Messaggio

Tirolo: tesoro di Cultura




 

Tirolo, tesoro di cultura

Lungo gli itinerari tematici
il passato torna a vivere:
castelli, chiese, itinerari archeologici
rendono una vacanza
nella regione austriaca un'occasione
per riposarsi e approfondire la storia

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_10.29.27.png  

I sentieri tirolesi colmi
di luoghi storici

come di tanti sassolini


Vi presentiamo le imponenti fortezze e i resti di curiose testimonianze che raccontano la movimentata storia del Tirolo austriaco. Come il Cippo della triplice frontiera, la pietra miliare che segna il punto in cui i territori di Austria, Italia e Svizzera si incontrano a quota 2.179 metri, in una magnifica area escursionistica a sud-ovest del territorio comunale di Nauders.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_10.38.42.png

Pietra miliare sulla Via Claudia Augusta
(©Tirol Werbung)

 
Qui, dove un tempo correva l'antico tracciato romano della Via Claudia Augusta, i luoghi ricchi di storia sono tanti. Nel punto in cui, scendendo dal Passo Resia verso Pfunds e Landeck, l'antica strada romana raggiunge l'Inn, sorgono ancora gli edifici di Alt-Finstermünz, in passato sede doganale e giudiziale.

 

b_600_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_10.51.38.png

Una straordinaria visione d'insieme
della fortificazione di frontiera

 

Sono straordinarie testimonianze di epoche ormai lontanissime anche la torre difensiva, fiancheggiata da due ponti di legno, che si staglia nel centro del fiume, la piccola cappella, l'antica casa doganale e, abbarbicata sulle rocce, la fortificazione di frontiera "Sigismundseck" del XV secolo. (Tourismusverband Tiroler Oberland, www.nauders.com; www.pfunds.at).



Un
rifugio particolare


Situato nel territorio di Mayrhofen/Ginzling, è il più antico e più noto rifugio delle Zillertaler Alpen: non solo un punto di ristoro dopo una dura salita, ma anche custode tra le sue pareti di un passato storico affascinante. Si tratta della Berliner Hütte, rifugio del Club Alpino sotto tutela storica che sorge lungo l'omonima Berliner Höhenweg sui pascoli della Schwarzensteinalm, nell'Oberer Zemmgrund (2.042 metri d'altitudine).

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_10.56.32.png

Il rifugio del Club Alpino Berliner Hütte
(©Tirol Werbung/Andreas Kitschmer)

 

L'edificio originario fu eretto nel 1879 dalla sezione berlinese del "Deutscher und Oesterreichischer Alpenverein", il club alpino austriaco-tedesco. Il fatto di non essere un rifugio alpino qualunque ma anche un monumento architettonico sotto tutela, la Berliner Hütte lo deve essenzialmente all'impero tedesco che, con un edificio grandioso, voleva dimostrare la propria magnificenza anche in mezzo ai giganti di tremila metri.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_11.11.34.png

Si sale: destinazione il
lago Schwarzsee

Nel corso degli anni ha subito diversi rifacimenti e attualmente, d'estate, offre ben 180 posti letto (camere private e camerate). Da qui si sale fino all'incantevole lago Schwarzsee, a poco più di un'ora di cammino dal rifugio. Il panorama sulle cime circostanti è semplicemente indescrivibile. (Tel. rifugio +43.5286.5223; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ).


Un itinerario archeologico
tutto da scoprire


Ancora più indietro nel tempo si va con il cosiddetto "Archäologischer Rundwanderweg" di Obergurgl (Ötztal), un itinerario ad anello dedicato al mondo archeologico. Gli escursionisti hanno l'opportunità di imparare quanto scoperto in loco da studiosi e archeologi, per esempio, sull'origine dei primi insediamenti umani nella regione. Tutte le informazioni sono riportate in tre lingue su pannelli di rame disseminati lungo il percorso.

 

b_400_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_11.28.45.png

La mappa della
zona archeologica

 
E tra una stazione e l'altra rimane tutto il tempo necessario per ammirare le meraviglie del Parco Naturale della Ötztal, attraverso cui si snoda il tracciato, e in particolare gli straordinari pini cembri della famosa "Obergurgl Zirbenwald".

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_11.25.18.png

 

Così come un tempo erano i compagni di Ötzi a dover risalire faticosamente i sentieri e i valichi di queste montagne, ancor oggi è necessaria un po' di resistenza per percorrere l'intero itinerario: 6-7 ore per 550 metri di dislivello.

Niente paura, un adeguato equipaggiamento da montagna e una buona pianificazione del percorso permettono di affrontare tranquillamente il tour anche in condizioni fisiche non ottimali (periodo migliore: da giugno a settembre).

Nonostante i diversi punti di ristoro, si consiglia di munirsi in anticipo di provviste e bevande a sufficienza. 

Ötztal Tourismus Information Obergurgl-Hochgurgl, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; www.obergurgl.com)

 
Di cappella in cappella
a due passi dal cielo

schermata%2003-2456381%20alle%2011.52.02.png



Anche se non proprio in alta quota, il sentiero "10 Kapellenweg" di Schwaz si snoda decisamente verso il cielo. Per questo itinerario ad anello adatto alle famiglie, lungo sei chilometri, sono necessarie due ore di cammino per circa 270 metri di dislivello. Il punto di partenza e di arrivo è la miniera d'argento di Schwaz, antica "città dell'argento".

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_11.45.28.png

Nella miniera d'argento

Le chiesette lungo il percorso, infatti, risalgono all'epoca di massimo splendore dell'industria mineraria e proprio qui venivano a pregare i devoti minatori medievali, chiedendo protezione dai grandi pericoli ai quali erano esposti. (Tourismusverband Silberregion Karwendel; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.silberregion-karwendel.com).

 
Fonti d'acqua
e affreschi


Di una propria sorgente dispose per molto tempo il piccolo santuario di St. Magdalena, situato a 1.600 metri di quota in uno splendido punto panoramico tra Trins e Gschnitz nella Gschnitztal (vallata laterale della Wipptal). La fonte, tuttavia, è stata chiusa per non danneggiare i preziosi affreschi romanici che decorano le pareti della chiesetta con raffigurazioni bibliche. Realizzati presumibilmente attorno al '200, sono tra i dipinti murari più antichi di tutto il Tirolo.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_14.44.16.png

 

Qui, dove un tempo si trovava un eremitaggio, oggi fanno sosta gli escursionisti per una preghiera nella cappella e uno spuntino nella locanda adiacente. Da Gschnitz si raggiunge St. Magdalena in circa un'ora e mezza di cammino. La locanda è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 19 da metà maggio a metà ottobre e, su prenotazione, offre posti letto fino a 10 persone. ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.wipptal.at


Seggiovia monoposto:
lusso d'altri tempi

 

b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_natur.jpg

 
Un monumento tutto particolare e, al contempo, un impianto di risalita ancora molto comodo è il Kaiserlift di Kufstein, realizzato verso la fine degli anni '60. Qui, approfittando di una bella escursione a piedi, si può ancora godere del "lusso" di un mezzo di trasporto tutto per sé. Nell'epoca delle luccicanti cabinovie, una seggiovia monoposto è davvero qualcosa di straordinario.

 b_500_0_16777215_00___images_0-ACARDINALI_0.PRTIROLO_schermata_03-2456381_alle_12.22.11.png


Nonostante l'aspetto a dir poco antico, questa monoposto adempie ancora diligentemente al suo compito, portando i passeggeri a destinazione sulla Jahnhügel, sul Brentenjoch.

 

schermata%2003-2456381%20alle%2012.30.28.png

 

Da qui si spalanca una magnifica area escursionistica con panorami mozzafiato sulle vette del Wilder Kaiser. Poco lontana sorge la malga Brentenjochalm, dove gli escursionisti possono concedersi una pausa e un delizioso spuntino. (Tourismusverband Ferienland Kufstein,   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.kufstein.com)


Qualche prezzo


Per passeggiare nella tranquilla valle di Gschnitz e partire alla scoperta del santuario di St. Magdalena si può sfruttare il pacchetto presente su offerte.tirolo.com che prevede pernottamenti all'hotel Trinserhof, trattamento di mezza pensione, acqua di fonte di Trins e una bottiglia di vino di benvenuto a partire da 58 euro a persona.

Per maggiori informazioni:
Tirol Info
Maria-Theresien-Str. 55
6010 Innsbruck, Austria
Tel: +43 512 7272-0
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tirolo.com (in italiano)
www.facebook.com/Tiroloaustriaco

 

Link correlati

Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

Io prima di partire mi assicuro

La nostra pagina sull'Austria 

La nostra pagina sul Tirolo

Come raggiungere il Tirolo

Il Meteo

Articoli correlati

Tirolo: l'incanto dello Stubai
Stubai nel Tirolo: Paradiso invernale

Sci e wellness in igloo
Sciare con Marc Giradelli? Si può...

Nel Tirolo io vado in bicicletta... elettrica!
Carinzia e Tirolo: paradisi dello sky


Anche il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi