Messaggio

Calabria: sulle orme del monachesimo bizantino




In Calabria ti guido io!

Bivongi – Stilo- Pazzano

Sulle orme del
monachesimo bizantino

 

schermata%202014-11-10%20alle%2017.32.59.png

di

Daniela Strippoli

 

E’ l’itinerario trai più affascinanti della Calabria bizantina. Ricalca il percorso dei monaci greci che hanno lasciato la Grecia durante il periodo della lotta iconoclasta che sancì la distruzione delle immagini sacre. In questa parte della Calabria, appartenuta all’Impero Bizantino per circa cinque secoli, i monaci anacoreti hanno trovato il luogo ideale per il loro raccoglimento. L’itinerario prevede un’intera giornata e permetterà di conoscere i tre paesi che sono vicini l’uno all’altro e regalano profonde emozioni.

L’itinerario prevede tre tappe fondamentali: visita al monastero bizantino di san Giovanni Teristi a Bivongi, visita alla Cattolica di Stilo, e visita all’eremo di Monte Stella a Pazzano

  

schermata%202015-01-15%20alle%2017.15.09.png

  La bellissima Vallata dello Stilaro 
come appare dal castello normanno 

 

Bivongi è un comune italiano di 1.378 abitanti in provincia di Reggio Calabria. Dista 17 km da Monasterace, sul versante Ionico, e 35 Km da Serra San Bruno (VV). 

Sorge in collina e per raggiungerlo bisogna percorrere la SS 106. E’ situato, per meglio intenderci, a circa metà strada tra Reggio Calabria e Catanzaro.

Per raggiungere il Paese si costeggia la superba  Valle dello Stilaro dominata in alto dal suggestivo Monte Consolino che incastona su un suo fianco, la famosa Cattolica di Stilo che dista, infatti solo 3 Km. Più in alto del Monte Consolino si erge ancora più imponente il Monte Stella che fa già parte delle montagne delle Serre.

Il centro storico del paese presenta la tipica struttura di un antico borgo medievale con  le vecchie abitazioni poste l’una a fianco all’altra e rivolte verso il fiume. Numerose case conservano  caratteristici cortili e bellissimi “portali”.

 

schermata%202015-01-15%20alle%2017.34.02.png  

 Il Monastero di San Giovanni
Teristi di Bivongi

 La risorsa di Bivongi è soprattutto il suo ricco Patrimonio-Storico-Culturale.   Particolarmente incisivo fu il periodo bizantino, già preceduto da quello magnogreco e quello romano. Ma fu La forte influenza dei monaci bizantini  che segnò l'affermarsi nella cultura locale di un forte senso religioso che si respira e ci avvolge non appena cominciamo a salire la vallata.

 

schermata%202015-01-15%20alle%2017.36.16.png

San Giovanni Teristi conserva un unicum
architettoniconella soluzione del tamburo

  

L'altra Grande risorsa è il fascino naturalistico che ci viene offerto dalle bellissime Cascate del Marmarico tra le più alte cascate dell' Appennino Meridionale con i suoi 112 m.  che, dal 6 settembre 2011, sono state inserite tra le "meraviglie italiane".

  

schermata%202015-01-15%20alle%2017.38.07.png

 Le bellissime cascate 
del Marmarico


Le tradizioni gastronomiche di Bivongi vantano una grande varietà di prodotti di antiche ricette dal gusto straordinario ma  é il VINO BIVONGI ROSSO DOC. che vince su tutti costituendo il prodotto tipico per eccellenza accanto al  miele, ai prodotti da forno,  agli amaretti, ai  torroni e ai  dolcetti di  pasta di mandorle. Dopo la sosta al ristorante per il pranzo si parte per Stilo che dista soli 3 km.

  

schermata%202015-01-15%20alle%2017.40.17.png 

Una splendida immagine di Stilo
vista dall’alto alle prime luci del tramonto

 

 Stilo si ricorda per essere stata la città natia di Tommaso Campanella che  qui vi nacque nelSettembre del 1568  e perché conserva il vero gioiello di Bisanzio: la sua bellissima Cattolica il gioiellino bizantino incastonato sul Monte Consolino oggi patrimonio dell’UNESCO.

 

schermata%202015-01-15%20alle%2017.42.08.png

 La casa natìa di Tommaso Campanella
tra le viuzze del borgo antico di Stilo

 Il centro abitato di Stilo fu fondato dalle popolazioni che  precedentemente erano sulla costa e che per ragioni di difesa si sono addentrate nell’entroterra. Stilo raggiunse la sua grande floridezza quando divenne il maggiore centro bizantino della Calabria orientale grazie all’opera dei monaci basiliani e mantenne questo ruolo fino al 1071 cioè l’anno in cui si verificò la conquista normanna.

 

schermata%202015-01-15%20alle%2017.46.55.png

Il monumento a
Tommaso Campanella

 Il nome Cattolica fa intuire che essa, probabilmente, doveva essere la chiesa di un monastero o di una serie di laure basiliane che erano sparse lungo la superba vallata dello Stilaro fra il IX ed l’XI secolo. Il Monte Consolino infatti presenta una morfologia naturale che suggerisce la formazione di grotte di cui se ne intravede anche qualche traccia man mano che si sale verso verso Stilo e da qui si prosegue, poi, verso  Monte Stella.

 schermata%202015-01-15%20alle%2017.53.00.png

 La fontana dei Delfini a Stilo
testimonia l’alleanza tra arabi e bizantini

 Intorno alla seconda metà dell’XI secolo, Stilo era una cittadina munita di solide mura e fortemente gelosa della sua indipendenza. Riuscì a resistere ai nemici per circa un anno ma alla fine crollò e i Normanni se ne impossessarono.

L’abate Agresta scriveva che all’ epoca Ruggero il Normanno era il pregiatissimo Re e il castello di Stilo godeva di molti privilegi. Definito da alcuni un capolavoro dell’architettura militare del Medieovo europeo non ha mai fatto notizia, forse perché Stilo si è voluta identificare solo con la Cattolica e forse perché questa è alle porte del borgo mentre il castello è ridotto a rudere anche se il comune ha costruito una strada che si arrampica fino in cima.

 

schermata%202015-01-15%20alle%2017.55.18.png

La bellissima "Cattolica" domina
dall’alto la Valle dello Stilaro

Foto © Daniela Strippoli 


L’interno della "Cattolica" di Silo presenta una pianta a croce greca e prevede una cupola sull’incrocio dei bracci  e una cupoletta sostenuta su un tamburo più alto al centro.


schermata%202015-01-15%20alle%2017.57.20.png
 Gli affreschi  che in parte si sono conservati
sulle pareti interne della Cattolica
 

Dall’esterno appare come un piccolo cubo  coronato dalle sue cupolette che presentano la graziosa decorazione ottenuta dalla colorazione rossastra del laterizio con cui è interamente costruita e delle tegole che sono disposte sulle cupole a mò di centrino.

  

schermata%202015-01-15%20alle%2018.00.11.png

Particolare della "Cattolica" di Stilo.
Tre delle cinque cupolette 
che coprono i bracci delle navata

 Foto © Daniela Strippoli
 

Terminata la visita alla Cattolica si procederà verso Pazzano sul Monte Stella tra le montagne delle Serre e quelle dell’Aspromonte. Esso dista soli 5 km da Stilo  e la strada per arrivarci regala strepitose emozioni perché è in salita e costeggia il profilo del Monte Stella che si innalza più in alto del Consolino.


 schermata%202015-01-15%20alle%2018.03.21.png

La Valle dello Stilaro
vista da Monte Stella


Ma lo spettacolo oltre alla strada per arrivarci e allo strepitoso panorama che, da ancora più in alto domina la Valle fino al mare, è la suggestiva grotta naturale che si apre nella roccia del Monte Stella. Uno spettacolo che meraviglia tutti coloro che vi giungono. 

Munita di una lunga scalinata composta da circa 62 alti gradini la Grotta si apre in fondo al monte dove accoglie la statua della Madonna della Stella  alla quale è dedicato il monastero che è attiguo alla grotta.

 

schermata%202015-01-15%20alle%2018.06.23.png

Ecco come si presenta dall’alto la
grotta con in fondo il piccolo santuario

 

Nel santuario oltre alla statua della Madonna si conservano tracce di affreschi parietali tra i quali quello di maggiore interesse è il frammento di un affresco di epoca bizantina, raffigurante Santa Maria Egiziaca che riceve l'eucarestia dal monaco Zosimo. L'affresco si ritiene che possa datarsi al X-XI secolo.

 

schermata%202015-01-15%20alle%2018.18.23.png

In fondo alla grotta l’altare
dedicato alla Madonna della Stella

 

Alla Madonna di Monte Stella è legata una leggenda. Si narra che nel mare di Monasterace durante una traversata in mare una nave nella quale era trasportata la statua della Madonna, inspiegabilmente si fermò a Monasterace. Improvvisamente quando fu ritrovata, dalla statua della Madonnina  si formò un raggio di luce molto forte  che si dirigeva verso la grotta di Monte Stella.

Alcuni pastori della zona  videro lo strano fenomeno insieme alla stessa Madonna che sopra un vitello si dirigeva verso la grotta. Quando arrivò, iniziò a sgorgare acqua dalla grotta, e vennero portate due giare per raccoglierla. Esse però miracolosamente non si riempivano mai. All'acqua, come alla Madonna, furono attribuiti poteri taumaturgici.

  

Costo

 € 30  a persona (gruppo di minimo 15 persone)

 La tariffa comprende:

-  Visita guidata 

- Pranzo in ristorante tipico del centro storico.

  • Informazione ed Iscrizioni: cell. +39 3408710897
    Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Come raggiungere Bivongi - Stilo - Pazzano

 

Link correlati

La nostra pagina sulla Regione Calabria

Il Meteo in Calabria

Come raggiungere la Calabria

Articoli correlati

Serra San Bruno e la sua Certosa

La liquirizia di Rosanno: l'Amarelli

Il Parco Archeologico Scolacium  

L'Area Grecanica: Bova Marina e la Sua Sinagoga 

La Stauroteca di Cosenza  

La chiesa di Piedigrotta a Pizzo Calabro

  

Rossano: Il "Codex Purpureus Rossanensis" 

Sulle orme della Fede in Calabria   

Alle fonti della Fede: Gioacchino da Fiore

Il Monachesimo Italo-Greco di Daniela Strippoli 

La bizantinità calabrese di Daniela Strippoli 

In Calabria ti guido io 

Daniela Strippoli è  su Facebook!

In Calabria ti guido io




Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Hai già visto Il Gazzettino del Pellegrino?

 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi