Messaggio

Norcia: nasce la Borsa dei "Parchi Attivi Sport e Salute"




Norcia ospita P.A.S.S. :
" Parchi attivi, Sport e Salute"


b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_schermata_10-2456589_alle_04.38.59.png

 
di
Lamberto Selleri

 

Il turismo in ogni sua formulazione trova in Umbria un ambiente favorevole, favorito da un territorio incontaminato, ricco di storia e di parchi, vedi quello Nazionale dei Monti Sibillini ed il Parco Regionale di Monte Cucco, che ospita nel sottosuolo una splendida grotta.

Mi sono recato a Norcia in occasione della prima edizione di P.A.S.S. (Borsa dei "Parchi Attivi Sport e Salute"), manifestazione che ha riunito un elevato numero di operatori turistici italiani e stranieri che si sono incontrati al "workshop" tenuto in questa splendida città, che mi piace definire il salotto dell'Umbria.

 


b_400_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_schermata_10-2456588_alle_16.34.09.png

 

Nella piazza centrale intitolata a San Benedetto, c'è il duomo del 1300 con facciata gotica ed il palazzo-fortezza Castellina, opera del Vignola (1507-1573). Qui è nato l'eremita San Benedetto da Norcia, monaco che visse per anni in una grotta nella valle di Subiaco, non lontano da Roma, e qui fondò il primo monastero.

Più tardi, a Cassino, fondò un secondo monastero ove concepì la "Regola benedettina" diffusasi poi in tutta Europa, fatto per cui oggi è annoverato fra i Patroni d'Europa. Per gli ospiti di P.A.S.S, erano previste escursioni nel territorio umbro.

 b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_norcia_piazza_san_benedettoi.jpg

Norcia: la piazza intitolata
a San Benedetto

Foto © Lamberto Selleri 

La prima meta è stata la Grotta nel Parco regionale di Monte Cucco. È composta da un dedalo di 30 km. di gallerie, profonde fino a 900 metri, di cui quelle aperte al pubblico non vanno oltre gli 800 metri. Il percorso si snoda alla scoperta di un mondo sconosciuto tra stalattiti, stalagmiti, labirinti e cunicoli.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_schermata_10-2456588_alle_16.58.39.png

La Home page  di
"
Discover Monte Cucco"

 

Ma non preoccupatevi : sarete in buone mani e potrete scegliere percorsi di lunghezza e difficoltà diverse. Obbligatoria la prenotazione (www.discovermontecucco.it). Se i venti lo permettono, da Monte Cucco potete veleggiare con il parapendio , anche se neofiti, in compagnia dell' istruttore che vi fornirà l'attrezzatura necessaria.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_interno_grotta_di_monte_cucco_2.jpg

La Grotta nel Parco regionale
di Monte Cucco
Foto © Lamberto Selleri

Sensazionale: "Per un piatto di lenticchie ha perduto il diritto di primogenitura". Questo non è un fatto di cronaca recente, ma lo troviamo scritto nella Bibbia. Protagonisti: un certo Esaù vittima del fratello gemello Giacobbe, divenuto poi uno dei padri dell'ebraismo. Ciò che mi preme mettere in evidenza in questo contesto sono le lenticchie, citate nella Bibbia come alimento estremamente prezioso.

Ebbene, questa leguminosa, che da millenni svolge il compito di "cibo dell' umanità", in Italia ha trovato il terreno ideale per riprodursi in Umbria, nel Parco dei Monti Sibillini e, precisamente, nel territorio di Castelluccio (1422 m.) da cui la denominazione "Lenticchie di Castelluccio di Norcia IGT ".

 

schermata%2010-2456588%20alle%2017.01.59.png

 

Le lenticchie hanno il pregio di essere le leguminose con il maggiore contenuto proteico e, se accompagnate con i cereali , costituiscono un pasto completo che talvolta può sostituire la carne. Castelluccio, dista 28 km. da Norcia e sarebbe stato un peccato non esserci andati, anche se la stagione più propizia è la primavera inoltrata, quando nei campi i fiori bianchi delle lenticchie si confondono con papaveri rossi e i fiordalisi viola, offrendo una visione cromatica della natura di rara bellezza.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_schermata_10-2456589_alle_05.06.23.png

Una splendida immagine
di Castelluccio di Norcia

 

In estate i monti circostanti offrono interessanti percorsi per chi pratica il trekking e chi scelga le escursioni in bicicletta, a cavallo o a dorso d' asino. ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ). D' inverno: sci di fondo e ciaspolate.

Preci (a 596. m.s.l.m.) dista 17 km. da Norcia. É tuttora un perfetto borgo medioevale del XIII secolo che ci racconta una storia che ha dello straordinario, conservata tra le mura di una chiesa adibita a museo.

Dal XIV al XVIII secolo i membri di trenta famiglie di Preci diventarono famosi, e quindi anche menzionati nelle cronache europee dell'epoca, per essere provetti "chirurghi empirici" (scuola chirurgica preciana), ai quali fecero ricorso anche teste coronate, tra cui Elisabetta I d'Inghilterra. (1588).

 

schermata%2010-2456588%20alle%2017.08.22.png

Elisabetta I d'Inghilterra

Questi "chirurghi empirici" erano specialisti nel togliere la cataratta, l'ernia inguinale e frantumare o togliere i calcoli. Nel museo sono esposti anche i "ferri del mestiere" che utilizzavano e che spesso costruivano personalmente (www.comune.preci.pg.it)

Gli abitanti di Preci, con ogni probabilità, avevano appreso l'arte della chirurgia dai monaci benedettini della vicina Abbazia di Sant' Eutizio, ma Il fatto che ha dello straordinario è che il loro mestiere principale era quello di provetti "norcini", ossia "sezionatori di maiali". Grazie alla manualità in tal modo acquisita, passare all'uomo fu per loro cosa estremamente facile.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_schermata_10-2456588_alle_17.16.28.png

L'abbazia di Sant' Eutizio

L'abbazia di Sant' Eutizio sorge nel luogo dove agli inizi del V secolo giunsero dalla Siria degli eremiti cristiani che presero alloggio in grotte. Il monastero fu edificato in seguito, nel 470. É uno dei più antichi d'Italia, spesso visitato da San Benedetto e in cui giunse anche San Francesco d'Assisi.

Da questo monastero dipendeva la chiesa di San Salvatore (Campi di Norcia), ricca di importanti decorazioni della seconda metà del 1400. A Preci, in località Borgo Garibaldi, si può visitare un mulino del 1808 ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ).

L'ospitalità a Preci si chiama "Hotel degli Scacchi"  ricavato da un edificio del '500 che appartenne ad una famiglia di norcini chirurghi, gli Scacchi. L'albergo è dotato di piscina e sala con attrezzi ginnici. Dal 1980, Anna ed Alberto Quaglietti offrono un' ospitalità familiare priva di eccessi, ma concreta. In cucina si attiva la mamma di Alberto Quaglietti, che non lesina mai sul tartufo nero quando il piatto lo richiede. Aperto tutto l'anno.

Il turismo religioso trova in Umbria un luogo spirituale tra i più frequentati e conosciuti del mondo cattolico. A 18 km. da Norcia incontriamo Cascia (653 m.), nel cui Santuario riposano le spoglie di Santa Rita (1381- 1457), monaca agostiniana, e dove giungono fedeli da ogni parte del mondo e in ogni stagione dell'anno.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_basilica_di_santa_rita_da_cascia.jpg
Cascia: il Santuario
dedicato a Santa Rita
Foto © Lamberto Selleri



Santa Rita é venerata quale esempio della sopportazione delle sofferenze che ebbe a subire in vita e testimonianza della sua volontà di superare qualsiasi ostacolo per sentirsi partecipe della fede cristiana. È acclamata dai fedeli "Avvocata dei casi impossibili". Roccaporena (707 m.), distante da Cascia 6 km., è il luogo dove è nata S.Rita: abbiamo visitato la sua casa natale, la casa maritale, la chiesa di San Montano dove si sposò e lo scoglio dove spesso si soffermava a pregare.

Non si può visitare l'Umbria senza andare a Gualdo Tadino, che dista 98 km. da Norcia ed ha avuto un ruolo importante nella produzione della ceramica. La prima notizia al riguardo risale al 1361 quando Angelo da Gualdo fornisce ai conventuali d' Assisi 200 scodelle, ma è nel XIX secolo, con Paolo Rubbiani (1873), l'inventore della famosa ceramica verberata, che iniziò il periodo di maggiore splendore di questo manufatto.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_gualdo_tadino__ceramista_paolo__ruboli.jpg

Foto © Lamberto Selleri 

La Rocca Flea, fortezza ricostruita da Federico II e restaurata nel 1900, ospita la pinacoteca in cui sono esposte opere del secolo XV tra cui un polittico dell'Alunno e tre trittici di Matteo da Gualdo,inoltre è allestita una mostra antologica di ceramiche verberate e policrome prodotte dalle fabbriche gualdesi dal 1850 al 1950.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_gualdo_tadino_rocca_flea_pinacoteca_matteo_da_gualdo_albero_genealogico_dellavergine-partricolare.jpg

Rocca Flea: alla Pinacoteca
Foto © Lamberto Selleri



In alcune sale sono esposti frammenti ceramici trovati nel centro storico di Gualdo e datati dal 1500 al 1800.

L'ultima settimana si settembre a Gualdo come Siena si corre il palio"I giochi delle porte" nel quale protagonisti indiscussi sono gli asini.

P.A.S.S. è stato realizzato da "Rete System Srl" in collaborazione con il Consorzio Umbria Sport & Action e ha avuto il patrocinio di Enit, Regione Umbria, Ferderparchi, Parco Nazionale dei Monti Sibillini, GAL dei Sibillini, Federalberghi Nazionale, Camera di Commercio di Perugia, nonché dei Comuni di Norcia, Cascia, Gualdo Tadino, Preci, Cerreto di Spoleto ,Todi e Trevi.

Il Patron della manifestazione, NICOLA UCCI, Amministratore Unico di "Rete System Srl", ha ribadito il concetto base di questa manifestazione: “Le vacanze attive rappresentano un segmento importante ed in crescita del prossimo mercato turistico, non solo italiano. Per ciò stiamo investendo in questo settore con manifestazioni come P.A.S.S. e con il prossimo lancio di un nuovo Portale, www.sportandtour.it , rivolto agli operatori della offerta e al mondo dell’associazionismo sportivo e attivo.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_nicola_ucci_amministratore_unico_di_rete_system_srl.jpg

Nicola Ucci, Amministratore
Unico di
"Rete System Srl"
Foto © Lamberto Selleri

Le vacanze attive, infatti, stanno cambiando in modo profondo i contenuti e le motivazioni di viaggio di importanti segmenti della domanda turistica, sempre più propensa a “dare valore” a fattori ludici, estetici e salutistici abbinati all’attività motoria ed alla scoperta dei territori”. (www.parchiattivi.it)

 

 

Link correlati

La nostra pagina sulla Regione Umbria

Il Meteo

Come arrivare a Norcia

Come arrivare a Castelluccio di Norcia

Come arrivare a Cascia

Come arrivare a Gualdo Tadino


Articoli correlati

La nostra pagina: Benvenuti in Italia!

 

b_100_0_16777215_00___images_0-ASELLERI_NORCIA_schermata_10-2456589_alle_04.41.04.png

 Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi