Messaggio

Il Broccoletto di Custoza? Che bontà...




 Il Broccoletto di Custoza?
Che bontà...

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_img_0677.jpg

 

di
Giacomo Danesi

 

Il broccoletto di Custoza? Mai sentito nominare. Non si può sapere tutto... In particolar modo per i prodotti della Natura che hanno fatto ricca e piacevolmente vasta la gastronomia italica.


Andiamo con ordine. I sacri testi botanici ci informano che questo erbaceo, il broccoletto appunto, fa parte della famiglia della Brassecaceae”, meglio conosciute come “Cruciferae” .

 b_400_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_broccoletto_bis0001.jpg



Come abbia trovato terreno fertile, e per terreno non intendo solo la terra ma soprattutto estimatori in questa zona del veronese, non è dato a sapere. Di certo i Cimbri (forse Teutonici o, molto più probabile provenienti dal nord dello Jutland, nell'attuale Danimarca, che era chiamata penisola cimbra) nel II secolo a.C. avevano invaso il territorio della repubblica romana.

Essi conoscevano questa pianta erbacea che sorgeva spontanea su terreni sassosi. In seguito, dalle valli questa pianta  fu trapiantata nel terreno fertile del veronese, e precisamente a Sommacampagna, nella frazione di Custoza!

 

b_400_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_bro0001-001.jpg

 

Con tutta probabilità la presenza di terreni di origine morenica, in prevalenza calcareo e argilloso presente a Custoza fece sì che qui abbia trovato il suo habitat naturale. E l’argilla, da queste parti, è chiamata con un termine bellissimo: “Crea"
!

Come si presenta alla vista il broccoletto di Custoza? Come una pianta a fusto breve, anzi quasi sub-nullo: poche foglie e quasi tutte a livello del suolo e, al massimo, raggiungono l'altezza di 30-50 centimetri.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_broccolo_002_2.jpg

 Il mitico Broccoletto di Custoza

 

In pratica è un broccolo tardivo e la cosa curiosa è che non ha l’inflorescenza, più nota con il termine di “cuore”. La cosa ancor più incredibile, però, è un’altra. I contadini, da che mondo è mondo, temono le gelate per le loro colture che sono vero flagello per la verdura. Questo broccoletto, invece, ama, vuole, “pretende” le gelate invernali! Più il terreno gela e più è esaltata la sua peculiarità, che lo vuole dolce e piacevole.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_img_0702.jpg

Il presidente dei produttori del Broccoleto
di Custoza Filippo Bresaola sul suo terreno di produzione

 

Il Broccoletto di Custoza è venduto a mazzetti
con tanto di etichetta che conferma il luogo d'origine del prodotto

 

b_300_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_1.targhetta0001.jpg



Com'era ed è cucinato questo straordinario broccoletto? Fino a ieri solo alla vecchia maniera dei nostri nonni. Ovvero gratinato, e  accompagnaato come contorno a uova sode e salame giovane arrostito. Meglio ancora se le uova sono saltate in padella. Naturalmente questo modo di cucinarlo è tutt’ora assiduamente praticato in tutte le famiglie di Custoza che hanno imparato a coltivarlo perfino nei giardini!

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_broccoletto_piatto_1.jpg

 

Grazie all’Associazione Ristoratori del Custoza, il broccoletto oggi ha trovato la sua esaltazione praticamente in ogni piatto: dall’antipasto, al dolce e perfino nel gelato! Tutto questo grazie alla passione e alla fantasia dei cuochi dei numerosi ristoranti siti sul territorio di Custoza.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_rist._80001-001.jpg

Lo staff del Ristorante
Villa Vento al completo

La qualcosa ho potuto sperimentare con i miei colleghi giornalisti quando, al termine della conferenza stampa “Broccoletto e Custoza incontrano la Stampa” dell’11 gennaio 2013, siamo stati ospiti al Ristorante Villa Vento, un tempo residenza del grande tenore veronese Giuseppe Lugo. La sorpresa della duttilità d’impiego, del Broccoletto di Custoza, e la bravura degli chef, ha lasciato tutti stupiti.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_img_0679.jpg

Uno splendido piatto: Zuppa di Broccoletto
di Custoza in crosta di pane



La bevanda con la quale sono state accompagnate le varie portate, tutte a base di broccoletto? Domanda banale… Ogni cibo di territorio si esalta ed esprime il meglio di sé solo se accompagnato con i vini della zona. E nel nostro caso nessun dubbio: con il famoso vino bianco D.O.C. Custoza! Di questo nettare della natura ne parleremo in un’altra occasione.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_img_0680-001.jpg

 A sinstra Diego Merlini, della Merlini Riccardo S.p.a., al centro Giovanni Fasoli e a destra la Presidente della Pro Loco di Custoza Manuela Tomasi


Da quando quest'ortaggio è diventato oggetto di cura e produzione attenta, oltre che diventare una vera specialità culinaria? Dal 2011 quando, auspici 9 produttori della zona, diedero vita, sotto la presidenza di Filippo Bresaola, all’Associazione Produttori del Broccoletto di Custoza. Scoppio dichiarato: “Il desiderio di tramandare la tradizione cinquantenaria dell’ortaggio, con l’obiettivo di valorizzarlo e salvaguardare la tecnica di coltivazione per poterla tramandare nel tempo.”  

 

b_400_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_food0001-001.jpg



E così, durante la conferenza stampa tenutasi al DB Hotel di Sommacampagna, a un tiro di schioppo dall’aeroporto Valerio Catullo”  di Villafranca (Vr), tutti gli intervenuti hanno esaltato questo prodotto del territorio, coinvolgendo non solo la Pro Loco che avrà un compito importante nella valorizzazione e divulgazione del prodotto, ma anche una organizzazione internazionale come Slow Food.

Dando vita alla “Comunità del cibo Broccoletto di Custoza”, oggi i produttori possono fregiarsi di appartenere alla rete mondiale di Terra Madre.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_734791_10200326547669420_1939994781_n.jpg

Un momento della conferenza stampa.
Da sinistra: Franco Predomo,
Presidente dei Ristoratori di Custoza, Carlo Nerozzi,
Presidente del Consorzio Custoza, Giuseppe Residori
vice Sindaco di Sommacampagna, Alberta Bighelli,
Assessore al Turismo e Filippo Bresaola,
Presidente dei Coltivatori del Broccoletto.


Non solo. Su impulso dell’Assessorato alle Attività Produttive dell’amministrazione comunale di Sommacampagna, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, nella dodicesima revisione dell’elenco nazionale dei prodotti Agroalimentari Tradizionali, con decreto del 7 giugno 2012 ha iscritto il Broccoletto di Custoza al n.163 dell’elenco della Regione Veneto.

E’ imprescindibile di questi tempi fare rete e mettere in atto sinergie che abbiano a far sì che enogastronomia e turismo viaggino di conserva, coinvolgendo tutto il territorio circostante.  La Regione Veneto ha così concesso al Partenariato “Terre di Custoza”, con capofila il comune di Sommacampagna, un finanziamento per ideare e organizzare azioni strategiche sul territorio.

 

b_400_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_custoza0001-001.jpg

 

Per fare ciò da 2 anni i comuni di Sommacampagna, Valeggio sul Mincio, Villafranca di Verona, Bussolengo e Sona stanno lavorando per valorizzare il turismo rurale. Una ricchezza immensa il turismo rurale che, abbinato alle bellezze architettoniche e artistiche della zona e ai luoghi storici legati al Risorgimento, è un mix esplosivo che se ben gestito non potrà non portare nell'immediato futuro copiosi risultati economici.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_custoza0001.jpg

Un'immagine notturna dell'Ossario di Custoza
(Photo © Gastone Armigliato)


Tornando al nostro Broccoletto di Custoza, occorre ricordare che il 3-4-5-6 gennaio 2013 si è svolta la 13° edizione de: “I Sapori del Broccoletto di Custoza”. Altra importante manifestazione adesso in atto: ”Il broccoletto di Custoza in tavola” che terminerà il 1° febbraio prossimo.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_guidae0001-001.jpg

La locandina con i nomi dei ristoranti
che hanno aderito all'iniziativa

 

Ecco i ristoratori
coinvolti nell'iniziativa

Ristorante
Tamburino Sardo

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_rist._60001-001.jpg
www.tamburinosardo.it

 

Ristorante
Antico Ristoro

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_antico_ristoro0001_-_copia.jpg

www.anticoristoro.com/

 

Ristorante
Picoverde

b_400_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_rist._40002-001.jpg

www.picoverde.it

 

Trattoria
Da Brinchi

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_rist._30001-001.jpg

www.trattoriadabrinchi.com

Osteria
Monte Molin

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_dal_molin0001-001.jpg

www.osteriamontemolin.it

Locanda
Vecchia Custoza

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_foto_60002-001.jpg

www.vecchiacustoza.it

 

Ristorante
Il Cavoloa a Merenda

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_a0001-001.jpg

http://www.ristoratoridelcustoza.it/joomla/cavoloamerenda-d.html

 

Durante l’anno sono numerose le iniziative organizzate sul territorio di Sommacampagna, ricco di fascino culinario e di memorie storiche, organizzate dalla locale amministrazione.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BDANESI_0.BROCCOLETTO_img_0694.jpg

Nemici in vita
  Morte li adeguò
Pietà li raccolse


Cippi, lapidi e monumenti, e soprattutto l’Ossario di Custoza (a farci da cicerone ha provveduto Manuela Tomasi, Presidente della Pro Loco di Custoza), che custodisce i poveri resti dei soldati che qui combatterono due importanti battaglie della prima e della terza guerra d’indipendenza. Sono luoghi che, chi arriva in questo territorio,  non può trascurare di notare e sostare per ricordare.

L'Ossario fu costruito, grazie a Mons. Gaetano Pivatelli (1832-1900). Fu inaugurato da Umberto I il 24 giugno del 1879 per raccogliere le ossa dei soldati italiani e austriaci morti durante le Guerre d'indipendenza: la prima del 1848, e  la terza del 1866.

 

Link correlati

La nostra pagina sulla Regione Veneto

Come arrivare a Custoza (Sommacampagna)

Strada del vino di Custoza

Il Meteo

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Giacomo Danesi, direttore del Magazine
il Gazzettino del Viaggiatore, è s
ocio Neos.

b_150_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-ENTELA_neos_1.png


http://neosnet.it/

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi