_img_6019_-_7525x1974_-_clin_1.jpg

La splendida città di Bruges
 

Belgio: I capolavori della pittura
fiamminga nelle Fiandre

 

Anche quanti non s'interessano espressamente di arte conoscono, almeno per sentito dire, l’importanza della pittura fiamminga, che si sviluppò all’inizio del 1400; quindi in concomitanza con la nascita del Rinascimento italiano, e di quello toscano in particolare, con il quale vi furono non poche reciproche influenze.

ll tutto per la geniale opera di Jan Van Eyck che dominò incontrastata la scena della pittura nelle Fiandre, la regione settentrionale del Belgio, per ben tre secoli. Tutto questo influenzò la maggior parte della produzione artistica europea, fino a raggiungere il proprio acme nel 1600 per poi concludersi, poco dopo, con i capolavori di Pierre Paul Rubens, l’insuperato maestro della pittura figurativa il quale seppe mischiare sapientemente luce, forme e colori.

 

b_450_0_16777215_00___images_CULTURA_fiandre_fiandre10mv_jan_van_eyck.jpg

 

Il capolavoro di Jan Van Eyck : "I coniugi Arnolfini"

 

In estrema sintesi la pittura fiamminga deve la propria fortuna ad una serie di innovazioni tecniche, capaci di modificare profondamente la pittura del tempo e quella successiva, quali l’uso dei colori ad olio, le figure in posa di 3/4  e l’introduzione della tridimensionalità. La pittura ad olio, rispetto a quella a tempera e all’affresco usate fino ad allora, permetteva con la tecnica delle velature diversi gradi di sfumature e un maggior cromatismo, con una varietà infinita di colori e di toni, rendendo i dipinti brillanti e luminosi e aumentando la profondità prospettica.

 

b_500_0_16777215_00___images_CULTURA_fiandre_memling_triptych_of_adriaan_reins.jpg

 

Fino al 1400 i personaggi venivano ritratti di fronte o di profilo: i maestri fiamminghi cominciarono a ritrarli invece di 3/4 , consentendo di cogliere maggiormente particolari fisici e psicologici. Per la prima volta poi viene evidenziata la potenza espressiva della luce, di fondamentale importanza soprattutto nella pittura decorativa di interni, con un effetto quasi fotografico. Con la tridimensionalità infine colori, prospettive e luminosità fanno sentire chi la guarda all’interno della scena ritratta. La pittura fiamminga, che influenzò positivamente altre forme d’arte come oreficeria, ceramica, vetro e arazzi, non sorse a caso.

Essa fu l’espressione culturale più tangibile del benessere economico e mercantile delle Fiandre in quell’epoca, legato alla produzione e al commercio delle stoffe: non più quindi una committenza esclusiva da parte di nobili ed ecclesiastici, ma una produzione per i ricchi borghesi che vedevano nella pittura un simbolo di potere da ostentare.

Le località delle Fiandre, la regione costiera settentrionale del Belgio, dove maggiormente si sviluppò la pittura fiamminga e dove ancora oggi se ne possono riscontrare consistenti tracce sono le città di Anversa, Bruges e Gand, tutte a breve distanza ed a nord di Bruxelles.


Anversa (Antwerpen in fiammingo) è la seconda città del Belgio e il secondo porto europeo dopo Rotterdam, centro industriale e primo al mondo per quantità di lavorazione dei diamanti.

 

b_450_0_16777215_00___images_CULTURA_fiandre_anversa-la-cattedrale.jpg

 

La città di Anversa
e la sua cattedrale

 

Nel XV e XVI sec. era considerata il più attivo mercato delle Fiandre, specializzata in tessuti, spezie e pietre preziose, mentre nel suo porto approdavano i galeoni spagnoli carichi di tesori provenienti dal Nuovo Mondo. Sorge nell’estuario del fiume Scheda, ad 88 km dal Mare del Nord. Presenta la città medievale a ridosso del porto e quartieri moderni a raggiera autosufficienti, separati da ampi spazi verdi. Poche città riescono ad unire così mirabilmente l’antico e il moderno: eclettiche residenze art nouveau fronteggiano infatti ville neorinascimentali, mentre la circonvallazione è stata ricavata abbattendo le mura medievali.

Terra natia di Rubens, possiede parecchi capolavori architettonici, dalla cattedrale di Notre Dame del XIV sec., la maggior chiesa gotica del Belgio, al rinascimentale Hotel de la Ville del XVI, nonché l’antico castello ora trasformato in museo con opere di Rubens, Van Dick e altri maestri fiamminghi.

Bruges (Brugge), centro di grandi tradizioni storiche e artistiche, in età medievale era famosa per la lavorazione dei merletti e il commercio della lana, mentre nel XIII-XIV sec. era una delle piazze commerciali e finanziarie più importanti d’Europa.

 

b_450_0_16777215_00___images_CULTURA_fiandre_cappella_del_santo_sangue.jpg

 

La Cappella del Sacro Sangue

 

Antico porto della Lega Anseatica, oggi costituisce la città medievale meglio conservata del continente, un vero museo vivente rimasto fermo a 7 secoli fa. Composta da due distinti nuclei storici, un tempo fortificati, ora le mura sono state sostituite da canali ellittici, ma restano a testimonianza quattro antiche porte.

Importante meta turistica, il centro storico gotico-rinascimentale presenta numerosi edifici di gran pregio, come la piazza del mercato affacciata da case e torri mediev
ali, il municipio trecentesco (il più antico in stile gotico del Belgio), la cappella del Sacro Sangue, la cattedrale (la più antica chiesa gotica belga in laterizio) e quella gotica di Notre Dame, ricca di opere d’arte. Bruges è stata sede della celebre scuola dei fratelli Van Eyck e di numerosi altri maestri della pittura fiamminga.
 

b_500_0_16777215_00___images_CULTURA_fiandre_fiandre13m.jpg


Il Polittico dell'Agnello Mistico o Polittico di Gand di
 Jan van Eyck e Hubert van Eyck
 
 
Prima di lasciare Bruges visitate l'Historiun Bruges, che sarà inaugurato il 25 novembre 2012. Creato con criteri d'avanguardia sarà di aiuto al visitatore per capire, con un viaggio a ritroso nella storia, anche la pittura fiamminga. 
 
Infine Gand (Gent), secondo porto belga molto attivo nei traffici con l’Inghilterra, rappresenta la seconda più grande città medioevale in Europa dopo Parigi. Il suo centro storico ruota attorno al castello dei conti di Fiandra, risalente al lontano 940; non ha una piazza principale come le altre città fiamminghe, ma diverse piazze sedi di antichi mercati, affiancate da edifici delle varie corporazioni, da torri, ponti e case lungo i canali,  nonché da un pregevole granaio romanico duecentesco. 


Fuori città da non perdere l’antico Bèguinage, convento femminile tipico delle città fiamminghe, con chiesa del 1242, famoso per la lavorazione a mano del merletto. Per i fiamminghi i beghinaggi sono i monasteri per le donne. 

 

 b_450_0_16777215_00___images_CULTURA_fiandre_gand.png


 Uno scorcio di Gand

 

L’operatore milanese “Adenium – Soluzioni di viaggi” (tel. 02 69 97 351, www.adeniumtravel.it), specializzato in turismo culturale qualificato, propone dal 16 al 20 maggio 2012 un viaggio di 5 giorni alla scoperta dei gioielli artistici e architettonici delle Fiandre ed ai capolavori della pittura fiamminga, guidati da un’esperta storica d’arte.

Volo di linea da Milano a Bruxelles, pernottamenti in hotel 4 stelle ad Anversa con prima colazione, guide locali di lingua italiana e accompagnatrice dall’Italia, quota da 1.100 euro in doppia.

   

Link correlati

Dove siamo nel mondo

La nostra pagina su
Il Regno del Belgio

Io prima di partire mi assicuro

Il Video

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi