Messaggio

Trattoria "da Luisa" sul Garda





Da Luisa a Peschiera 
il sapore del territorio


di

Morello Pecchioli

 

b_500_0_16777215_00___images_GUSTO_E_SAPORI_pecchiolpesch_foto_4.jpg

Non perdetevi il Garda in primavera, prima dell’arrivo delle masse turistiche. Godetevelo, se possibile, durante la settimana: passeggiate, colori, sapori, angoli nascosti, arte. A Peschiera, per esempio, poco fuori dal casello autostradale della Serenissima (A4) oltre al lago, c’è il Mincio con le sue passeggiate stupende (per i ciclisti ecco una ciclabile fino a Mantova). Ci sono i vecchi bastioni della fortezza del Quadrilatero e c’è l'antico Santuario del Frassino, con la sua spiritualità e i tesori d’arte.

 

           b_450_0_16777215_00___images_GUSTO_E_SAPORI_pecchiolpesch_foto_2.jpg



Dove andare a mangiare? Nessun dubbio: alla trattoria “Da Luisa”. Da sola merita il viaggio. Si mangia molto bene e si spende il giusto. Si trova proprio a due passi dal santuario, in via Frassino 16 (consigliamo di telefonare - 045.7550760 - perché la cucina dello chef Paolo Bazzoli sta calamitando gourmet, ghiottoni e astronauti e il rischio di non trovare un tavolo libero è forte.

Rilassatevi, godetevi l’accoglienza semplice, ma cordiale, la simpatia di Nadia Danzi, moglie di Paolo, e lo straordinario chef che vi verrà ad illustrare con semplicità e passione i piatti di lago e di territorio che elabora partendo dalla solida tradizione, dai prodotti tipici del territorio gardesano e dai principi dietetici della leggerezza con gusto.

 

b_500_0_16777215_00___images_GUSTO_E_SAPORI_pecchiolpesch_foto_5.jpg

 

 

Paolo è un entusiasta ricercatore di bontà, di ingredienti di primissima qualità che rielabora con fantasia e buon senso, attento al palato e al benessere generale. Non c’è giacimento enogastronomico italiano che non abbia esplorato e che non sia pronto a illustrare con la modestia di chi sa e lo mette a disposizione dell’ospite senza aggredirlo come fanno certi chef televisivi della serie “so-tutto-io ”.

 Bazzoli, nato come pasticcere, formidabile conoscitore di vini italiani e francesi (champagne e bordeaux sono nel suo vocabolario come il dialetto di casa), vi metterà a vostro agio. Ottimo affabulatore, adora ascoltare il cliente e, state tranquilli, non vi dimenticherà più.

I piatti di pesce dipendono dal pescato. La carne è di angus, fatta venire apposta dalla Scozia. La nostra esperienza è stata un susseguirsi di emozioni. Abbiamo iniziato con una fantastica Burrata con gelatina di pomidorini dolci (tagliati e sbollentati senza buccia e semi) conditi con olio extravergine Casaliva del Garda di Ca’ Rainene di Torri del Benaco.

 

b_450_0_16777215_00___images_GUSTO_E_SAPORI_pecchiolpesch_angus.jpg


Abbiamo continuato con deliziosi Raperonzoli con scaglie di grana e pancetta
croccante e mimosa d’uovo (l’esperienza è stata fatta l’8 marzo). Superbi i Tortelli di stracchino con Monte Veronese di malga con olio Bonamini dop della Valpolicella. Come secondo ci è stato servito un gustoso Petto d’anatra con radicchio rosso tardivo di Treviso
 

b_450_0_16777215_00___images_GUSTO_E_SAPORI_pecchiolpesch_raperonzoli.jpg

 

Tra i dolci fatti in casa abbiamo scelto il Tris di gelati: fiordilatte con extravergine di oliva denocciolato, fragola con l’aceto balsamico e la mostarda, pistacchio di Bronte.

I vini (suggeriti da Paolo Bazzoli) hanno completato un pranzo che non dimenticheremo mai: Champagne Brut Fleury Rosè di Andè Jacquart metodo Saignée; Borgogna Rosso di Prosper Maufoux 2010 (ancora giovane, ma già capace di esprimersi con sicurezza) e un Moscato di Scanso di Valcalepio da andar giù di testa, una rarità di nicchia.

 

b_450_0_16777215_00___images_GUSTO_E_SAPORI_pecchiolpesch_listener.jpg



In lista non mancano mai, tra gli antipasti, salumi di nicchia, Culatello di Zibello, Prosciutto di Carpegna, Trota alla torresana, Luccio in salsa con sarde e agrumi del lago. Tra i primi molti i piatti di pasta fatta in casa con condimenti di lago (fantastici i tagliolini di tinca ed erbette, in stagione) o di prodotti del territorio; tra le scelte di pasta ripiena
consigliamo di non perdere i Tortelli di zucchine e stracchino con Monte Veronese.

 

b_450_0_16777215_00___images_GUSTO_E_SAPORI_pecchiolpesch_culatello_di_zibello.jpg

 

Tra i secondi ottimo il Baccalà alla Mediterranea, il Lavarello del Garda, l’Anguilla ai ferri, la Costoletta di maiale, specialità di Luisa, suocera di Paolo, che lavora in cucina con lui. Il prezzo medio di un pasto normale è sui 30-35 euro senza vino. Il rapporto qualità-prezzo è veramente incredibile, un invito a tornare a Peschiera. Per godersi il lago
con tanto piacere.


Info: Trattoria Da Luisa, Via Frassino, 16, 37019 Peschiera del Garda;
tel.
e fax 045.7550760; indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

La Mappa

b_350_0_16777215_00___images_GUSTO_E_SAPORI_pecchiolpesch_peschiera_del_garda_via_mappa_frassino_-_google_maps_-.png

 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi