Messaggio

Io l'inglese lo imparo a gesti...




Io l'inglese lo
imparo a gesti...

 

schermata%202015-03-11%20alle%2016.04.48.png

 "Se parli tre lingue sei trilingue.
Se parli due lingue sei bilingue.
Se parli una sola lingua, rischi di restare
per sempre fuori dal mondo del lavoro.
"

(Anonimo)

 

b_400_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_1.DANESI_00.CULTURAMEZZANA_schermata_2015-03-12_alle_15.29.58.png

 

Brescia - Vero o falso questo aforisma? "Temo" che sia vero. Soprattutto per i giovani imparare almeno due lingue, oltre l'italiano, è assolutamente indispensabile. Il problema vero è come e dove impararle?

Basta aprire un elenco telefonico per trovare centinaia di scuole, più o meno autorizzate, che affermano essere "uniche" nel loro metodo per facilitare l'apprendimento della lingua inglese che sta soppiantando le lingue nazionali.

Sono veramente così semplici i metodi per imparare una lingua straniera? Io penso di no. Di sicuro ci vuole costanza e metodo. Sulla costanza i cinesi, sempre maestri nei proverbi, amano ripetere che imparare è come remare controcorrente: se smetti, torni indietro. Tutto vero. Però io ritengo che il metodo siano assolutamente primario per imparare un lingua.

 

schermata%202015-03-12%20alle%2015.59.55.png

 

Mi ha incuriosito questo metodo proposto che ora, molto brevemente, mi accingo ad illustrarvi. Si chiama “Sign of the Times”, ovvero Segno del tempo, ed a proporlo è Parley. A proporlo è una nuova scuola di lingua inglese; scuola fortemente e volutamente innovativa.

Il suo inventore è Anthony Walsh, laureato in letteratura inglese a Londra, docente alle Nazioni Unite in Scienze della Comunicazione e presso la Metropolitan University di Londra. Da diversi anni il metodo e sperimentato con successo in Inghilterra, all'università di Cork in Irlanda e in Italia. E sembra che sia molto efficace ad ogni livello e soprattutto con studenti di ogni età.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_1.DANESI_00.CULTURAMEZZANA_schermata_2015-03-12_alle_15.21.59.png

Il Professor Anthony Walsh, ideatore
del metodo “Sign of the Times”

 
L’insegnamento è rivolto a bambini, ragazzi e adulti anche con esigenze lavorative. Gli studenti sono incoraggiati ad imparare a muoversi e conoscersi in inglese, senza il timore di sbagliare o di non essere all’altezza.


L’inglese va acquisito in modo programmato e sistematico con il fine di migliorare la comunicazione e l’interazione con l’ambiente circostante. Ciò porta ad una migliore conoscenza degli altri e di se stessi. Scrivere per rafforzare e personalizzare l’apprendimento. Con “Sign of the Times” i veri protagonisti sono gli studenti stessi.

 

 b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_1.DANESI_00.CULTURAMEZZANA_schermata_2015-03-12_alle_16.02.46.png

 

La lingua straniera non è concepita come qualcosa di estraneo e difficile, ma invece di diverso e divertente. Il metodo utilizza il gioco e l’esercizio motorio come base per l’acquisizione dei concetti linguistici, con segni, gesti e movimenti specifici studiati ad hoc.

Nessun altro metodo è in grado di offrire altrettanto ed è questo che distingue “Sign of the Times” e che lo rende unico.
Par di capire che la gestualità, come nel mondo della sordità, sia preminente e qualificante.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_1.DANESI_00.CULTURAMEZZANA_schermata_2015-03-12_alle_15.42.17.png

 

Lo studente interagisce con lo spazio, il tempo e la logica attraverso l’esperienza fisica per migliorare la tecnica espressiva e l’abilità comunicativa. Lo studente non assimila l’inglese tramite la traduzione dall’italiano ma attraverso l’intuizione e l’interpretazione di una serie di gesti universali. La parola, ma più avanti anche la grammatica, non è più astratta ma diventa visibile, dinamica e divertente, facilitando l’apprendimento.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_1.DANESI_00.CULTURAMEZZANA_schermata_2015-03-12_alle_15.51.23.png

 

Parley lavora per sviluppare il concetto di responsabilità collettiva tramite il principio di TEAMWORK creando un senso di appartenenza al proprio gruppo. Imparare assieme agli altri significa imparare prima e meglio. La lingua non viene insegnata per sé ma applicata alla comunicazione con gli altri.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_1.DANESI_00.CULTURAMEZZANA_schermata_2015-03-12_alle_15.39.47.png


Imparare a muoversi in un gruppo per raggiungere obiettivi personali e collettivi. Il sistema di insegnamento stimola la conoscenza della realtà circostante, degli altri e di se stessi. Lo studio dell’inglese deve giungere al risultato pratico della comunicazione.

 

schermata%202015-03-12%20alle%2015.55.49.png

 

Il corso qui proposto, della durata di 14 giorni, si terrà in Irlanda dal 16 al 19 Luglio 2015 presso la University Colle Cork e possono partecipare gli studenti di 3^ media e delle scuole superiori.

Clicca qui per leggere il bellissimo programma che comprende come minimo ben 80 ore di corso. Tutti i partecipanti saranno alloggiati nel Campus Universitario di Cork in camera singola in appartamenti o suite  dotati di ogni confort con wifi, study area e servizi e trattamento di pensione completa.


schermata%202015-03-12%20alle%2015.18.07.png


Nel depliant on line troverete tutte le notizie necessarie per parteciparvi, e soprattutto rimarrete colpiti delle innumerevoli iniziative atte a far sì che al ritorno la lingua inglese non sarà più un problema per i partecipanti il cui corso inizia ancor prima di salire sull'aereo che li porterà in Irlanda! 

INFO
Parley Srl
Via Vallecamonica 17/A
primo piano
25132 Brescia
Tel. 345 933 6304

www.parley.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Link correlati

Regione Lombardia

La città di Brescia

La nostra pagina sull'Irlanda

Il Meteo a Cork


Articoli correlati

Io l'inglese lo imparo in un kibbutz... israeliano

Io viaggio e imparo il portoghese...


Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Avete visto il Gazzettino del Pellegrino?

 

 

 

 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi