Messaggio

Groenlandia, la Terra degli Inuit




" Come avete trovato l’America? 
 Abbiamo svoltato a sinistra della Groenlandia!"

 John Lennon 
 

b_500_0_16777215_00___images_BADINI_GROENLANDIA_mapagroen.jpg


Ubicata assai più vicino all’America settentrionale che non all’Europa, a cui appartiene geograficamente e politicamente, la Groenlandia è la maggior isola del pianeta (grande sette volte l’Italia) e anche il paese abitato più freddo, in quanto l’ 85 % del territorio – quasi tutto compreso oltre il Circolo Polare Artico – risulta coperto da una coltre perenne di ghiaccio spessa anche alcuni chilometri, iniziata a formarsi ben 3 milioni di anni or sono.

Solo il settore meridionale, grande poco più dell’Italia, offre una tundra ricoperta da rododendri, ginepri e betulle nane, oltre che da muschi e licheni, capace però durante la breve estate artica di riempirsi di fiori e di bacche e di alimentare un po’ di pecore, oltre a giustificare il suo nome di terra  verde impostole, invero piuttosto impropriamente, dai suoi scopritori.


b_500_0_16777215_00___images_BADINI_GROENLANDIA_nuuk_5_-_foto_downtown_-.png

Una visione notturna di  Nuuk 

Tutti i pochi centri abitati, compreso il capoluogo Godthab o Nuuk, un paesotto di 14 mila abitanti (su un totale di 56 mila e una densità dello 0,03 %, la più bassa della terra), si trovano sulla costa occidentale riscaldata da correnti marine atlantiche, mentre quella orientale risulta inaccessibile per gran parte dell’anno a causa del ghiaccio prodotto da una corrente fredda che scende dal Mar Glaciale Artico.

L’imponente e pesantissima massa glaciale che ricopre quest’isola rocciosa e montuosa, lunga2.650 kme larga fino a 1.200, ha prodotto uno schiacciamento al centro che scende a –360 m sotto il livello del mare e un innalzamento nel settore orientale fino a 3.700 m. di altezza, con canaloni e profondi fiordi che portano al mare lingue di ghiaccio, presto trasformate in enormi iceberg galleggianti sulle acque.


b_500_0_16777215_00___images_BADINI_GROENLANDIA_groe02m_ataa_paesaggio.jpg


E’ stato calcolato che se tutti i ghiacci della Groenlandia si sciogliessero, gli oceani di tutto il mondo si innalzerebbero di ben 7 m, con conseguenze davvero catastrofiche. L’isola venne scoperta nel 982 dal norvegese Erik il Rosso partito dall’Islanda, e poi colonizzata da vichinghi norvegesi. I suoi due figli all’inizio del 1000 si spinsero ancora più ad ovest, arrivando a scoprire Terranova e la baia del fiume San Lorenzo in Canada, cioè a scoprire l’America cinque secoli prima di Colombo.


b_500_0_16777215_00___images_BADINI_GROENLANDIA_groe06m_cani_slitta.jpg


La Groenlandia non è uno stato sovrano, ma una contea autonoma della Danimarca, nazione con la quale ha sempre avuto un rapporto di sussidiarietà. Oltre alla pesca e alla caccia, le sue risorse sono rappresentate da ingenti giacimenti minerari, soprattutto zinco, piombo e uranio. Nel nord-ovest si estende per una superficie pari ad un terzo dell’isola il maggior parco nazionale del mondo, protetto dall’Unesco come riserva della biosfera, ma anche il meno accessibile in quanto raggiungibile solo con un lungo volo in aereo privato. Ospita a terra orsi bianchi, bue muschiato, renne, caribù, lupi, volpi e lepri artiche e uccelli, in mare merluzzi, salmoni, foche, trichechi, narvali e balene, dalle orche al beluga bianco.

 b_400_0_16777215_00___images_BADINI_GROENLANDIA_1211248755_f.jpg

La Foca della Groenlandia
 

La Groenlandia è la terra degli Inuit, uno dei due ceppi del popolo artico degli Eschimesi, 100 mila persone suddivise oggi tra Alaska, Nord Canada e Siberia russa, di origini mongoliche emigrate a queste latitudini dall’Asia centrale ancora in epoca preistorica, di bassa statura, tozzi, con arti corti, faccia appiattita ed occhi a mandorla.

Per millenni, e fino a pochi decenni fa, erano cacciatori e pescatori noma di vestiti di pellicce di animali che vivevano d’estate sotto tende di pelli e d’inverno negli igloo, costruzioni sferiche a base circolare erette con blocchi di ghiaccio a cui si accede da un basso cunicolo, dove dormivano su pellicce cucinando carne e pesce e illuminandosi con grasso di foca.


museo%20inuit.jpg


Cacciano renne, caribù e grandi mammiferi marini (foche, trichechi e balene), spostandosi a terra su slitte trainate da mute di cani e in mare su kayak di pelli. Taciturni e solitari, vivono in piccole famiglie assai solidali le une con le altre, sanno sfruttare con perizia ogni risorsa offerta da un ambiente povero e ostile, rispettano con rigore la natura, sono animisti con ottime conoscenze astronomiche e si orientano con le stelle.


b_500_0_16777215_00___images_BADINI_GROENLANDIA_bambini_iinuit.jpg

Bambini Inuit con la maestra danese


Oggi vivono in gran parte in piccoli villaggi sulla costa, continuando però a praticare le attività tradizionali. Ma è anche la terra del sole di mezzanotte in estate, quando una luce perenne rischiara giorno e notte, delle lunghe notti polari invernali, prive di luce per settimane, del suggestivo spettacolo delle aurore boreali, con veli di luci incredibilmente colorate, e della sorprendente esperienza data dalle cosiddette Fate Morgane, dove i riflessi di acqua, ghiaccio e neve provocano nel nulla visioni irreali come città inesistenti, verdi foreste e velieri naviganti sui ghiacci, come i miraggi nei deserti.


b_500_0_16777215_00___images_BADINI_GROENLANDIA_disko.png

La baia di Disko, chiamata la “città degli iceberg”
e protetta dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità


E per finire la terra dei maggiori ghiacciai dell’emisfero settentrionale, molti dei quali scendono in mare con una velocità giornaliera di 20-30 me fronti di chilometri dai quali si staccano con sinistri frastuoni mastodontici iceberg galleggianti alti fino a100 metri, quindi profondi un chilometro, come nella suggestiva baia di Disko, chiamata la “città degli iceberg” e protetta dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.


b_500_0_16777215_00___images_BADINI_GROENLANDIA_groe13m_villaggio_ililissat.jpg


 L’operatore milanese “I Viaggi di Maurizio Levi” (tel. 02 34 93 45 28, www.deserti-viaggilevi.it), specializzato in itinerari di scoperta a valenza ambientale e etnografica, propone nel proprio catalogo “Deserti” un percorso di 10 giorni durante la breve estate artica attraverso le più significative località della Groenlandia, con escursioni in mare per osservare il fronte dei ghiacciai, navigare tra gli iceberg, avvistare le balene, visitare i villaggi inuit e compiere un sorvolo in elicottero sul grande ghiacciaio Kangia.

Partenze individuali con voli di linea via Copenhagen in giugno, luglio e agosto 2012, guide locali di lingua inglese o italiana, pernottamenti in hotel e chalet con mezza pensione; i servizi in loco costano 1.940 euro in doppia; possibilità di prenotazione dei voli, con quote da 1.090 euro più tasse.

  

Link Correlati

 
Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

Io prima di partire mi assicuro...

Per non smarrirsi nel Mondo

La Groenlandia

Info utili

Il Meteo

Il Video

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi