Messaggio

Ecuador: dalla Ande alle Galàpagos




ECUADOR: DALLE ANDE
ALLE GALAPAGOS

 b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_16.59.25.png

 

Nonostante le sue ridotte dimensioni, più piccolo dell’Italia in un continente dove tutti sono dei giganti, dal punto di vista geografico, climatico e ambientale l’Ecuador si presenta come un paese estremamente vario, tra i più eterogenei del Sud America. Sotto il suo nome si celano infatti tre diversi territori, che hanno tra di loro ben poco in comune, e questa differenziazione costituisce anche la causa delle tensioni politiche che lo contraddistinguono.

Ad ovest si estende sul Pacifico una fertile e calda pianura alluvionale, ideale per la produzione agricola e lo sviluppo industriale, abitata da una popolazione attiva, intraprendente e progressista. Il centro è occupato invece da due catene andine parallele, la Sierra, con una ventina di cime vulcaniche che salgono fino a 5-6 mila metri di altezza, intervallate da un altopiano mediano dove si concentra la popolazione originaria india, arretrata e conservatrice, che sopravvive con una misera agricoltura e con l’allevamento.

 

schermata%202015-04-24%20alle%2017.49.24.png

Una piccola carta geografica che
identifica la posizione dello Stato dell'Ecuador


Ad est infine, attorno alle sorgenti del Rio delle Amazzoni, domina invece la savana tropicale e la fitta giungla amazzonica, dove si trovano gli ultimi territori selvaggi e inesplorati del pianeta, regno di un sottosviluppo che nemmeno la scoperta del petrolio è riuscito a colmare. Un mix capace di offrire la maggior densità del continente e la maggior povertà, ma anche la più alta densità forestale (38 %) e di territorio protetto (27 %), oltre ad una delle maggiori diversità biologiche del pianeta, con ben 46 ecosistemi differenti, e culturale con 14 gruppi etnici.

Una curiosità: il vulcano Chimborazo (6.310 m) è stato per secoli considerato la montagna più alta del mondo. Una nazione dove, per le ridotte dimensioni, tutto appare a portata di mano e comunque entro un’ora di volo. L’Ecuador è in grado di offrire parecchio al turista colto e curioso: dalle spiagge deserte sul Pacifico ai più alti vulcani del pianeta fino alla sconosciuta giungla amazzonica, dai resti archeologici incaici alla bella architettura coloniale, per non parlare dei suoi abitanti e del loro peculiare artigianato.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_17.54.29.png

Il vulcano Chimborazo
alto 6.310 metri


La capitale Quito, prima città al mondo ad essere riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità, fu per qualche decennio la capitale dell’impero Inca, prima di essere rasa al suolo e ricostruita dagli Spagnoli nel 1534; il suo centro storico coloniale, dominato da un vulcano alto 4.794 m, è uno dei meglio conservati del continente. Cuenca, altro sito Unesco, è una stupenda cittadina coloniale con architetture del XVI e XVII sec. Otavalo nella Sierra offre un folcloristico mercato risalente ai tempi preincaici.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_17.30.14.png

Quito: la Cattedrale Cattolica

La strada dei Vulcani regala stupende visioni su cime innevate, foreste e laghi. E, soprattutto, a questa nazione tagliata dall’Equatore appartiene quel sito eccezionale che risponde al nome di Galapagos.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_17.42.11.png

Una cartina delle
Isole delle Galàpagos

 

Le Galàpagos costituiscono un luogo straordinario della natura per la presenza di animali e piante che non si trovano altrove. Ma risulta ancora più importante il fatto che, per una serie combinata di fattori questo arcipelago formato da un’ottantina di isole tra grandi e piccole, per una superficie totale pari ad un terzo della Sardegna, in pieno oceano Pacifico a mille km dalla costa ecuadoriana, ha rappresentato un laboratorio naturale unico nel suo genere, dove le specie hanno potuto evolversi soltanto in relazione con l’ambiente, senza alcuna interferenza umana.

 

schermata%202015-04-24%20alle%2017.17.51.png

Ecuador - circa 1935: un timbro stampato in ecuador
che commemora
il centenario della visita di darwin alle isole
galapagos, circa 1935 — Foto di neftali77

 

Queste isole vulcaniche piatte o montuose, che presentano lagune, fumarole, crateri attivi, crateri collassati e tunnel di lava, si sono formate in un lasso di tempo compreso tra 5 milioni di anni fa ed oggi.. L’arcipelago viene toccato da due differenti correnti marine, una calda e l’altra fredda, che vi determinano un clima e un habitat del tutto particolari, decisamente diversi da tutte le altre aree equatoriali. Infatti accanto ad iguana, serpenti, tartarughe e fenicotteri, tipici di clima caldi, troviamo pinguini e balene.

 

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_galap15m_sule.jpg

Una splendida coppia di Sule


La vita vi giunse attraverso le correnti marine, il vento e gli uccelli, trovando un ambiente vergine da colonizzare. Ma ogni specie si trovò a dover competere per il cibo con specie analoghe e per poter sopravvivere dovette subire una serie di mutazioni morfologiche, fisiologiche e comportamentali, pena l’estinzione, capace di dare vita a nuove specie peculiari che non esistono altrove.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_17.13.55.png

Francobolli emessi dalla Gran Bretagna in onore
del grande naturalista inglese Charles Darwin


Fu proprio osservando questi animali che nel 1835 il naturalista inglese Charles Darwin elaborò la sua famosa teoria evoluzionistica sulla selezione naturale, o della sopravvivenza del meglio dotato, valida anche per l’uomo. Nelle diverse isole si possono così incontrare animali curiosi come le longeve tartarughe giganti, enormi erbivori terrestri, le tartarughe verdi marine, la mostruosa e socievole iguana marina, l’unica a vivere in mare, e la colorata e mansueta consorella terrestre, il giocherellone e possente leone marino.


b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_17.35.40.png

Una splendida Otaria


L'otaria endemica, la vivace lucertola della lava, tre inoffensivi serpenti, sei gechi, sette balene, tre delfini, 58 specie diverse di uccelli (28 endemiche) tra cui il pinguino, i fringuelli dai becchi differenti, il cormorano che non vola, e poi sule, albatri, fregate, pellicani e fenicotteri rosa, 307 specie di pesci (50 endemiche) e 750 di piante (ben 250 endemiche), compresi diversi cactus nani e giganti. furno gli altri animali oggetti della sua osservazione.Uno zoo unico e inimitabile.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_17.33.09.png

Galàpagos: Post Office

Le Galàpagos, che erano già note agli Incas, cominciarono ad essere frequentate dall’uomo soltanto nel 1600, quando divennero un covo di pirati, e nel secolo successivo quando divennero base di rifornimento per le navi di passaggio. Fu in questo periodo che alcune specie, sottoposte ad una caccia eccessiva, rischiarono l’estinzione. Solo nel 1959 fu creato il Parco nazionale e la Stazione scientifica Darwin; 20 anni dopo l’Unesco le riconobbe come Patrimonio dell’Umanità.


b_500_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_17.38.44.png

Una vecchia nota di avviso destinata tutti i visitatori e
collocata dal Comandate della seconda zona navale

L’operatore milanese “I Viaggi di Maurizio Levi” (tel. 02 34 93 45 28, www.viaggilevi.com), specializzato con il proprio catalogo Alla scoperta dell’insolito in turismo culturale a valenza ambientale e etnografica, propone in Ecuador un tour di 15 giorni che tocca i tre diversi hatitat naturali (costa, catena andina e foresta amazzonica), per concludersi con una crociera tra le principali isole delle Galapagos.


b_400_0_16777215_00___images_0-aaadanesi_0.0ADANESI_GALAPAGOS_schermata_2015-04-24_alle_16.59.53.png

Partenze individuali settimanali per tutta l’estate 2015, quote da 4.100 euro, voli di linea Latam Airlines dall’Italia da 1.250 euro tasse incluse.

SCARICA IL PROGRAMMA!
 
Link Correlati

Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

Prima di partire mi assicuro... 


Per non smarrirsi nel Mondo... 

Il Meteo alle isole Galàpagos

Il Meteo nell'Ecuador
 

Articoli Correlati

 Focus Storia in Iran con Maurizio Levi

Viaggi Levi: meglio parlare che cliccare...

Marocco del Sud: tra canyon, deserti e oasi 

Lo splendore del Messico coloniale

Arunachal Pradesh e Assam: l'India sconosciuta del Nord-Est

Dancalia Express: tra deserti di sale e vulcani

A Maurizio Levi il Premio Turismo Cultura Unesco 2013

Nubia: regno dei Faraoni Neri

Trekking nel Mondo con Viaggi Levi

Il Deserto Misterioso? Nel Sahara! (1)
 


Il Deserto misterioso? Nel Sahara! (2)

Popoli e montagne dell'Asia Centrale 

Mongolia: Deserto e Nomadi dell''Asia Centrale 

Etiopia del Sud: Nella valle dell'Olmo

I Viaggi di Maurizio Levi sono su Facebook!

Anche il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook...

Hai già visto il Gazzettino del Pellegrino?

 

 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi