Messaggio

Il Festival dei nomadi




b_500_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_marocco.jpg


IL FASCINO
DI
UN SOGNO

b_400_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_dfr.png

di
Rosalba Grassi


Italia - Marocco, Febbraio 2018. - Il sogno di Noureddine Bougrab, fondatore dell’Association Nomades, è di riempire le notti stellate di Zagora, in Marocco, con l’eco degli strumenti musicali delle tribù provenienti da tutto il mondo: dalle steppe asiatiche alle isole indonesiane, dalla tundra confinante con il Circolo Polare ai deserti africani e persino dalle praterie del continente americano.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_dsc_6823.jpg

 

Sembra di veder fluire le carovane - cavalli, renne, pecore e caprette, cammelli battriani e dromedari – verso in un immenso accampamento che, attraverso l’architettura delle tende, racconta il mondo dei popoli girovaghi.

Tutti al Festival Internazionale dei Nomadi, a M’hamid Ej Ghizlane, (la piana delle gazzelle) frontiera estrema sul deserto marocchino, per festeggiare l’arrivo della primavera che ricopre il deserto di una tenera peluria verde e sui cespugli fa sbocciare fiori di acacie e tamerici.

Il Festival
dei
Nomadi

 b_500_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO__dsc7077.jpg

La realtà è meno affollato del sogno anche se ormai da dieci anni il festival accoglie artisti della musica, della danza e della poesia e un discreto pubblico di curiosi a caccia di folclore.

Ma questo non è soltanto un progetto artistico, La musica fa da colonna sonora alle iniziative organizzative per prendere al laccio una cultura ormai incamminata sulla via del tramonto.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO__dsc7239.jpg

Oltre i riflettori del palcoscenico da cui echeggia anche l’urlo delle chitarre elettriche e dei sintetizzatori, le corse del dromedari e le partite di hockey sulla sabbia, si apre il sipario sugli scenari che per secoli hanno fatto da sottofondo culturale all’instancabile via vai delle carovane e dei pastori erranti.

Ed ecco, allora,: seminari sulla vita nomade, laboratori di artigianato, lettura delle stelle, immancabili laboratori del gusto e cerimonie del Te.

DIREZIONE TECNICA:

INFO: SAHARA BLUE LICENZA N.86629
Tel +39 0773.696183

fax + 39 0773.1870332
Via dei Volsci, 85

04100 LATINA Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

N.B.: Venerdì 16 febbraio 2018, alle 18, presso la sede dell'Agenzia SaharaBlue a Latina, primo Aperiviaggio con proiezione multimediale sul Festival dei Nomadi, per approfondire e condividere questa inedita esperienza.

ALBERGHI PREVISTI (o similari): 

Marrakech – Riad Zinoun o similare

Ait Benhaddou – Kasbah du Peintre

Mhamid – Chez le Pacha e 1 notte in campo tendato Erg Chegaga 

 

Note importanti
durante il viaggio

b_500_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_gtr.png


L'itinerario non è da considerare "standard" ma costruito su misura "metro per metro" per mostrare il meglio della destinazione. Nel particolare caso del tour fotografico la guida, così come i partecipanti, dovranno tenere ben presente la possibilità di partenze anticipate al mattino presto e/o tempistiche più lunghe durante le giornate.

Nel caso ci siano avvenimenti speciali, il programma del giorno darà la priorità a questi eventi e potrà quindi variare in corso d'opera.

Per questo tipo di viaggi garantiamo la fattiva collaborazione della guida ed un nostro supporto e contatto quotidiano in caso di necessità.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_f.png


Per scattare le fotografie agli abitanti del posto ci si attiene alle regole generali che sono da rispettare ovunque nel mondo, ossia chiedere sempre il permesso.

In alcuni Paesi aiuterà molto ad interagire con le persone, dopo aver scattato la foto, mostrare alla persona fotografata l'immagine appena scattata. Sono assolutamente invece da evitare scatti di obiettivi militari, strategici, e in generale qualunque cosa riguardi la polizia o l'esercito.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_der.png


Il programma che vi sarò proposto a chi chiederà informazioni, potrà essere modificato nei giorni e negli orari a seconda delle esigenze climatiche, meteorologiche o logistiche imposte di volta in volta da orari e disponibilità. 

Viaggio con accompagnatore:
Antonio D'Onofrio
Esperto del Marocco qualificato.


b_400_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_ed.png
Antonio D'Onofrio, nel Sahara,
ripreso su una duna

Prima della partenza lo staff di Viaggi&Foto provvederà a richiedere all’organizzazione del Festival i pass stampa che consentiranno di accedere al backstage, di partecipare alle conferenze riservate solo agli addetti ai lavori e di poter avere contatto diretto con gli artisti.

b_350_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_e.png


Il Pass è totalmente gratuito ma il rilascio è vincolato al parere dell’organizzazione. Si consiglia di iscriversi in tempo utile per poter inoltrare la richiesta.

Alcune informazioni sull’evento: La 15 ° edizione del Nomadi Festival si terrà il 22,23 e 24 marzo 2018 a M'hamid El Ghizlane Zagora, Marocco.

L'associazione "World Nomads" con questo festival dei nomadi vuole trasmettere tutta la ricchezza di questa cultura e di farla
rivivere e condividere. 

b_500_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO__dsc5869.jpg

 
Il Festival Internazionale dei Nomadi è un festival all'aperto, un estival popolare e delle arti.

Si svolge una volta l'anno in M'hamid
El Ghizlane, 90 km a sud di Zagora nella valle del Draa (Marocco).

L’Arte si presenta in tutte le sue forme: l'artigianato, pittura, tessitura ... poesia, racconti, canti, musiche e danze vengono eseguite da artisti (locali, nazionali e internazionali), che si esibiscono sul palco.

rty.png


Lo sport viene rappresentato con una dimostrazione di hockey nomade e corse di cammelli, chiamato "ellaz."

M’hamid El Ghizlane,
la porta del deserto

gty.png

 

M’hamid El Ghizlane, significa “la piana delle gazzelle”. Le gazzelle hanno vissuto in questi luoghi per molto tempo.

In tempi non lontani M’hamid El Ghizlane era un oasi, un posto di pace per i nomadi che vi trovavano rifugio dalle intemperie e dalle tempeste di sabbia.

Link correlati

Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

Io prima di partire mi assicuro...

Per non smarrirsi nel Mondo

La nostra pagina sul Marocco

Ente Nazionale per il Turismo del Marocco

Il Meteo

Articoli correlati

Mitico Sahara, confine tra sogno e realtà

Il Deserto Misterioso? Nel Sahara!

Marocco d'Autunno

L'incontaminata Lapponia Svedese

Il Rosone di Troia (4)

Cecoslovacchia: 1918 - 2018: la Storia di due Paesi (1)

#FeelParis: Il meglio di quattro musei

Vecchio? No, sono solo anziano...

La Parigi di Baudelaire in Metropolitana

Parigi? Che strana città... (1)

Paris: Cimitiére du Perè-Lachaise (2)

Gioacchino da Fiore: di spirito profetico dotato


Rocamadour: sul Camino dei "Cercatori di Dio"      

Il mondo fuggevole di Toulouse-Lautrec


Il Marocco è su Facebook!

Rosalba Grassi è su Facebook!

...anche il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!


Giacomo Danesi, Direttore del Magazine
Il Gazzettino del Viaggiatore.
è socio Neos.

b_150_0_16777215_00___images_0-AADanesi_00.AAAMAROCCO_neos_1.png


http://neosnet.it/

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi