Messaggio

Tutto il mondo di Londra




TUTTO IL MONDO
DI LONDRA


b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_12.16.06.png

Photo © Gabriele Parafioriti

di
Fulvia Ferrero

“Londra è una cattiva abitudine
che non si deve perdere”

Anonimo

 

“London calling!” Sì sì, Londra ci ha chiamato, o meglio, la nostra amica Francesca ci ha chiamato e noi abbiamo prontamente risposto! Del resto, si deve rispondere alle chiamate o no!?  Se molti definiscono Londra “La capitale del mondo” un motivo ci sarà.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_09.16.09.png

 

Spettacolare, megagalattica, sensazionale la metropoli londinese con i suoi 8 milioni di abitanti. Una settimana estenuante, ma assolutamente piacevole per gli occhi: Londra è davvero unica!

Il nostro tour settimanale inizia dal Greenwich Park, poco fuori dal centro città, siamo arrivati prendendo la DLR che attraversa i Docklands e la City.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_11.07.44.png

Il Royal Observatory
di Greenwich

 

In cima alla collina il panorama è uno dei più belli dei dintorni di Londra.. Imperdibile la visita all'osservatorio astronomico: il  “Royal Observatory” e gli edifici che ospitano la collezione astronomica del museo. All'esterno si trova il famoso meridiano zero, o meridiano fondamentale.

Come è noto la longitudine si determina calcolando la distanza verso Est o verso Ovest dal meridiano fondamentale (o zero), ovvero dal meridiano di Greenwich. Ma quando è perché si decise di adottare come meridiano zero il meridiano di Greenwich? La scelta avvenne nell'ottobre del 1884 durante la Conferenza Internazionale dei Meridiani, organizzata a Washington dal Presidente degli Stati Uniti Chester Arthur. Presero parte alla conferenza i rappresentanti di 25 nazioni, Italia compresa.


b_400_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_11.15.18.png

Greenwich e il meridiano zero

 
Insolito e particolare il percorso di ritorno: il tunnel pedonale sotto il Tamigi… Salire poi su uno dei famosi “Double Decker”, i bus rossi a due piani per ammirare "dall’alto" le meraviglie della big city è stato doveroso. Un lungo tour, per la verità prima di raggiungere la famosissima Trafalgar Square, dove al centro della piazza si erge la colonna in onore dell’ammiraglio Nelson che sembra voglia sorvegliare i turisti, circondato da quattro possenti leoni in bronzo.

 

schermata%2012-2456631%20alle%2011.25.07.png

Trafalgar Square: l'alta colonn con alla
sommità la statua di Horatio Nelson


Nell’angolo sinistro ecco la chiesa di Saint-Martin-In-The-Fields. In questa chiesa il 13 novembre 1959 Sir Neville Marriner, fondatore della The Academy of St.-Martin-in-the-Fields, con la sua orchestra composta di soli 11 maschi diede il primo concerto. Oggi nella chiesa si svolgono numerosi concerti, che al lunedì mattino sono gratuiti.

Davanti alla chiesa ecco la famosissima National Gallery, la cui visita dovrebbe essere obbligatoria per qualsiasi turista visiti Londra.

 

b_350_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_09.44.27.png

 

La planimetria della chiesa di
 Saint-Martin-In-The-Fields
e della National Gallery

 

Fondata nel 1824, la galleria coserva una delle collezioni di pittura europea più preziose e complete. Rimarrete sicuramente incantati davanti al celebre quadro di Georges-Pierre Seurat : Bagnanti ad Asnières” (1884). Non vi passeranno certo inosservatr le opere del Canaletto che ritraggono da par suo Venezia e i suoi canali, come le opere di Leonardo da Vinci, Raffaello, Botticelli, ecc.

S
ono ben 2.300 i dipinti esposti di varie epoche: dalla metà del XII secolo al secolo scorso. Come tutti i musei di Londra, l'ingresso è gratuito tutti i giorni dalle 10 alle 18, il venerdì fino alle 21.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_09.48.14.png

LeBagnanti ad Asnières” 
di Georges-Pierre Seurat, datato 1884



Uno dei simboli di Londra, al centro della città, è sicuramente la Cattedrale di San Paul, sorta circa 1400 anni fa,  la chiesa dei londinesi, cattedrale della diocesi di Londra, sede del Vescovo, centro spirituale della città, diventata famosa per il matrimonio di Carlo e Diana celebrato nel 1981.

Vi consiglio fortemente di compiere l’intera visita con l’audio guida per godere appieno la maestosità di questo edificio religioso.



b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_10.02.04.png
La cattedrale di San Paul

 

Maestoso l'ingresso verso la navata centrale, splendidi il coro e la cripta dove è sepolto l’Ammiraglio Lord Horatio Nelson, il Duca di Wellington e il pittore Turner con altri artisti. La guida ci ha poi suggerito: “Ora prendetevi qualche minuto, sedetevi ed ascoltate il coro, alzate la testa verso l’alto!”.

L' emozione è stata grande, avvolta in quell’aura religiosa che solo alcune grandi chiese  hanno il potere di farti provare. S
alire poi sulla cupola per ammirare dalla Galleria d’oro, dopo 528 scalini a 85 metri di altezza, la visione della city londinese è stato impagabile.


Londra non è solo arte, storia, cultura, ma anche… natura! Infatti all’interno della metropoli vi sono ben 1700 parchi! I polmoni verdi della città più famosi sono: il Regent’s Park, l'Hyde Park, il St.Jame’s Park e i Kensington Gardens. Tutti con caratteristiche e particolarità proprie.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_10.10.26.png

Il Sandringham Gadren, a Hyde Park,
in menoria di Re Giorgio V e Re Giorgio VI



A St.James Park sono famosi i pellicani, che si stabilirono in questo luogo già nel XVII secolo. Da ammirare la simpatica statua di Peter Pan ad Hyde Park.

Incredible il numero degli scoiattoli, cigni, anatre, oche, gabbiani, aironi. Senza contare la flora con una varietà di piante come i platani, i castagni e i faggi. Londra è un vero scrigno della natura.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_09.16.48.png

 Splendido paesaggi autunnale
in un parco londinese

Photo © Fulvia Ferrero

I divertimenti e le attrazioni non mancano certo in questa fantastica città. Una di queste è senza alcun dubbio la “London Eye”, la celebre ruota panoramica, ribattezzata “L’Occhio di Londra”, che con i suoi 135 metri di altezza è una delle ruote panoramiche più grandi al mondo!      

 

schermata%2012-2456631%20alle%2009.30.49.png 
   La London Eye”: la celebre
ruota panoramica


Non ci sono parole per descrivere lo stupore provato all’interno di uno dei 32 ovetti che ruotano lentamente in quasi 40 minuti di giro panoramico.

Londra è meravigliosa, ma ammirarla dall’alto al momento del tramonto è davvero uno spettacolo meraviglioso. “Sulla London Eye vi sembrerà di toccare il cielo con un dito.” "ammoniva" un volantino pubblicitario. Tutto vero.


Considerato di importanza relativa, ma altrettanto divertente, soprattutto per i più piccini, è il Museo delle Cere di M.me Tussauds  che continua ad attirare un numerosissimo pubblico fin dal 1835.

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_12.27.38.png

Albert Einstein al
museo delle cere


Il visitatore si mescola con personaggi famosi, con l’infame, con la famiglia reale e le stelle della musica, con i grandi sportivi e con i personaggi che hanno fatto la storia. Il percorso degli orrori, il trenino che attraversa la Londra di un tempo, il cinema in 3d con divertentissimi effetti speciali sono solo alcune delle attrazioni.

Tappa obbligata per i fanatici dello shopping è sicuramente il grande magazzino Harrods nel quartiere di Knightsbridge. Cose da non credere!! Il più celebre negozio del mondo: 300 reparti dislocati su 7 piani che da lavoro a 4000 tra commessi ed impiegati.

 

schermata%2012-2456631%20alle%2009.15.56.png

Una visione notturna
di Harrods
Photo © Fulvia Ferrero
 

All’interno si passa dal reparto ortofrutta al reparto profumi e cosmetici, alla panetteria, alla pelletteria, alla cucina giapponese-cinese e al reparto casalinghi senza accorgersi. Salire ai piani superiori e perdersi nel lusso delle grandi firme a prezzi davvero esorbitanti, è stupefacente! Il motto di Harrods ? “Se non lo trovi qui significa che non esiste!

È la voce di Londra ed è uno dei maggiori simboli della capitale londinese: il Big Ben che con i suoi 96 metri di altezza domina il quartiere di Westminster e dal 1859 batte il tempo fino al secondo.

Il suo nome è quello della campana della Clock Tower, anche se è esteso all’intera Torre dell’Orologio il cui nome ufficiale, dal luglio del 2012, è “Elizabeth Tower”.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_09.24.57.png

In primo piano la più classica delle
cabine telefoniche londinesi.
Sullo sfondo il campanile del Big Ben



Il cuore della Londra reale è sicuramente Buckingham Palace ed è assolutamente imperdibile il cambio della guardia. Di questi tempi si effettua nei giorni dispari a partire dalle ore 11.15.

I turisti però cominciano ad affluire intorno alle ore 9.30 posizionandosi nella piazza antistante ai piedi della colonna dedicata alla Regina Vittoria (“Victoria Memorial”). Al momento del cerimoniale sono nmerosissime le persone assiepate dinnanzi ai cancelli.

 

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_09.16.35.png

Cambio della guardia a
Buckingham Palace
Photo © Fulvia Ferrero

Uno spettacolo veder sfilare il corpo musicale della regina, e sentirli suonare uno dei miei brani preferiti! Lunga l'attesa ma ripagata da un grane spettacolo "reale"!

La movida londinese si divide principalmente tra Trafalgar Square, Piccadilly Circus, famosa per il suo “maxischermo pubblicitario” e Leicester Square, cuore dei divertimenti pullulante di cinema, teatri, sale giochi.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_09.16.23.png

Londra: Piccadilly Circus. Gli inglesi sono convinti
che questo posto sia l'ombelico del Mondo!

Photo © Fulvia Ferrero



Per gli amanti delle passeggiate, dalla Cattedrale di San Paul si può proseguire verso la zona est di Londra attraversando il Tamigi sul Millennium Bridge, il primo ponte pedonale costruito per collegare la zona di Bankside con la City, ammirando così la Tate Modern, il Shakespeare Globe, fino al famosissimo Tower Bridge, il ponte mobile di Londra, di recente costruzione, che all’occasione si apre per lasciar transitare le navi. Sulla riva opposta ecco la Torre di Londra, imponente complesso medievale.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_10.29.23.png

Londra: Il Tamigi e in primo
piano la Tower Bridge


I fiori sono così comuni in campagna così come le persone lo sono a Londra”; così  il grande Oscar Wilde descriveva “tutto il mondo di Londra.”

La diversità e la quantità di culture che si incontrano in questa città lascia senza parole. Indiani, cinesi, africani, italiani, polacchi, arabi, spagnoli, giapponesi, brasiliani e americani, turisti e non, nel rispetto più assoluto di ogni stile, cultura, etnia di appartenenza, vivono in apparrente pacifico connubio.

 

schermata%2012-2456631%20alle%2010.47.45.png

People ad Harrods

 

Non meravigliatevi se al supermercato sarete serviti da una graziosa ragazza indiana o se da Harrods troverete alla cassa una signora o signorina con il velo.

È normale. Questa è tolleranza, è apertura, è curiosità e positività verso persone “diverse” ma uguali. In tutti i sensi Londra è una città cosmopolita. Per questo motivo la mia vacanza londinese è stata davvero speciale.


Link correlati

Dove siamo nel mondo

Documenti prego!

Io prima di partire mi assicuro

L'Ambasciata italiana a Londra

Come raggiungere Londra

Il Meteo

 
Articoli correlati

La nostra pagina sull'Europa

b_100_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.AAGIACOMO_0.AFERRERO_LONDRA_schermata_12-2456631_alle_12.34.38.png

Dallo stesso autore

Cuba: un sogno realizzato

Il Gelsomino di Grasse

L'anima lusitana di Lisbona

Pellegrina per ritrovare se stessa

 

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!


 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi