Messaggio

European Best Destination 2013: Istanbul!




EUROPEAN BEST
DESTINATION 2013
 ISTANBUL 

 

schermata%2003-2456379%20alle%2016.58.03.png

di
Giacomo Danesi

Istanbul si è aggiudicata il titolo di European Best Destination 2013. A stabilirlo è la classifica redatta ogni anno dall'European Consumers Choice sulle città europee a vocazione turistica.

Seguono: Lisbona, Vienna, Barcellona, Amsterdam, Madrid, La Valletta, Nizza, Milano e Stoccolma.

Il 2013 sarà un anno cruciale per visitare Istanbul, che festeggerà il 90° anniversario della fondazione della Repubblica turca di Mustafa Kemal Atatürk, con le celebrazioni tra cui l'apertura del tunnel sotto il Bosforo Marmaray che collega l'Europa e l'Asia e il Centro Culturale Ataturk a Taksim.

 

schermata%2003-2456379%20alle%2016.59.39.png

Istanbul è l’unica città al Mondo a sorgere su due continenti. Una città bellissima ma non facile da visitare, così strana e caotica e dal traffico impossibile. Non dovete pensare che, attraversato il Bosforo, sarete immediatamente immersi nell'Oriente misterioso. Non è così.

schermata%2003-2456379%20alle%2016.58.59.png

Istanbul di notte: città affascinante!

 

Ci sono tante città nella città, con monumenti e musei ormai famosissimi, e altre zone quasi completamente fuori dei giri turistici. Se avete deciso di visitare Istanbul, è giusto che andiate a visitare e ammirare i monumenti storici e famosi in tutto il mondo. In primis la Moschea Blu e il Topkapi. Assurdo ignorarli. Io, però vorrei proporvi un'altra Istanbul, quasi sempre ignorata.

 

29250551.istanbulbluemosquewide1b.jpg

La Moschea Blu


Pochi tour operator, per esempio, vi porteranno nei quartieri di Fatih, Fener e Balat. Solo l'1% dei turisti che arrivano a Istanbul li visitano. Eppure, per la loro storia e le bellezze che contengono, sono nella lista del Patrimonio dell'Unesco. Incredibile ma è così.

Che spettacolo la zona monumentale della Moschea di Fatih! E la moschea, bellissima, di Zeyrek, che in passato era il Monastero Bizantino di Cristo Pantocratore! Certo, non è facile trovarla, ma vale la pena tentare!

 

59439003.istanbulramble1349.jpg

La bellissima
moschea di Zeyrek

Il cibo? In questo zona, considerata il vero centro gastronomico della città di Istanbul, vivono tanti emigrati di zone estreme dell'Anatolia. Ergo, un festival di tradizioni culinarie da lasciare sbalorditi. Impossibile non fermarsi nei piccoli ristoranti o piccoli chioschi specializzati in kebab, pide, sarma, köfte, a un prezzo bassissimo. Non dimentichiamo che per capire la cultura di un popolo la cucina è la prima porta d'entrata.

Il tempo stringe e occorre affrettarsi per dirigersi verso il quartiere di Fener, non prima di esserci fermati ad ammirare il quartiere di Çarşamba, dove si trova una delle più famose Chiese Bizantine di Istanbul: la Chiesa di Theotokos Pammakaristos, oggi metà moschea e metà museo. Oggi si chiama Fethiye Camii.

 

126214687.h2pwtzwa.jpg

La Chiesa di
Theotokos Pammakaristos

 

I quartiere di Fener è lo storico quartiere greco. Perdersi in questa zona è un attimo. Benvenuti nella vera Istanbul storica. In questo quartiere di Istanbul hanno vissuto, e a volte convissuto, ebrei, preti bizantini, Crociati, ottomani, armeni, zingari indovini, ecc.

Incredibili i colori della case. Vi state chiedendo cos'è quell'edificio di mattoni rossi sopra la collina di Fener? E' il Liceo Greco Ortodosso.

Ma andiamo ancor più su, grazie ad una scalinata curiosa. Ne valeva la pena perché davanti a noi ecco una chiesa sconosciuta ma splendida: La Chiesa di Santa Maria dei Mongoli, meglio nota come la Chiesa Rossa. Incredibile ma vero: è una chiesa totalmente dimenticata nonostante la sua incredibile storia.

Mai sentito parlare del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli? E' in questo quartiere. Non dimentichiamo che, in ordine gerarchico, viene dopo la Chiesa di Roma. A seguire i patriarcati di Alessandria, Antiochia e Gerusalemme.

L'attuale patriarca è Bartolomeo I, al secolo Dimitrios Archondonis.

 

schermata%2003-2456380%20alle%2017.20.19.png

La sede del Patriarcato
Ecumenico di Costantinopoli


Impossibile non visitare la Chiesa di Sant'Andrea. Purtroppo solo il 2% dei turisti la visita. La maggior parte di essi, anzi, la quasi totalità, la ignora semplicemente.

Non ci resta che l'ultima tappa: il quartiere di Balat. A fare da spartiacque tra Fener e Balata, proprio in riva al Corno d’Oro, ecco la Sveti Stefan Kilisesi , ovvero la Chiesa Bulgara di Santo Stefano. Perché è famosa? Ebbene,è costruita completamente in ferro! Naturalmente è splendida anche per i ricchi ornamenti interni.

 

70227507.mbldmq3a.jpg

Una spettacolare istantanea
del Corno d'Oro


Perché addentrarci in questa zona apparentemente senza storia? Errore! Intanto uno dei motivi principali è il panorama su tutto il Corno d'oro, da lasciare senza fiato, che si può ammirare non appena si mette piede nel parco posto sulla sommità di Balat.

E poi in questa zona la storia ha albergato per secoli quando era un quartiere ebraico anche durante il periodo bizantino e ottomano. Ma dopo il terremoto del 1894 gli ebrei se ne sono andati: chi in Israele, chi nel quartiere di Galata.

 

122236065.380zmajo.img_6646r.jpg

Una sguardo su Istanbul
da una Galata Tower


I pochi benestanti rimasti si sono trasferiti nel quartiere di Şişli. E così, questa zona si è degradata.Solo l'intervento dell'Unesco sta ponendo fine al degrado con un progetto la cui finalità è riportare all'antico splendore quanto rimasto.

Da ammirare, nel quartiere, ben 3 sinagoghe. L'unica ancora attiva è la Sinagoga di Arhida, che, prendendo appuntamento, il rabbino vi mostrerà.

Da non perdere la famosa Chiesa di San Salvatore in Chora, conosciuta come Kariye Müzesi. Da ammirare gli splendidi mosaici e affreschi quasi belli come quelli di Aya Sofia. Un gioiello di stile bizantino, della perfezione stilistica bizantina.

 

30643820.329istanbul_kariyechorachurchjune2004.jpg

Uno splendido mosaico
nella Chiesa di San Salvatore in Chora


Ecco: questa è la mia Istantbul, forse la più bella.
Senza dubbio la più vera.

INFO: TURCHIA – UFFICIO CULTURA E INFORMAZIONI
Indirizzo: Piazza della Repubblica, 55-56 - 00185 ROMA
Tel. 06 4871190 - 06 4871393 - Fax 06 4882425
E-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - Web: www.turchia.it

 

Link correlati

Dove siamo nel Mondo
           


Documenti prego! 

Io prima di partire mi assicuro...   

La nostra pagina sulla Turchia

... e su Istanbul

Il Meteo 

Il Video

Articoli correlati

La Capitale dei Tulipani? Istanbul!

Capodanno a Istanbul

Grecia, Turchia e Croazia in crociera...

Pamukkale, meraviglia della Natura

Arrivano i Turchi...

Turchia: tra le nazioni più visitate al Mondo

La Turchia è su Facebook!

Anche il Gazzettino del viaggiatore è su Facebook! 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi