Messaggio

Armenia, Perla del Caucaso





Emerge nel cuore di un territorio non molto
esteso condiviso con la Georgia e l’Azerbaijan,
i cui popoli sono molto diversi per la lingua e la cultura

 

armenia_mappa.jpg

 

L'Armenia,  il "piccolo”" Stato si distingue per la storia millenaria, la natura e la cultura incredibilmente ricche, che affondano le loro radici nella notte dei tempi, oltre che per la suggestione dell’architettura religiosa e delle croci votive, per la visione del mitico Monte Ararat, dove si troverebbe l’arca di Noè, ed è famosa anche per il grande lago Sevan.

Tra gli altri elementi distintivi della “perla” del Caucaso:

Echmiadzin
 la città sacra
 

 

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_0-PUBBLI_ARMENIA_foto_armenia_-_echmiadzn.jpg

 Echmiadzin: l'interno della 
Chiesa di S. Hripsime 
 

Echmiadzin è una città di circa 56.900 abitanti (2007) della provincia di Armavir in Armenia. Echmiadzin è la città più sacra dell'Armenia, sede del catholikos, il capo della Chiesa apostolica armena e si trova a circa 20 chilometri a ovest della capitale Yerevan.

 

b_400_0_16777215_00___images_0.DANESI_0-PUBBLI_ARMENIA_415px-karekin_ii.jpg

 Sua Santità Karekin II 
il Catholicos della
Santa Chiesa Apostolica Armena 


La città venne fondata col nome di Vardkesavan nel IV o III secolo a.C. Il re Vagharsh (117-140) ne cambiò il nome in Vagharshapat, che tuttora è il nome ufficiale della città.

Alcuni decenni dopo la città divenne la capitale dell'Armenia e rimase la città più importante del paese fino al IV secolo. Il monumento più importante di Echmiadzin è la sua cattedrale, costruita originariamente da San Gregorio Illuminatore come una basilica a volta nel 301-303, quando l'Armenia era l'unica nazione del mondo a riconoscere il Cristianesimo come religione di stato.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_0-PUBBLI_ARMENIA_483091_437718962952869_794798715_n.jpg

Le croci di pietra in Armenia.
Un vero patrimonio per la Storia

 

Secondo gli annali armeni del V secolo, San Gregorio ebbe una visione di Cristo che scendeva dal cielo e colpiva il suolo con un martello d'oro per mostrare il luogo dove sarebbe dovuta essere costruita la Cattedrale. Quindi il patriarca diede alla chiesa e alla città il nome di Echmiadzin, che significa "il luogo dove discese l'Unico Figlio".

  

Il lago Sevan

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_0.PUBBLIECO_foto_armenia__-_lago_sevan.jpg

Il lago di Sevan e il
monastero di Sevanavank

 

Il Lago Sevan , già mare di Gegham  nell’antichità o in turco Gokcha (o Goktscha), che vuol dire “lago blu”, è il più grande lago dell’Armenia ed uno dei più grandi laghi d’alta quota al mondo.

Secondo la leggenda, nell’imminenza di una delle frequenti invasioni arabe, gli abitanti della città di Sevan, attraversando il lago gelato, si rifugiarono sulla vicina isola (oggi è una penisola) dove era situato il monastero di Sevanavank e qui si barricarono pregando Dio di salvare le loro vite.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_0-PUBBLI_ARMENIA_1_vazgen_vehapar_-_esse_pellicola_parte_1.png

Il lago Sevan

 

Quando gli arabi arrivarono, tentarono anch’essi di attraversare il lago ma il ghiaccio cedette facendoli affogare nelle acque ghiacciate. Gli armeni considerarono questo un intervento divino e poiché il lago ricoperto dai cadaveri degli arabi appariva nero lo chiamarono Sevan (Sev in armeno significa "nero")

 

Il Lavash 

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_0-PUBBLI_ARMENIA_103389825.zrgdz8md.jpg

Su ogni tavola non manca mai il lavash 

 

Il pane tipico armeno di sottilissima sfoglia, nel quale viene avvolto il formaggio oppure il pesce, assomiglia alla piadina romagnola ma è piu’ insipido e senza strutto.

Il lavash viene mangiato durante tutti i pasti della giornata e viene spesso utilizzato come ingrediente di altre preparazioni, per esempio mescolato al riso con pezzettini di cetriolo o altre verdure, erbe aromatiche fresche e spezie.

 

b_500_0_16777215_00___images_0.DANESI_0-PUBBLI_ARMENIA_lavash_-_wikipedia_lenciclopedia_libera.png

Il lavash appena estratto dal forno!

 

Gli armeni mangiano il lavash per la prima colazione, accompagnato da formaggio fresco di capra oppure un ottimo yogurt locale, madzoon, con varie marmellate (sono molto popolari le marmellate di more, di ciliegie bianche e di ribes rosso) e miele.

In fondo a questa pagina, tra i link correlati, troverete 6 video splendidi per conoscere questa splendida nazione.
 

 TOUR di 8 giorni
€ 1.245,00 a persona

con partenze fisse come da tabella 

Le Quote Comprendono
• trasporto aereo con voli di linea; 
• trasporto in franchigia di 20 kg di bagaglio;
• trasporti interni, come indicato nei singoli programmi;
• sistemazione in camere doppie con servizi, in hotel di categoria 4 stelle (classif. loc.);
• pasti come da programma;
• visite ed escursioni con guida locale indicate nei programmi (ingressi inclusi solo quando espressamente specificato);
• assistenza di guida locale parlante italiano;
• borsa da viaggio in omaggio;
• assicurazione infortunio, malattia e bagaglio.

Le Quote NON Comprendono

• Tasse aeroportuali, facchinaggio, visto consolare, eventuali tasse di ingresso richieste in frontiera, mance, bevande, extra personali in genere e tutto quanto non espressamente indicato nei programmi.

 Per informazioni più dettagliate:

Columbia Turismo     

Via Po, 3 e 10 - 00198 ROMA  -  Tel. 06 8550831 r.a.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.     

www.columbiaturismo.it

 

Link Correlati 

Prima di partire per l'Armenia ricordatevi di comunicare 
al Ministero degli Affari Esteri italiano il vostro itinerario.  

Documenti, prego! 

Prima di partire io mi assicuro

Consulta la nostra pagina dedicata all'Armenia. Viaggerete informati.

Per non smarrirsi nel mondo basta un clik!


1. Video

2. Video 

3. Video

4. Video

5. Video

6. Video

 Articoli correlati

Armenia nei secoli

Facebook

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi