Messaggio

Tinca al forno con polenta: che bontà!




 

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_clusane_-_operatori_turistici_clusane_-_google_chrome_2012-08-23_13-55-21.png

  

Il menù è di una semplicità disarmante: Tinca al forno con polenta, dessert, acqua minerale, bottiglia di Terre di Franciacorta (rosso, naturalmente!), un dolce e caffè. 

Eppure questa specialità lacustre, la tinca al forno con polenta, ha fatto la fortuna in questi ultimi decenni dei ristoratori di Clusane, frazione di Iseo in provincia di Brescia, e degli Operatori Turistici Clusane (Otc),

 

L'amministrazione iseana, presieduta dal sindaco Riccardo Venchiarutti, fa ogni anno la sua parte per sostenere l'associazione.

 

 

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_www.clusane.comeventilocandina_anteprima2012.png

 

 

Una fortuna che è evidente, in pochi dati: 25 ristoranti in una frazione popolata da poco più di 1.500 abitanti! La cosa curiosa è che non stiamo parlando di un pesce pregiatissimo, la Tinca, appunto, noto con il nome scientifico di Tinca tinca, ma di un modesto pesce che però se ben cucinato è veramente una delizia per il palato.

  

b_400_0_16777215_00___images_0.DANESI_tinca_tinca.jpg

   

Ogni anno l'Otc organizza nel mese di luglio una settimana dedicata a questo suo prodotto, con numerose manifestazioni foldoristiche e musicali. Ma in verità sul lago d'Iseo, e non solo a Clusane, la tinca si mangia tutto l'anno. Ma dove sta il segreto della sua bontà? Nel ripieno! E ogni cuoco ha il suo segreto.

 

Occorre dire che tutti i ristoranti clusanesi servono una signora tinca. Ma alcuni superano veramente l' optimum. Posso citare tre ristoranti? La Punta da Dino, Al Porto e Hotel Ristorante Rosmunda. Ma, credetemi, qualsiasi ristorante clusanese visiterete, non avrete di che pentirvi. 

 

 

b_400_0_16777215_00___images_0.DANESI_ristorante_la_punta_da_dino_clusane_ristoranti_cucina_regionale_italiana_brescia_2012-08-23_14-11-23.png

 

 

Ma questo benedetto ripieno cosa continete? Semplice: formaggio, pan grattato, spezie, sale e prezzemolo. La tinca, naturalmente ben preparata prima, sarà poi riempita con il ripieno e messa in una particolare teglia di terracotta precedentemente bagnata con olio d'oliva e, foglie d'alloro. 

Tocco finale: il tutto sarà ricoperto con parte del ripieno asciutto e burro. Messa in forno, sarà servita al momento debito con polenta  morbida e fumante. Una ricetta semplicissima, per questo splendida. Come tute le cose semplici. O no? 

Info: Operatori Turistici Clusane (OTC)

 Azienda agricola Bredasole 

 

Link correlati

Regione Lombardia

Il Lago d'Iseo

Come arrivare

Il Meteo

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi