Messaggio

Yunnan: l'altra Cina





Cina Le Minoranze
Eteniche dello Yunnan
 

b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_yunnan.jpg.png


Forse non sono in molti a sapere che la Cina, tra i suoi molteplici primati,  rappresenta anche uno dei principali luoghi di origine dei vegetali esistenti sul pianeta: possiede infatti oltre 30 mila specie diverse di piante, delle quali ben 17.300 endemiche (che crescono cioè soltanto qui) e 2.500 di alberi: molte piante presenti nei nostri giardini, o che fanno ormai parte del nostro paesaggio, come azalee, camelie, orchidee, rododendri, loto, magnolie, ginkgo, bambù, acero, betulla, pioppo e abete,  sono originarie di questa terra.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_56823586.yy077.jpg


Orbene, oltre la metà provengono dallo Yunnan, l’estrema provincia meridionale al confine con Vietnam, Laos, Myanmar e Tibet. Non tutti gli abitanti della Cina sono cinesi, vale a dire di etnia Han.

Nelle enormi regioni di frontiera e in diversi territori acquisiti con le armi all’impero vivono infatti numerose minoranze etniche e linguistiche caratterizzate dalle loro diverse tradizioni, dagli antichi costumi, dai peculiari stili di vita, non ancora assimilate alla cultura cinese.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_naxi_e_lisu.jpg

Un bambino dell'etnia Naxi


Vengono riconosciuti ufficialmente 56 gruppi etnici per un totale di 96 milioni di individui, capaci però di occupare oltre la metà del territorio nazionale, spesso in regioni di frontiera di notevole importanza strategica. Alcune sono diffuse in tutto il paese, altre concentrate in determinate aree, come nel caso del Tibet.


bambina%20tibetana%20di%20zongdian.jpg

Una bambina di etnia tibetana
della città di Zhongdian

La provincia con il maggior numero di minoranze è rappresentata dallo Yunnan, che ne possiede ben 26, senza considerare le differenze a livello tribale, e costituiscono la metà della popolazione.

Spesso sono molto diverse le une dalle altre, per dove e come vivono, per gli abiti, i gioielli e le acconciature delle donne, per le credenze e le pratiche religiose, ma a volte offrono anche denominatori comuni come le diffuse strutture matriarcali che non prevedono il matrimonio o forme analoghe.


cina%20a.png

 

Una società tutta al femminile dove le donne praticano il libero amore, si accoppiano senza impegno quando e con chi vogliono e allevano da sole i figli, senza padri né mariti, dove gli uomini contano poco, ma sono anche sgravati da ogni responsabilità, e dove eredità e titoli passano di madre in figlia.


 b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_donne_yunann.jpg


Lo Yunnan, regione montuosa più grande dell’Italia e uno degli ultimi baluardi della Cina rurale, offre un’estrema varietà paesaggistica in grado di spaziare dalle foreste tropicali alle risaie terrazzate, fino alle vette tibetane ammantate di neve.


b_450_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_yunnan.jpg


Terra anarchica e ribelle, di non facile accesso, ha sempre dato filo da torcere al governo centrale. Chiamato per il suo clima mite Regno delle Piante, Giardino dei Fiori e Terra dei Profumi, in Yunnan vivono oltre la metà di tutte le specie animali e vegetali cinesi: delle 800 varietà di azalee esistenti nel mondo, tutte originarie della Cina, ben 650 sono nate qua.

Qui vive anche un terzo di tutte le minoranze etniche cinesi: oltre metà della popolazione non appartiene agli han; quasi tutte hanno resistito al processo di sinizzazione e conservano identità ben radicate nella lingua, negli abiti, nella religione e negli stili di vita. Questo territorio possiede parecchie attrattive turistiche.


b_400_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_etnica_han.jpg

Studenti della etnia Han


Il capoluogo Kunming, definita la città dell’eterna primavera per il suo clima gradevole, è una città moderna ma offre anche antiche pagode, templi, moschee e parchi con un campionario della vegetazione locale.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_kunming.jpg

Il capoluogo Kunming


Dali, antica capitale dell’etnia bai sulle montagne, dentro l’antica cinta muraria possiede una città in miniatura dalla piacevole atmosfera d’altri tempi.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_erhai_lake_bridge._dali.jpg

Il ponte sul lago Erhai a Dali

 

Lungo la strada per il Tibet la città vecchia di Lijiang presenta un labirinto di viuzze acciottolate, scricchiolanti vetusti edifici in legno e canali gorgoglianti scavalcati da scenografici ponticelli.


b_450_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_lijjjj.jpg

Una classica viuzza 
della città vecchia di Lijiang


Il mercato delle donne naxi in abito tradizionale è tanto caratteristico da spingere l’Unesco ad inserirlo nel Patrimonio dell’Umanità.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_traditioneller_tanz_der_danza_naxi-minderheit.jpg

 

La cittadina di Zhongdian costituisce invece un avamposto della cultura tibetana; da non perdere tra i tanti nelle vicinanze, il monastero buddista di Songzalin Si, il maggiore della Cina meridionale, arroccato sulle pendici himalayane.


b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_cina_b.jpg

La cittadina di Zhongdian


Rimarchevoli anche le Foreste di Pietra di Shilin, selve di pinnacoli e di pilastri naturali di roccia calcarea modellati dall’erosione carsica in mille forme curiose.
 

 b_500_0_16777215_00___images_0.BADINI_yunnan_foresta_di_pietra.jpg

Un' immagine di una
delle foreste di pietra


L’operatore milanese “Adenium – Soluzioni di Viaggio”
(tel. 02 69 97 351, www.adeniumtravel.it),
specializzato in turismo culturale, propone dal 21 ottobre al 3 novembre 2012 in Yunnan un itinerario di 14 giorni, con visite guidate di tre giorni a Pechino all’andata e di due giorni a Shanghai al ritorno. Partenze con voli di linea da Milano e Roma, pernottamenti in hotel a 4 e 5 stelle con pensione completa, accompagnatrice dall’Italia, quote da 4.450 euro in doppia.


Link correlati 

Dove siamo nel Mondo   

Documenti prego!   

La salute in viaggio   

Io prima di partire mi assicuro...   

Per non smarrirsi nel Mondo... 

Il Meteo  

 Il Video

 

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook! 


Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi