Messaggio

1917- 1918: “L’ann de la fam”




Museo Marmolada Grande Guerra:

"L’ANN DE LA FAM 1917-1918"

Il ruolo delle donne nella
Grande Guerra, cento anni dopo 

RIAPRE LA FUNIVIA MARMOLADA
E INAUGURA LA MOSTRA
DEDICATA ALLE DONNE

"Perdere il passato significa
perdere il futuro"

Cit.

 schermata%202017-06-24%20alle%2018.28.15.png

 Franco Murer: Crocerossine.
Incisione colorata a mano


Sabato 24 giugno 2017, Malga Ciapela (BL) -
Il 1 luglio apre la funivia di Marmolada con una stagione ricca di eventi (vedi allegato). Per l’occasione il biglietto della funivia avrà un costo ridotto proprio per permettere a tutti di visitare la Marmolada  Patrimonio Unesco ed il Museo e partecipare all’inaugurazione della mostra temporanea che, per tutto luglio, rende omaggio alle donne italiane durante la Grande Guerra.


muse.png

Il 1917 è, infatti, “L’ann de la fam”, l’anno della fame, l’anno in cui la fuga dell’esercito italiano, dopo la disfatta di Caporetto, lascia le popolazioni locali in balia dell’esercito austro-ungarico. Per le donne è l’anno più duro, quello in cui si lotta anche contro la requisizione delle erbe selvatiche per dare da mangiare ai figli.

Per questo Museo Marmolada Grande Guerra 3000m. e  Marmolada S.r.l. hanno deciso di organizzare nella sala polifunzionale di Serauta una mostra dedicata a queste donne e basata sulle opere dell’artista falcadino Franco Murer.


er-.png
                                 Il Manifesto dello mostra


La mostra (in allegato invito) sarà inaugurata il 1° luglio 2017 e potrà essere visitata fino al 31 luglio. Per il primo giorno, il biglietto della funivia sarà scontato. 

La giornata dell’inaugurazione sarà ricca di incontri. Il 1 luglio a partire dalle 11.00 si alterneranno, infatti, le voci dell’artista Franco Murer (autore delle suggestive porte dipinte presentate nella mostra) con le pagine di Dario Fontanive, i racconti storici di Luciana Palla e le testimonianze delle donne dell’epoca lette da Marilisia Luchetta accompagnate dslla musica di Greta Marcolongo.

 

de.png

Franco Murer: Porta in legno
dipinta
"Portatrici di pane"


A fare da mmoderatore sarà la giornalista Sandra Bortolin, che illustrerà da diversi punti di vista il ruolo che le donne hanno rivestito durante la Grande Guerra.

Tutti daranno voce ad un coro femminile che poche volte è stato ascoltato, anche attraverso testimonianze originali dell’epoca come le contadine, operaie, macchiniste, cuoche, crocerossine, come le sorelle Marinaz, femministe, attiviste, come Rosa Genoni, pacifistee combattenti come Viktoria Savs, o spie doppiogiochiste come Mata Hari.  

 

mata.png

  Franco Murer: Margaretha Geertruida Zelle,
alias Mata Hari
Scultura in bronzo

 Le donne sono state protagoniste di una guerra che avrebbe portato grandi cambiamenti in Europa, a partire dal diritto al voto concesso alla popolazione femminile in alcuni Paesi a conflitto terminato, un riconoscimento al loro valore, che in Italia arriverà solo dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma che ha dato significato al ruolo della donna durante la Prima Guerra Mondiale.

 Il PROGRAMMA INAUGURALE
DELLA MOSTRA

 Modera l’incontro la giornalista Sandra Bortolin.

Ore 10.00 – 11.00 salita in funivia fino a Serauta

11.00 Inaugurazione della Mostra. Saluti dei
Presidenti del Museo e di Marmolada Srl

11.10 Intervento del Sindaco di Rocca Pietore

11.30 Le pagine di Dario Fontanive “L’ann de la Fam 1917-1918”

11.50 La musica di Greta Marcolongo

12.00 La storia delle donne raccontata da Luciana Palla

12.20  Visita alla mostra dell’artista Franco Murer

12.50 Le testimonianze lette da Marilisia Luchetta

13.10 Visita guidata al Museo Marmolada Grande Guerra

14.00 Momento conviviale in sala polifunzionale

 La mostra è aperta al pubblico

INFO

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_2.RITAFERRIES_1.DOLOMITIGUERRA_5r.png

Clicca qui!

 Link Correlati

Le Regioni Italiane

Il Meteo a Malga Ciapela

Come raggiungere Malga Ciapela

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Anche il Museo Grande Guerra Marmolada
è su Facebook!

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi