Messaggio

Tutti a Colognola ai Colli (Vr) per il Pisello Nano!




La Sagra dei Bisi

 di
Giacomo Danesi

 b_500_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_AGOSTINI_4_coltivazione_piselli.jpg

 

Al di là della metafora se il Pisello Verdone Nano è tra i vostri cibi preferiti, nessun dubbio su cosa fare nell'immediato: tutti a Colognola ai Colli (Vr) dal 17 al 21 maggio 2013 per la 57° edizione della Sagra dei Bisi!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_0.PECCHIOLI_BISI2_schermata_05-2456429_alle_11.10.59.png

 

Sono rimasto incantato dalla bellezza del luogo da me visitato in occasione della presentazione ufficiale della 57^ edizione della Sagra dei Bisi a Colognola ai Colli, che con le sue frazioni di Monte, Villa o Piano, Cadellara – Pieve, San Zeno, San Vittore e Strà, gode di una posizione geografica senza pari. Come senza pari sono i prodotti della sua terra: dai piselli, all'olio, al vino.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_0.PECCHIOLI_BISI2_schermata_05-2456429_alle_10.38.53.png
Colognola ai Colli e i sui vigneti

 

Il Comune di Colognola ai Colli si trova a 14 chilometri a est di Verona. E' sulla strada che va a San Bonifacio proprio all'imbocco della Val d'Illasi.

 

 b_500_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_0.PECCHIOLI_BISI2_10052013-_mg_1062.jpg

Un momento della conferensta stampa in Municipio
a Colognola ai Colli, condotta dal collega Morello Pecchioli
Foto © Davide Bozzi

 

A fare gli onori di casa c'erano gli amministratori comunali guidati dal sindaco Alberto Martelletto. All'incontro erano presenti anche il presidente della Pro Loco Alfonso Avogaro, il Direttore del  Consorzio Vini Soave  Aldo Lorenzoni e il Presidente della Strada dei Vini del Soave, Paolo Menapace. Immancabile la presenza del Conte, della Contessa e del Maggiordomo De Bisis...

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_0.PECCHIOLI_BISI2_conti_de_bisis_e_maggiordomo.jpg

La Contessa e il Conte De Bisis
con Maggiordomo
Foto © Davide Bozzi

Al termine, di grande interesse è stata la visita a Villa Canestrari, dal 1888 produttori di eccellenti vini dove si può ammirare anche il Museo del Vino, e nel pomeriggio all'azienda agricola Vicentini Agostino. Assaggiare gli Amaroni e i Recioti è stata una vera delizia per il palato.

 

schermata%2005-2456429%20alle%2014.13.07.png

Una bottiglia di Recioto di Soave
dell'Azienda Agricola Vicentini Agostini

Il pranzo perso la Posta Vecia a Colognola, è stato una sinfonia di piaceri. Una targa,  posta all'esterno, ci ricorda che durante il suo trasferimento verso i Piombi a Venezia Silvio Pellico "cogitabondo" sostò alla Posta Vecia.

 schermata%2005-2456429%20alle%2011.25.17.png

  La targa posta all'esterno della
Posta Vecia, a futura memoria
Foto © Giacomo Danesi

 

Il pranzo è stato ottimo, con i bisi a farla da padroni. Il risotto con i bisi, (il riso era un Carnaroli anche se il Vialone Nano non avrebbe certo sfigurato), le lasagne fresche con i bisi, il tortino e tutto il resto è stato all'altezza della giusta fama del luogo.

 

b_300_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_0.PECCHIOLI_10052013-_mg_1307.jpg

Il risotto fumante con
il Pisello Verdone Nano   
Foto © Davide Bozzi

Il tutto generosamente inaffiato con dello splendido Soave, dell'Azienda Vicentini Agostino, e di uno straordinario Amarone Lillium Est della Tenuta Sant'Antonio.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_0.PECCHIOLI_10052013-_mg_1346.jpg

La prestigiosa bottiglia di
Amarone
Lillium Est
Foto © Davide Bozzi

Il Gran Galà dei Bisi – serata enogastronomica su prenotazione – del giorno 16 maggio, da il là a tutta una serie di manifestazioni culturali, gastronomiche, musicali e quant'altro da soddisfare tutti i palati. Colognola ai Colli in questi giorni è veramente il centro della buona cucina e del buon vino per i veronesi e i dintorni.

 b_500_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_AGOSTINI_schermata_05-2456429_alle_11.56.53.png

Una immagine del Gran Galà
Edizione 2012 

 

Ma torniamo a bomba. Il Pisello Verdone Nano, abbiamo detto. Gli amanti della buona tavola lo conoscono bene. Tra le tante specialità culinarie che si possono realizzare con lo straordinario Verdone nano ricordiamo il piatto tipico, più conosciuto ed apprezzato di Colognola ai Colli “Lasagne e bisi” realizzato con pasta fresca all’uovo (fettuccine), a cui si aggiungono “Riso e bisi”, “Codeghin e bisi” della tradizione contadina, “Seppie e bisi”, “Crema di bisi” e “Spezzatino con i bisi” della cucina moderna, fino ad arrivare ai più raffinati piatti quali “Cappuccino ai piselli” ed alla “Faraona con i piselli” ricetta molto apprezzata nelle nobili case veneziane dell’800.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ALIBANO_AGOSTINI_schermata_05-2456429_alle_12.14.15.png

Le fettuccine con i bisi...

 

Il vino giusto per accompagnare queste specialità? Il vino Soave, sia classico che quello prodotto in purezza di sola uva Garganega oltre ad un Valpolicella giovane e non troppo strutturato.

Tralascio di raccontarvi le qualità curative e benefiche del Pisello Verdone nano. Certo mi piacerebbe raccontarvi tutta la storia, ricca di millenni di curiosità, che riguarda i piselli. Vi basterà sapere che Madame de Maintenon, prima amante e poi moglie morganatica di re Luigi XIV, il Re Sole, il 17 maggio del 1696 scrive a un’amica: “L’impazienza di mangiare i piselli, il piacere di averne mangiato e la gioia di mangiarne ancora sono i tre argomenti sui quali i nostri principi discutono da giorni.

 

schermata%2005-2456429%20alle%2016.44.07.png

Ritratto di Luigi XIV,  Re di Francia e di Navarra,
di Hyacinthe Rigaud (1701)

 

Vi sono delle dame che dopo avere cenato col re (e si trattava di cene con almeno 15 portate n.d.r.) trovano a casa dei piselli da gustare prima di andare a nanna. E’ una moda, un furore e l’uno segue l’altra”.

Ah sì? Che strano. E dove mai li mettevano tutti questi piselli visto che il frigorifero non lo avevano ancora inventato? A meno che Madame de Maintenon per piselli, non si sa se nani o meno, intendesse altro...

Link correlati

La Regione Veneto

Il Comune di Colognola ai Colli

Strada del Vino Soave

Strada del Vino Valpolicella 

Il Meteo

Come arrivare

 

Articoli Correlati

Pisello Nano? Vanto culinario veronese

San Valentino patrono degli innamorati?
Non certo a Bussolengo...


Il broccoletto di Custoza? Che bontà...

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi