Messaggio

Tanto di Cappelletto!




In Val Baganza è
tempo di cappelletti

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_1.vallacappelletoo_manifesto_6x3.jpg

 Al via la quinta edizione di "Tanto di Cappelletto",
rassegna gastronomica dedicata a uno dei protagonisti
delle tavole invernali parmigiane, che si svolgerà tutte
le domeniche di febbraio nei ristoranti,
agriturismi e pizzerie di Calestano (Parma)

 

Gennaio 2015 - Archiviata con straordinario successo la Fiera Nazionale del Tartufo Nero di Fragno, dove ristoranti, agriturismi e pizzerie del borgo di Calestano (Parma) hanno servito migliaia di piatti a base del prezioso tubero locale, ecco che i ristoratori si apprestano a organizzare la quinta edizione della rassegna gastronomica “Tanto di Cappelletto”, dedicata a uno dei primi piatti più appetitosi e tradizionali della cucina parmigiana, in collaborazione con la Pro loco e il Comune di Calestano.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_1.vallacappelletoo_tanto_di_cappelletto_orizz.jpg



Per quattro domeniche a febbraio (primo, 8, 15 e 22), sia a pranzo che a cena, le tavole renderanno omaggio ai cappelletti, pasta ripiena dalla forma di cappello, conosciuti anche come “anolini” o “galleggianti”, perché serviti con buon brodo caldo, così piacevole durante le giornate invernali. Il più tipico piatto delle Feste appartiene al dna di ogni parmigiano ma è apprezzato anche dal resto del Belpaese, specialmente se fatto in casa secondo le ricette che ogni famiglia si tramanda di generazione in generazione.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0.00DANESI_1.vallacappelletoo_calestano_tanto_di_cappelletto.jpg

 

L'origine del cappelletto si perde nella notte dei tempi e se ne conoscono diverse varianti di fattura e ripieno spostandosi dall'Emilia alla Romagna.

Una tradizione locale vuole che il secondo piatto di cappelletti debba essere gustato dopo avere allungato il brodo con mezzo bicchiere di vino rosso.

 

schermata%202015-01-29%20alle%2017.42.52.png

 

Tuttavia dopo averli gustati e apprezzati, con o senza vino, si consiglia di proseguire con i bolliti che hanno concorso a realizzare il brodo dei cappelletti, serviti con deliziose salse o con altre prelibatezze del territorio.

Dove gustare i cappelletti



Ristorante Mantovani (tel. 0525.52118),
Ristorante La Lanterna (tel. 0525.520129),
Ristorante Fontana (tel. 0525.52155)
 Dream Cafè - Pizzeria (tel. 0525.520113) a Calestano,
Agriturismo Casale Eldoro a San Remigio di Calestano
(tel. 0525.528224-cell.393.9136151) 
Ostaria Ca’ d’Angel a Ravarano di Calestano (Tel. 0525.529133).
E' consigliata la prenotazione.

Gli amanti della natura e delle escursioni potranno abbinare alla buona tavola escursioni in zona, sia a piedi scegliendo tra le proposte di una fitta rete sentieristica che porta a raggiungere i luoghi più interessanti come i Salti del Diavolo, le piccole grotte di Iano, il monte Scaletta e il monte Bosso.

 

schermata%202015-01-29%20alle%2017.45.38.png

La via degli scarpellini

Oppure in bicicletta seguendo le indicazioni per il Grande Giro in Mountain Bikeche collegano capoluogo e frazioni. Un'immersione nei boschi di pino silvestre, querce, carpini e faggi sormontati da un cielo punteggiato di tanto in tanto da poiane, gheppi o sparvieri.

 

Link correlati

La nostra pagina dell'Emilia Romagna 

Il Meteo 

Il Comune di Calestano  

Come arrivare    

Articoli correlati

 La nostra pagina "Gusto e Sapori"

XXIII Fiera del Taartufo Nero di Fragno

Cucina lineare e metabolica: chi è costei?

Che Marroni a San Zeno di Montagna...

Benvenuto fico secco!

Saperi Sapori Soavi d'Autunno nella Soave

Tutti a Colognola ai Colli (Vr) per il Pisello Nano...

Il broccoletto di Custoza? Che bontà...


Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook! 

Avete visto il Gazzettino del Pellegrino?

 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi