Messaggio

Tra la Patagonia e la Terra del Fuoco




Una crociera australe
tra Cile e Argentina

av.jpg


Qualcuno sostiene, subito eloquentemente smentito dai libri di scrittori-viaggiatori come Bruce Chatwin e Luis Sepulveda, che la Patagonia, appartenendo al novero di quelle terre mitiche, magiche fin dal nome e agognate da tutti gli amanti dell’avventura e dai turisti da poltrona, non possa essere descritta, potendo soltanto vivere emozionalmente di persona i suoi paesaggi selvaggi e gli scenari spettacolari che offre.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_tierra_del_fuego_national_park.png

National Park nella Terra del Fuoco


A prescindere da questo parere,la Patagonia è una lunga striscia di terra spopolata, grande tre volte l’Italia e suddivisa dalle ultime propaggini meridionali della cordigliera andina tra Cile ad ovest e Argentina ad est ma con continuità geografica tra i due versanti,  ad occupare l’estremo lembo inferiore del continente sudamericano.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_terra_dle_fuoco_v.jpg


Le Ande, formate da rocce metamorfiche e vulcaniche, si spingono fino a 3-4.000 m di altezza con immense pareti verticali di tipo dolomitico quali Fitz Roy e Cerro Torre, sogno di ogni alpinista; il clima freddo e l’intensa precipitazione nevosa (fino a 25 m all’anno) determina il limite delle nevi perenni a soli mille metri di quota e produce enormi ghiacciai  perenni, come quelli compresi nel parco nazionale cileno Torres del Paine (riserva della biosfera Unesco) e nel parco nazionale argentino Los Glaciares (sito Unesco), a formare la maggior distesa nivale dell’emisfero meridionale e la terza calotta glaciale continentale del pianeta.


torres%20del%20paine%20torres%20del%20paine%20national%20parkg.png

Torres del Paine
(riserva della biosfera Unesco)


I 13 diversi ghiacciai di quest’ultimo, come l’enorme Upsala (900 kmq) o lo spettacolare Perito Moreno (300), galleggiano letteralmente con i loro iceberg azzurri staccatisi dai fronti su vasti e frastagliati laghi come il Viedma (1000 kmq) e l’Argentino (1.560 kmq, cinque volte il Garda e profondo mille metri), circondati da foreste di faggi artici e conifere dove trovano riparo guanachi, puma, lepri, volpi e rapaci con la maggior concentrazione di condor.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_lago_argentino.jpg

Il Lago Argentino


Il Perito Moreno è uno dei pochi ghiacciai della terra in espansione e non in ritiro, allargandosi ogni anno di 100 m.

A oriente la Patagonia argentina degrada verso l’Atlantico con pianure steppiche semidesertiche aride e fredde, popolate da milioni di pecore al pascolo, la maggior risorsa locale, mentre a ovest quella cilena chiamata Magallanes, più umida e piovosa, si presenta estremamente frammentata da fiordi e canali che penetrano assai all’interno formando ovunque isole e penisole e rendendone più facile la visita via mare che non via terra.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_pecore_al_pascolo.png

Pecore al pascolo


Ancora più a sud di entrambe, e separata dallo Stretto di Magellano, il continente si conclude con il frastagliatissimo arcipelago della Terra del Fuoco, grande come l’Irlanda, così nominata dal navigatore che la scoprì nel 1520 per la presenza di falò perennemente accesi dai selvaggi indios locali, ultima propaggine protesa verso l’Antartide.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_terra_del_fuoco.jpg

Il faro nella Terra del Fuoco


Anche questo estremo lembo risulta amministrativamente diviso, seppur in parti non uguali, tra Cile (70 %) e Argentina. Fino all’apertura del Canale di Panama (1914) la regione rivestiva notevole importanza per la navigazione marittima internazionale, mettendo in contatto attraverso lo stretto di Magellano, il Canale di Beagle o Capo Horn, l’oceano Pacifico con lAtlantico.


mappa.jpg

 Ai confini del Mondo


Gran parte della montuosa Isla Grande è occupa dal parco nazionale Tierra del Fuego, il più australe in assoluto, occupato da distese di torba e boschi di faggio antartico dove si riparano piccoli mammiferi e uccelli marini, mentre nell’oceano nuotano balene, orche, pinguini e leoni di mare.

Un luogo estremo da tutti i punti di vista, capace di regolare un senso di affascinante desolazione, con tramonti senza fine di luce radente e metallica su un mare d’inchiostro.


 b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_terra_dle_fuoco.jpg

 

Considerata l’estrema frammentazione della Patagonia cilena e della Terra del Fuoco, conviene compiere almeno una parte dell’esplorazione di questo territorio via mare, utilizzando le apposite navi turistiche da crociera e i gommoni per le visite a terra.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_patag22m_nave_gommone.jpg


Un interessante itinerario parte da Ushuaia, la città portuale più meridionale del pianeta e a 3.200 km da Buenos Aires,  dalla quale visitare il parco della Terra del Fuoco, incredibilmente vario nei suoi aspetti paesaggistici, ricco di fauna e con stupende fioriture primaverili.


b_450_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_58870693.tdf24.jpg

 

In nave si raggiunge il mitico Capo Horn, la “fine del mondo” distante solo 700 miglia dall’Antartide, sogno e dannazione di ogni navigante per le terribili correnti e le spaventose tempeste, un promontorio verticale di 425 m che ospita una riserva della biosfera dell’Unesco.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_cape-horn.jpg.png

Il sogno di ogni viaggiatore: Capo Horn!


Si prosegue per Baia Wulaia, sede in passato del maggior insediamento di nativi Yamanas, dove nel 1833 il naturalista Charles Darwin esplorò la sua ricca vegetazione di piante endemiche. Attraverso il fiordo De Agostini si raggiunge il ghiacciaio Aguilla, circondato da un bosco freddo-umido.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_un_fiore_della_patagonia.jpg

Splendidi fiori della Patagonia


Si passa quindi all’Isla Magdalena per visitare la colonia di 60 mila coppie di pinguini che vi risiede, oppure all’Isla Marta per quella di leoni di mare. Via terra si raggiunge il parco delle Torres del Paine, stupendi picchi granitici con pareti di 2.000 m specchiarsi su laghi e lagune color smeraldo disseminati di iceberg di ghiaccio, tra boschi di faggi, fiumi e cascate.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_patag15m_pinguini.jpg
16


Scavalcando le Ande si arriva infine a El Calafate, villaggio western sull’enorme lago Argentino sul quale si affaccia con un fronte di 5 km e un’altezza di 60 metri il ghiacciaio Perito Moreno; il frastuono prodotto dal continuo distacco di colossali blocchi celesti con cupi tonfi, poi naviganti sul lago come gli iceberg nei mari artici, costituisce uno degli imperdibili spettacoli offerti dalla Patagonia.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_PATAGONIA_ghiacciaio_perito.png

Il ghiacciaio Perito Moreno
in territorio argentino


Calafate è anche il nome di un arbusto assai diffuso, dalle cui bacche rosse si ricava una gustosa marmellata, divenuto simbolo della vegetazione patagonica.

L’operatore milanese “I Viaggi di Maurizio Levi” (tel. 02 34 93 45 28, www.deserti-viaggilevi.it), specializzato in turismo culturale di scoperta geografica e naturalistica, propone come novità in Patagonia e nella Terra del Fuoco un percorso di 13 giorni, con crociera marina di 4 giorni su una confortevole nave attrezzata.

mau.jpg 

Partenze individuali settimanali da ottobre a fine marzo 2013 con voli di linea, pernottamenti  con pensione completa in nave e mezza in hotel, guide di lingua italiana, inglese e spagnola, quote da 3.160 euro in doppia per i servizi a terra, circa 880 euro per i voli più tasse. Partenza del 4 dicembre 2012 con quota speciale da 3.500 euro, voli inclusi.

 Link correlati

Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

Prima di partire mi assicuro... 

Per non smarrirsi nel Mondo... 

Il Meteo  


Articoli correlati

Ciad: Sahara sconosciuto

India: tra gli adivasi del Nord

Pantanal: perla della Natura
 

I Viaggi di Maurizio Levi sono su Facebook! 

Anche il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook! 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi