Messaggio

Il viaggio, il sogno: La via della Seta a cavallo e con il cammello!




Il viaggio, il sogno: La via della
Seta a cavallo e con il cammello!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AMERIGOOVERLAND_schermata_01-2456679_alle_13.42.38.png


 di

Giacomo Danesi

 

Parliamoci chiaro: il 2013 è stato un anno orribile! Trovare il sistema per esorcizzarlo non è semplice e per niente facile.

Mai pensato a un anno sabbatico? Come dite? Non siete un docente universitario? Peccato! Infatti, l'anno sabbatico è un anno di congedo retribuito che i docenti universitari ricevono come benefit per dedicarsi alla ricerca scientifica e all'aggiornamento: due volte ogni dieci anni in Italia, una ogni sette negli Usa.

E chi se ne importa se non siete un docente universitario! Si può tranquillamente decidere di assentarsi dalle proprie preoccupazione professionali e dedicare un anno a se stessi. O no?

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AMERIGOOVERLAND_schermata_01-2456680_alle_10.49.02.png

 

Vi state chiedendo cosa fare in quel lungo anno sabbatico? Tanto per cominciare se lavorate il tempo non passa mai; me se lo dedicate a voi stessi passa in fretta...
Comunque, ecco il mio consiglio per trascorrere “il lungo anno”: ripercorrere la Via della Seta a cavallo  e in cammello! Come dite? Mai sentito nominare questa via? Non è possibile...

Sentite cose scrive Wikipedia sulla Via della Seta: “Per via della seta si intende il reticolo, che si sviluppava per circa 8.000 km, costituito da itinerari terrestri, marittimi e fluviali lungo i quali nell'antichità si erano snodati i commerci tra l'impero cinese e quello romano. Le vie carovaniere attraversavano l'Asia centrale e il Medio Oriente, collegando Chang’an (oggi Xi'an), in Cina, all’Asia Minore e al Mediterraneo attraverso il Medio Oriente e il Vicino Oriente. Le diramazioni si estendevano poi a est alla Corea e al Giappone e, a Sud, all’India. Il nome apparve per la prima volta nel 1877, quando il geografo tedesco Ferdinand von Richthofen (1833-1905) pubblicò l'opera Tagebucher aus China. Nell'Introduzione von Richthofen nomina la Seidenstraße, la  Via della seta".

In verità i chilometri erano molto di più: circa 28.000! Vi sembrano troppi? Niente paura. Oggi si può rifare quel viaggio percorrendone (a tappe) solo 10.510 in 365 giorni, in 27 tappe, partendo da Xian (Cina) il 30 aprile 2014, e ritorno a Milano l 1° maggio 2015!. Il mezzo di locomozione: il cavallo e il cammello...

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AMERIGOOVERLAND_schermata_01-2456680_alle_10.33.57.png



Chi ha avuto questa brillante idea? E chi se non Beppe Tenti? Sì, proprio lui, quello di Overland 2007, quello dei camion arancioni.

Beppe Tenti è dal 1967 che gira il mondo. E l'idea di questo mitico viaggi sulla Via della Seta la partorì nel 1985 quando diresse la seconda della troupe televisiva di Rai uno sul set di Marco Polo in Himalaya, interpretando lui stesso la figura dell'esploratore.

 

schermata%2001-2456679%20alle%2011.26.56.png

Un momento. Mica siete obbligati a percorrere l'intero tragitto. Essendo diviso in 27 tappe, potete tranquillamente decidere quale(i) tappe percorrere. Una organizzazione tecnica incredibile, ha permesso di dividere il viaggio, appunto, in varie tappe tutte di grande fascino.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AMERIGOOVERLAND_schermata_01-2456679_alle_13.43.38.png

 

Chi può partecipare a questa spedizione incredibile? Leggo nelle info: "La possibilità di partecipare a Overland15 è aperta a tutti, uomini e donne che abbiano spirito di avventura e di adattamento. Non è necessario essere provetti cavallerizzi, poiché le tappe di 30/40 km al giorno verranno coperte al passo. La monta del cavallo sarà all'americana, molto più adatta al trekking e meno impegnativa.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AMERIGOOVERLAND_schermata_01-2456680_alle_11.17.45.png


Consigliata, ma non necessaria, la partecipazione a qualche lezione presso un centro ippico per la pratica equestre di base. Naturalmente potrà partecipare anche chi intenda percorrere i 30/40 km di ogni tappa camminando per qualche ora, poi cavalcando e magari anche salendo sul cammello. È invece necessario un vasto e responsabile senso della disciplina, della pazienza e del viaggio di gruppo."

Ecco: l'ultimo punto mi sembra importantissimo: senza disciplina e senso di responsabilità tutto diventerebbe più difficile.

Diviso in zone, ecco la possibilità di scegliersi il proprio tragitto!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AMERIGOOVERLAND_schermata_01-2456680_alle_10.43.57.png

Per conoscere l'itinerario
zona dopo zona, clicca qui!

 

Il viaggio è nella testa affermava Jean Baudrillard, in Cool memories II 1987-1990, 1990.

Ma se ci viene data la possibilità di compierlo anche con un cavallo e un cammello, forse è meglio...


Tutte le notizie sul
mitico itinerario è
su questo sito!

www.overland15.it

Info e prenotazioni

Organizzazione tecnica

La nostra pagina:
Benvenuti nel Mondo

b_100_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AMERIGOOVERLAND_schermata_01-2456680_alle_11.00.32.png

 

Link correlati

Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

Prima di partire mi assicuro... 

Per non smarrirsi nel Mondo... 

Il Meteo nel Mondo

Articoli correlati

Il giro del Mondo in 80 spezie

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi