Messaggio

In crociera alle Isole Marchesi, nella Polinesia Francese




IN CARGO ALLA SCOPERTA
DELLE REMOTE ISOLE MARCHESI

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.07.04.png

La Polinesia Francese

In genere gli appassionati di viaggi culturali di scoperta non amano affatto le crociere, troppo pressati su enormi divertifici galleggianti, impegnati ad ingozzarsi ed a spassarsela a comando con spettacoli e attività sociali per poter piacere a quanti ricercano di solito il silenzioso contatto con la natura e con culture differenti. Ma ogni regola può contemplare un’eccezione.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_marchesi01m_costa_nave.jpg
  La nave cargo Aranui III


Nel nostro caso si tratta di una nave cargo, la Aranui III, attrezzata spartanamente anche per passeggeri grazie ad 80 tra cabine e suite (tutte con oblò e servizi privati), ristorante, bar e piscina, che costituisce in pratica l’unico mezzo di collegamento tra le sperdute Isole Marchesi nel Pacifico e Pape’ete, capoluogo di Tahiti e della Polinesia francese, distante comunque 1.500 km.

 

Gli aeroporti infatti scarseggiano sulle isole montuose, le minuscole e disastrate piste consentono l’atterraggio soltanto ad aerei di piccole dimensioni, non idonei a trasportare tutti i beni indispensabili ad una comunità di novemila persone.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.13.35.png

 

Aranui III alla fonda nel Marchesi

 

Parte ogni due settimane toccando in successione 14 isole diverse, trasportando in andata beni di prima necessità (dal cemento agli alimentari, dai giocattoli alla birra e alla posta), frutta esotica e manufatti artigianali al ritorno; durante le operazioni di carico e scarico vengono organizzate escursioni esplorative guidate dell’interno di ciascuna isola.

Il lusso non risiede a bordo, ma negli spettacolari scenari che attraversa, nel pieno fascino di un’avventura di perlustrazione nei mitici mari del Sud, tra minuscole isole piatte e atolli corallini circondati di lagune mozzafiato e picchi vulcanici ricoperti da esuberante vegetazione tropicale.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.20.05.png

 L'impagabile visione di un
panorama polinesiano


Sono le terre vagheggiate nel 1700 dal filosofo Jean - Jacques - Rousseau come il paradiso terrestre, il mito del buon selvaggio dall’innocenza primordiale non contaminata e del libero amore, confermate un secolo dopo dai dipinti di paesaggi idilliaci e di donne angeliche lasciatici da Paul Gauguin e cantati dallo chansonnier Jacques Brel.

 b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.27.07.png

Un dipinti di Paul Gauguin
ispirato a questi luoghi


La realtà, come sempre, risulta un po’ più complessa, a volte anche contraddittoria. Le isole del Pacifico sono come coriandoli disseminati su un oceano grande quanto tutti gli altri messi assieme.

Si tratta di una costellazione di isole piatte coralline orlate da palme da cocco (piante pioniere), lagune turchesi e panorami maestosi di svettanti picchi vulcanici ricoperti da un’esuberante vegetazione tropicale, sovrastanti una dorsale oceanica formata da una catena di vulcani sottomarini estesa per 8.000 km in direzione nord-sud.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.30.46.png
Un picco vulcanico ricoperto
da lussureggiante vegetazioni



Spettacolare, ma poco ricca e varia, la natura in superficie: piante ed animali provenienti da ovest sono stati infatti portati dal vento e dall’uomo in tempi relativamente recenti, e ad abbondare come autoctoni sono soltanto uccelli tropicali e marini.

Molto ricca invece la natura sommersa, specie in presenza delle barriere coralline, con strapiombi, grotte, archi e scogliere: pesci, coralli, balene, razze, barracuda, murene, delfini, dugonghi e tartarughe marine.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_16.01.26.png

Un francobollo della
Polinesia Francese

 La Polinesia francese risulta composta da 118 tra isole e atolli, raggruppati in cinque arcipelaghi principali per una superficie totale di 3.500 kmq (un ottavo della Sardegna) e una popolazione di 250 mila abitanti, sparse su un tratto di oceano a sud dell’Equatore grande metà dell’Europa; capitale è Pape’ete, la Las Vegas del Pacifico, sulla vasta isola di Tahiti, ben nota per la sua vita mondana e per la pratica del surf, meta per edonistiche lune di miele e per lussuose vacanze vip.

 

schermata%2002-2456699%20alle%2015.17.33.png

 Un angolo di Polinesia

In tutto l’arcipelago si parla tahitiano, francese e inglese. Le isole Marchesi si estendono su un arco di mare di 350 km e sono le più settentrionali e le meno battute dal turismo nonostante la loro spettacolarità ambientale e vegetale, distanti oltre mille km da Tahiti: sono tutte montuose e vulcaniche, con picchi svettanti fino a mille metri di altezza, prive di lagune e barriere coralline ma con splendide coste fatte di spiagge e scogliere e solo 6 su 15 sono abitate; vantano il primato di essere le ultime terre colonizzate dall’uomo.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.33.06.png

Polinesia Francese:
uno scenario da sogno

 
Terre per natura ostiche e poco ospitali, capaci di respingere in successione le navi di marinai del calibro di Magellano, Cook e De Bouganville.

A Ua Huka nidificano un milione di sterne scure, mentre a Nuku Hiva si concentrano centinaia di delfini del raro genere peponocefali, per dare vita ad uno spettacolo unico al mondo.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.36.35.png

L'isola di Ua Huka

 

Questo Eden, ricco di frutti deliziosi e di gente fiera e sorridente, ha costituito negli ultimi due secoli la fonte di ispirazione per famosi artisti e avventurieri, da Gauguin a Herman Melville (l’autore di Moby Dick), da Robert Louis Stevenson (L’isola del tesoro) a Jack London (Il richiamo della foresta e Zanna Bianca).

schermata%2002-2456699%20alle%2015.39.22.png

Il romanzo: L'isola del Tesoro

A colpire dei polinesiani sono la calma compassata che non conosce fretta, l’apparente libertà sessuale (compresa quella per omosessuali e travestiti), le danze sensuali tradizionali e, soprattutto, i vistosissimi tatuaggi – veri capolavori d’arte, esportati fin da subito dai marinai occidentali - che ricoprono ogni parte del corpo, simbolo di appartenenza clanica e geografica (ogni isola ha un proprio stile) e della propria posizione sociale.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.44.50.png

L'atollo di Fakarava

 

urante quella che viene definita “La Crociera per il Paradiso”, verranno toccate e visitate parecchie isole. Si comincia con l’atollo corallino di Fakarava (arcipelago delle Tuamotu), famoso per la coltivazione di perle nere, e si prosegue con Nuku Hiva, seconda per dimensioni della Polinesia e protagonista di un racconto di Melville, dove visitare le cascate di Hakaui (con i suoi 350 m di salto una delle più alte al mondo) e la baia di Taiohae ricca di crateri vulcanici.

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.52.53.png

 L'isola di Nuku Hiva

 

Ua Pou, amata da Stevenson, arida e deserta ma traboccante di frutti tropicali, ci offre dodici caratteristici pinnacoli di basalto (resti di vulcani estinti) e alcuni siti archeologici.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_14.43.28.png
L'approccio all'isola di Ua Pou


Hiva Oa, il rifugio di Paul Gauguin e di Jacques Brel (oggi sepolti a pochi metri di distanza), si presenta con una vegetazione lussureggiante ricca di frutti spontanei, cinghiali e capre, odorose piantagioni di cocco e vaniglia, fiumi ricchi di pesci e totem di pietra di antiche divinità.

 

schermata%2002-2456699%20alle%2014.50.33.png

La tomba di Paul Gauguin

 

La verdissima Fatu Hiva, epicentro della cultura marchesina e tappa di shopping etnico, per acquistare tapa, caratteristici tessuti vegetali ottenuti da cortecce d’albero, e monoi, olio di sandalo, cocco e tiarè dai poteri afrodisiaci.

E, infine, Ua Huka, 300 persone e il triplo di cavalli selvaggi, famosa per gli scultori su legno, il museo etnografico e il giardino botanico. Sulla nave si trova a disposizione degli ospiti un esperto in cultura e natura polinesiana.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_BADINI_ISOLEMARCHESI_schermata_02-2456699_alle_15.48.58.png

L'isola di Fatu Hiva

L’operatore milanese “I Viaggi di Maurizio Levi” (tel. 02 34 93 45 28, www.viaggilevi.com), sempre alla ricerca con il proprio catalogo “Alla scoperta dell’insolito” di proposte culturali originali, propone come novità questa crociera alle Isole Marchesi di 15 giorni, con 11 giorni di navigazione.

Partenze individuali bimensili per tutto l’anno con voli di linea da Milano e Roma su Pape’ete, pensione completa a bordo, quote da 4.180 euro in doppia più voli (circa 1.200 euro più tasse).

 

INFO



Da settembre 2013 “I Viaggi di Maurizio Levi” ha cambiato l’indirizzo del proprio sito web in www.viaggilevi.com, attraverso il quale è possibile accedere e visionare in dettaglio l’intera programmazione dell’operatore. Ugualmente cambia anche l’indirizzo e-mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Entrambi i vecchi indirizzi resteranno attivi ancora per alcuni mesi, e convertiranno automaticamente le richieste sui nuovi indirizzi.

I Viaggi di Maurizio Levi, tel. 02 34 93 45 28   
         

I libri di Maurizio Levi



La nostra pagina: 

Benvenuti nel Mondo!


150
150


Link correlati  

Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

Prima di partire mi assicuro...

Per non smarrirsi nel Mondo...

La nostra pagina sulle isole della Polinesia Francese

Il Meteo 


Articoli collegati

I viaggi di Maurizio Levi alla B.I.T. 2014



Sud Africa: Natura è libertà con il Fly end drive

Alla scoperta dell'insolito 2014

Trekking nel Mondo con Viaggi Levi

In Crociera sul fiume Senegal


 

I Viaggi di Maurizio Levi sono su Facebook!   

Anche il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook! 

 



 

 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi