Messaggio

Rapa Nui: le statue del mistero




 Rapa Nui
le statue del mistero
 

b_400_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0-00MAX_2.RAPANUI_a2.jpg

 Isola di Pasqua (Cile) - Cinque aprile 1722, giorno di Pasqua. Jack Rggeveen, Avvocato e Teologo di Middelburg dove era nato nel 1659, alla ricerca della Terra Australe tanto decantata dal padre Arend, con tre navi: Arend,Thienhoven e Afrikaansche, dopo varie traversie nell'immensità dell'Oceano pacifico facendo rotta per il Cile, scorge in lontananza una isola montagnosa subito battezzata con il nome di "Paasch Eylanda", "Isola di Pasqua" appunto.

Scopri anche che gli abitanti di allora, che erano molto più numerosi degli attuali, l'isola la chiamavano Rapa Nui.

dge.png

  Admiral Jack Rggeveen,
navigatore olandese

Gli olandesi a bordo delle tre navi trovarono un isola priva di alberi ma molto ricca di piante di banane, patate e zucchero di canna. Non furono molto sorpresi dagli abitanti, che subito fecero comunella con i 300 uomini di equipaggio, ma furono colpiti dalle piccole imbarcazione fatte da pezzi di legno legati fra loro, leggerissime e che avessero senza paura raggiunto la nave che distava dalla costa tre miglia! 


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0-00MAX_2.RAPANUI_bv.png
Un gruppo di statue riprese in riva
all'Oceano Indiano sull'Isola di Pasqua

La grande sorpresa degli olandesi fu quando misero piede sull'isola e scoprirono più di duecento grandiose sculture di pietra, con fattezze umane e posizionate su piattaforme lungo la costa. Bouwman, sul giornale di bordo della Thienhoven, annotò questo pensiero: "Non riusciamo a capire come sia stato possibile a questa gente, prima di legname consistente  per costruire macchine, siano stati nondimeno capaci di erigere tali statue.

Gli isolano non possiedono ruote, animali robusti, nemmeno risorse, per realizzare questa prodezza artistica, tecnica ed organizzativa."
  Un mistero che ancora oggi regge. 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0-00MAX_2.RAPANUI_789.png
Una delle statue di pietra 
ripresa poco dopo il tramonto

Un motivo per recarsi fin laggiù all'Isola di Pasqua? In occasione del “Tapati Rapa Nui Festival” in programma dal 27 gennaio al 12 febbraio 2017, per esempio! Una “full immersion” tra riti e cerimonie tramandate nel tempo, manifestazioni folcloristiche e spettacolari gare sportive ispirate alle antiche tradizioni maori e misteriose popolazioni precedenti. Un'occasione, per rievocare e conservare l'identità culturale dell'isola.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0-00MAX_2.RAPANUI_ene.png


Il festival porta la data di inizio 1970. Scopo dichiarato: mantenere e promuovere la cultura Rapa Nui tra gli isolani. Gare di ballo e di canto, eventi sportivi tradizionali come nuoto, canoa, corse di cavalli, haka pei e il triathlon isola rendono l'atmosfera elettrizzante anche per le due giovani di sesso femminile in concorrenza tra loro per diventare la regina del Tapati per quell'anno.

Gara a punti al termine della quale chi avrà raggiunto il massimo del punteggio sarà incoronata Regina.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0-00MAX_2.RAPANUI_schermata_2016-12-19_alle_01.50.19.png

Clicca qui

Rapa Nui-la “Grande tartaruga” o  l”Ombelico del mondo”, in mezzo all'Oceano Pacifico, a seicento chilometri dalle coste del Cile.

Nel programma previsto da Tour2000, previste oltre al festival, tre indimenticabili giornate per scoprire i “Moai”- le gigantesche facce scavate nella roccia sparse lungo le coste, e le statue che voltano sdegnosamente le spalle al mare con sguardi severi e impenetrabili.

 b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0-00MAX_2.RAPANUI_gty.png

 Ahu naunau sulla spiaggia Anakena 
Le statue con sguardi severi
e le spalle al mare
Photo©Antonio Alomar

Senza contare che l'isola è un centro di cerimoniali di origine polinesiana e suggestivi siti archeologici  circondati di misterioso. Uno dei tanti misteri di questa incredibile isola.

Con chi andare:

TOUR2000
di Ancona (tel. 071-2803752; www.tour2000.it) ha in programma una combinazione di 15 giorni-12 notti con tappe a Santiago, San Pedre de Atacama ( e lo sterminato deserto), Parco Nazionale Torres del Paine e i ghiacciai millenari Balòaceda e Serrano.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0-00MAX_2.RAPANUI_dgr.png

L'Atacama visto dalla strada
vicino a San Pedro de Atacama

Costo del “pacchetto” 4.630 euro a persona, più tasse aeroportuali di 590 euro): volo da Milano-Roma, trasferimenti, hotel, prima colazione.

Partenza 21 gennaio 2017. Altre
date: 20 febbraio e 20 marzo 2017.

b_300_0_16777215_00___images_0-AA.GUSTOSAPORTI_0-00MAX_ARGENTINA_logo.png

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Link correlati

Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

Prima di partire mi assicuro... 


Per non smarrirsi nel Mondo... 

Il Meteo  a Rapanui 

Articoli correlati

La nostra pagina: Benvenuti nel Mondo


Tra Patagonia e Terra del Fuoco

Il Treno delle nuvole

Cina - Argentina: la Crociera Australe 

Una crociera di lusso? In Antartide!

Argentina del Nord: paesaggi delle Ande

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook...

Anche Tour2000 è su Facebook!

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi