Messaggio

Jesi, Matelica e Serrapetrona: a casa del Verdicchio e della Vernaccia




Jesi, Matelica e  Serrapetrona:
a casa del Verdicchio 
e della Vernaccia

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_10.58.19.png

 

di
Lamberto Selleri


E' risaputo che   durante la degustazione di un vino  non tutti gli intervenuti  percepiscono gli stessi sentori olfattivi e gustativi: pertanto questo è da considerarsi un parametro certamente importante  da valutare, ma  l'unico o definitivo. Ritengo che visitare di persona le cantine  dei produttore di vini sia un elemento altrettanto importante.

Il vino appartiene alla cultura di un territorio e se veramente vogliamo avere una nostra opinione in merito,e non pilotata da altri, dobbiamo non solo  assaggiarlo ma visitare anche il territorio  dove  nasce  l'uva e la cantina dove il  vino prende corpo: in pratica, conoscere  la filosofia agronomica ed enologica di chi lo produce.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_autunno_filari_di_vite_vernaccia.jpg

 

Solo così potremo renderci conto anche del perchè vini dello stesso vitigno e prodotti  nel  medesimo  territorio assumono  caratteristiche e prezzi differenti, varianti queste da attribuire ai metodi  produttivi adottati da ogni singolo vignaiuolo.

Ogni vino ha un suo percorso da raccontare e il turismo legato al vino si pone  proprio questo obiettivo: visitare un territorio per vedere le cantine  e conoscere i cantinieri ma,    nello stesso tempo, prendere anche visione dei luoghi che hanno dato i natali all'uva e   assaggiare le specialità gastronomiche del posto. Questo è lo scopo delle strade dei vini che in Italia abbondano e di cui andiamo orgogliosi.
 
La toponomastica di Jesi, Matelica e Serrapetrona non lascia dubbi sulla presenza dei romani in queste località. Inoltre si ha anche la certezza che in queste terre veniva coltivata la vitis vinifera fin da allora: infatti a Matelica gli archeologi hanno trovato in una tomba acini di uva da vino risalenti al II sec.a.C.


schermata%2012-2456637%20alle%2010.52.57.png

 

Queste sono le credenziali del territorio dove  da oltre 2200 anni viene coltivata  con successo la vite da vino. I vini più noti che oggi si producono in queste tre località  marchigiane sono il Verdicchio prodotto a Jesi e a Matelica, e la Vernaccia di Serrapetrona,  vitigni già attivi nel 1500.


In commercio troviamo  come da disciplinare i seguenti vini Verdicchio: Verdicchio di Jesi DOCG dal 2010. Superficie vitata 2762 ha,resa uva/ha 10 ton. Denominazione in etichetta "Castelli di Jesi Verdicchio Riserva" e "Castelli di Jesi Verdicchio Riserva" Classico Verdicchio di Jesi DOC dal 2003. Denominazione in etichetta - “Verdicchio dei Castelli di Jesi”  Spumante; (extrabrut e secco) - Verdicchio dei Castelli di Jesi ” Passito"; - “Verdicchio dei Castelli di Jesi” Classico; -“Verdicchio dei Castelli di Jesi” Classico Superiore.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_11.02.52.png

 


L’area dista circa Km 20 dal mare e si sviluppa nelle colline poste attorno alla valle Esina che ha in Jesi una quota di mt 96 s.l.m. fino ai 630 mt di Cingoli. Le caratteristiche pedoclimatiche del territorio del Verdicchio di Jesi sono il prodotto dell’influenza del mare, del sole, delle brezze, della piovosità e del riparo offerto dalle montagne che superano anche i 2000 mt di quota. Tutto questo produce un clima temperato adatto alla coltivazione della vite.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_i_colori_della_vigna_in_autunno.jpg

 


A proposito della grande versatilità e potenzialità dell' uva verdicchio, agronomi  ed enologi hanno intrapreso differenti iniziative come la vendemmia, a criomacerazione delle uve, la vinificazione in botte, la maturazione sui depositi di fermentazione e l'affinamento in barrique. Il risultato è che l'uva verdicchio è la madre eccellente di tanti vini Verdicchio che hanno in comune come padre  il territorio.

Noi abbiamo scelto di farvi conoscere il Verdicchio più blasonato dell'anno in corso: il Crisio (DOCG Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Classico). Viene prodotto dalla Cantina CasalFarneto di Serra de’ Conti, del Gruppo Togni con una estensione vitata di  ettari trentatre.   

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_09.09.40.png

La Home page della Cantina
Casa Farneto di Serrà de' Conti

 

Il Crisio ha ricevuto i tre Bicchieri della Guida Vini d’Italia 2014 Gambero Rosso e la Corona della Guida Vini buoni d’Italia 2014 Touring Club, ed è prodotto con uve verdicchio in purezza. Tutto il ciclo produttivo avviene in assenza di ossigeno se non quando è  essenziale per la vinificazione I grappoli, rigorosamente selezionati, sono raccolti a mano e portati in cantina su piccole cassette per evitare la rottura dei chicchi.



Pressatura con prelievo esclusivamente del mosto fiore. Prelievo ottenuto dal primo ciclo di lavoro fino a 0,5 atm., pulizia del mosto per decantazione statica a freddo.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_09.05.24.png

 

Parte del secondo ciclo di pressatura fino a 1,2 atm. Fermentazione termocontrollata a 18° C., imbottigliamento sterile a freddo mediante microfiltrazione. Affinamento in bottiglia per almeno 6/8 mesi. Il vino raggiunge il massimo equilibrio organolettico a partire da 2 anni dalla vendemmia e, se ben conservato, le sue caratteristiche  si mantengono per 6/7 anni.  Complessivamente commercializza 19 etichette di differenti vini.  
www.casalfarneto.it  Via Farneto n. 12, Serra dei Conti (Jesi)
.
CasalFarneto è su Facebook!

Verdicchio di Matelica DOCG dal 2010 Superficie vitata 300 ha, superficie 
resa uva/ha 9,5 ton. denominazione sulla etichetta Verdicchio di Matelica riserva.

Verdicchio di Matelica DOC  dal 2003 Denominazione in etichetta Verdicchio di Matelica, Verdicchio di Matelica spumante,Verdicchio di Matelica passito.

I terreni del Verdicchio di Matelica corrono paralleli alla costa adriatica da cui distano km.20 e, non  essendoci  comunicazione con il mare,  il clima è di tipo continentale. La quota medi dei vigneti a è attorno ai 350 mt .s.l.m.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_verdicchio_di_matelicasfuso.jpg

 


Vini Verdicchio passiti: Nella versione vino Verdicchio passito il grappolo ancora attaccato alla vite viene avvolto dalla muffa nobile che provoca un processo di sovramaturazione dell'uva  e con l'aumento della concentrazione zuccherina si sviluppano aromi particolari che puntualmente ritroviamo nel vino.

Il periodo di appassimento  può  durare  fino al 30 marzo dell’anno successivo a quello della vendemmia e la vinificazione non deve essere anteriore al 15 ottobre dell’anno di produzione delle uve.

b_300_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_09.58.53.png

Il verdicchio più rappresentativo e venduto di Matelica è il Cambrugiano (Verdicchio di Matelica DOCG riserva), prodotto dalla Azienda Belisario che opera su 300 ha. ed ha una cantina della capienza di 30.000 hl. E' il più grande produttore del vino Verdicchio di Matelica DOC .

Il Cambrugiano viene vinificato con il metodo della criomacerazione. Matura in acciaio e in  parte in barili di legno dove riposa almeno un anno e il seguente  si affina in bottiglia.  Bottiglie prodotte 50mila, €10. La Belisario dispone di quattro enoteche: Matelica, Viso, Ancona, Fabriano.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_INSALATE_schermata_12-2456637_alle_10.02.38.png

La Home page
dell'Azienda Belisario

 

Complessivamente commercializza 23 etichette più  un novello, il Santa Teresola vitigno Sangiovese. Cantina Belisario www.belisario.it - via A. Merloni,12 Matelica (Matelica) T. 0737/78.72.47 - F. 0737/78.72.63



Vernaccia di Serrapetrona DOCG.  dal 2004. Superficie vitata 66 ha, RESA UVA/Ha 10 ton. Resa uva/vino 58%, tipologia dolce o secca.

La denominazione  in etichetta Vernaccia di Serrapetrona, tipologie secco e dolce. Serrapetrona DOC dal 2004. Denominazione in etichetta Serrapetrona, è prodotto con uva vernaccia.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_vernaccia_sulla_vite.jpg

 


L’area geografica della Vernaccia di Serrapetrona dista circa 60 km. dal mare Adriatico. Interessa il Comune di Serrapetrona e parte dei comuni di San Severino Marche e Belforte del Chienti nella provincia di Macerata. La viticoltura ha come limite i 700 mt.

 

b_300_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_10.43.45.png


E' un vino unico perché non esiste in Italia un altro vino rosso spumante DOCG. 
Unico perché la sua tecnica di produzione prevede ben tre fermentazioni: la prima in vendemmia, la seconda dopo l’appassimento che dura fino a gennaio, la terza in autoclave, per la presa di spuma che consente l’ottenimento del “dolce” o “secca” in base al contenuto residuo degli zuccheri.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_img_4560.jpgvvrnvernccia_in_autunno.jpg

 

Il vino così ottenuto potrà essere immesso al consumo non prima del 30 giugno dell'anno successivo alla raccolta delle uve. La resa totale dell'uva in vino, base spumante, non deve essere superiore al 58%. L'itinerario vinoso che questo mese  proponiamo ai nostri lettore  coinvolge  i comuni di Jesi, Matelica e Serrapetrona.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_10.42.31.png

Le colline di Matelica


Questi paesi sono meta costante dei "pellegrini del vino" che non disdegnano di gustare anche l'arte la cultura e la gastronomia  che queste luoghi  offrono in abbondanza. I seguaci di Bacco quando raggiungono i numerosi santuari del vino,  comunemente  chiamati  cantine, vi sostano e si rifocillano sorseggiando lo spirito di vino del bianco  Verdicchio o della Vernaccia  tinta di rosso rubino. 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_bacco.jpg

 

La festa per eccellenza che richiama proseliti da tutta Italia (APPASSIMENTI APERTI) si svolge ogni anno a novembre  in occasione  dell'apertura delle cantine: siete tutti invitati. 

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_vernaccia_in_apassimento.jpg

 


Serrapetrona  indossa gli apparati della festa per due fine settimana consecutivi. In occasione di questi giorni di giubilo in onore della Vernaccia ,le sei cantine di Serrapetrona aprono i battenti affinché venga compiuto il rito propiziatorio: agli ospiti - visitatori viene concesso di accedere alle segrete stanze che ospitano le uve messe ad appassire in attesa che nei  mesi successivi si compia che il prodigio: nascita, vita ed imbottigliamento dell' unico spumante  rosso italiano prodotto da uve passite, la Vernaccia di Serrapetrona secca e dolce.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_vernaccia_di_serrapetrona.jpg

 


Le cantine  che producono  Vernaccia sono: L'azienda Alberto Quacquarini, nata nel 1958, è oggi il maggior produttore di Vernaccia di Serrapetrona Docg con 35 ettari di vigneto, tutti certificati biologici, impiantati a Vernaccia Nera, tel. 0733.908180 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_INSALATE_schermata_12-2456637_alle_10.11.27.png

La Home page
del'azienda

 

L'az. agr. Lanfranco Quacquarini avvia la sua attività nel 1960 con il babbo Raffaele; la produzione di questa montana "ambrosia" risale pertanto ad un'antica tradizione tramandatasi per decenni, tel. 0733.908103 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Vitivinicola Serboni, sorta nel 1890 a Borgiano, interpreta la tradizione della Vernaccia in un vino spumante esclusivo, la "Vernaccia di Serrapetrona Docg Serboni", il primo imbottigliato senza pastorizzazione. tel. 0733.904088 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sette vigneti intervallati da boschi a 550 metri di altitudine sono il patrimonio dei 23 ettari della Tenuta Colli di Serrapetrona.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_10.18.47.png

La Home page
della Vitivinicola Serboni

 

La produzione si concentra sui vini fermi da vitigno Vernaccia Nera e vanta punte di eccellenza premiate da guide e riviste specializzate, tel. 0733.908329 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
http://www.serboni.it/azienda.html

Colleluce è una piccola azienda familiare. La scelta di una drastica potatura, di una attenta selezione dell'uva migliore e di utilizzare solo propria uva, determinano una produzione limitata a 28/30.000 bottiglie/anno, tel. 333.301738 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Podere sul lago,nasce dall'esperienza decennale di Sandrino Quadraroli nel mondo della ristorazione, dell'enologia e  del vino. Il 2013 è l'anno della prima produzione che prevede tre Serrapetrona DOC ed un Merlot tutti annata 2012. Cell.347.6653614 - info@colleluce.

Dove mangiare: Osteria dei Borgia a Borgiano di Sandrino Quadraroli  
Dove dormire : Relais  Villa Fornari Loc. Le Calvie n 2,  Camerino (Mc).Tel.:0737 637646 www.villafornari.it/  
Cosa mangiare : il coniglio in porchetta o la tacchinella  arrosto

 

Link correlati

La nostra pagina sulla Regione Marche

Come raggiungere le Marche

Il Meteo nelle Marche



Articoli correlati

La nostra Pagina Gusto e Sapori

 b_200_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_VERNACCHIA_schermata_12-2456637_alle_11.17.23.png

 

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi