Messaggio

Andare a quel paese...




schermata%202017-08-17%20alle%2008.18.25.png

   di
Giacomo Danesi

 

Agosto 2017 - Non manco mai settimanalmente di perlustrare le bancarelle dei libri della mia città. Con un po' di fortuna tesori incredibili possono essere acquistati anche a 1 solo euro!

Ed è proprio il nostro caso. "Andare a quel Paese - Vademecum del turista responsabile", di Duccio Canestrini, per i tipi di Feltrinelli Traveller, l'ho acquistato su una bancarella a solo 1 Euro.

Stampato nell'ottobre 2001, questo vademecum lo ritengo assolutamente indispensabile per il politico che si interessa di turismo, per tutti gli operatori turistici e il turista - viaggiatore. Il turista intelligente, inoltre, dopo la lettura di questo libro avrà del viaggio una concezione totalmente diversa da quella fin qui da lui vissuta.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_libro0001.jpg
b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_libro0001.jpg

 La copertina del libro
di Duccio Canestrini

 
L'autore, nella sua introduzione, cita un pensiero di Francesco Birardi tratto dal suo libro "Cronache del buon selvaggio". Il mito dell'esotico nelle disavventure dei viaggiatori italiani. (Loggia de' Santi, Firenze 1995).  Eccolo.

"In pochi anni, tutti sono stati dappertutto: impiegati, segretarie, medici, commesse, idraulici, postini, avvocati, casalinghe, bottegai hanno percorso il mondo in lungo e in largo, dall'Australia al Canada, dal Tibet al Messico, al Giappone, alle Ande, al Kilimangiaro. Hanno attraversato giungle e deserti, disceso fiumi, scalato montagne, invaso le città, hanno vissuto amori esotici, fatto il bagno in tutti i mari, fotografato tutte le palme, smarrito le valigie in tutti gli aeroporti, hanno cenato a Manhattan, hanno fatto shopping a Hong Kong, sono stati derubati in Brasile e si sono fatti massaggiare in Thailandia."

 b_400_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_1-EDITORIALE_2.pngClicca qui!

 

Davanti a questa esposizione Duccio Canestrini ci informa che secondo l'Organizzazione mondiale del Turismo ogni anno 700 milioni di persone lasciano il loro paese per turismo. Non solo. Ma i movimenti interni sono otto volte superiori a quelli internazionali. In pratica 5 miliardi di persone ogni anno viaggiano. I dati si riferiscono all'anno 2000...

L'autore, sempre nella sua prefazione, prende atto che il turismo è un nuovo diritto dell'uomo. Vero. Su quale modello avviene questo turismo? " Il modello di turismo imperante - scrive Duccio Canestrini - è ancora quello di un turismo che brucia le destinazioni, distruggendo le sue stesse condizione d'essere. E' un tipo di turismo che non pone limiti alla propria crescita, fino a quando non ha rubato anima e corpo ai luoghi che tocca."  




b_400_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_1-EDITORIALE_1.png
Clicca qui!


Esiste la possibilità di mettere limiti, o meglio, di diffondere l'idea che per il turismo esistono dei limiti, superati i quali le generazioni future troveranno terra bruciata? Secondo l'autore sì. A quali condizioni? "Una volta ristabilita la centralità dell'uomo, diventa turismo responsabile in quanto movimento ideale, una nuova forma di umanesimo. Il buon turista non è un nuovo colono, né un missionario. Non viaggi per penitenza, come si faceva un tempo andando verso i luoghi di pellegrinaggio, ma nemmeno per trasgredire e per delirare come nel leggendario paese di Cuccagna. Il buon turista viaggia perché ama il mondo."

Sono sei i capitoli che sono certo leggerete in un battibaleno tanto sono interessanti e coinvolgenti. Mi meraviglio che questo libro non sia usato come libro di testo nelle scuole alberghiere e nelle università. Che stupido. Dimenticavo che siamo in Italia.

 

Link correlati 

Duccio Canestrini su Wikipedia

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook

Anche Giacomo Danesi è su Facebook

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi