Messaggio

Tallinn: una gemma nel Baltico




 

  Patrimonio Unesco

dell'Umanità

 b_400_0_16777215_00___images_IN_PRIMO_PIANO_tallinn.jpg

La capitale dell'Estonia

di
Giacomo Danesi 

 

Quasi lasciate al loro destino sotto il dominio sovietico, le tre regioni baltiche Estonia, Lettonia e Lituania hanno ora abbandonato il tremendo tunnel per affacciarsi finalmente al mondo occidentale. E la più settentrionale dei tre Stati baltici, la più piccola è l’Estonia. 
 

 b_450_0_16777215_00___images_IN_PRIMO_PIANO_estonia-map.jpg

  La cartina geografica
dell'Estonia

 

Solo un milione e mezzo di abitanti, dei quali il 62% estoni, il 30% russi, oltre a una piccola percentuale di ucraini, bielorussi e finnici. Primo stato baltico ad abolire la pena di morte, la nazione estone ha proclamato la sua indipendenza il 21 agosto del 1990, e ha tutto per emergere nella comunità Ue. Infatti, l’11 settembre 2003 il 66,9% degli estoni con un  referendum approvò l'adesione all'Unione Europea. Il 1° gennaio del 2011 il paese è entrato nell’area dell’Euro, diciassettesimo stato ad adottare l’Euro come moneta unica.

 

 150px-1__estonia.jpg

  La moneta di 2 Euro
dell'Estonia 

  

Uno stato giovane come giovani sono anche la maggior parte dei ministri del governo. Il paese è anche uno tra i primi al mondo per innovazione tecnologica. L'uso di Internet e dell'e-commerce è talmente diffuso da meritarsi il soprannome di e-Stonia! 

La capitale è Tallin, anzi Tallinn, una delle più belle e conservate città medioevali che mi è stato concesso ammirare nella mia vita. Sarà bene ricordare che la città vecchia di Tallinn nel 1997 è stata inserita nella lista dell'Unesco come patrimonio culturale dell’umanità.

  

b_400_0_16777215_00___images_IN_PRIMO_PIANO_tallin_1.jpg
--

 Una bella istantanea
della capitale dell'Estonia

 

Si è costruito, e si sta costruendo molto nei dintorni della capitale; ma il centro storico è mirabilmente conservato come in poche  città al mondo.

C’è una vecchia leggenda che a Tallin tutti conoscono. Si mormora che nel lago di Ulemiste, sul quale la città si affaccia, viva un vecchietto disturbato dalla città. Ogni anno, una volta sola ed in autunno, il vecchietto esce dal lago e scende in città chiedendo a tutti: “La città è pronta o c’è ancora qualcosa da costruire?”. Inutile dire che per evitare che il vecchietto faccia uscire l’acqua del lago per sommergere la città ed i suoi abitanti, la risposta non può essere che una: no!

Raggiungere la città di Tallinn da Helsinki, in un’ora e tre quarti su un lussuoso catamarano, è una esperienza unica, uno spettacolo indimenticabile. Tempo fa alcuni grandi viaggiatori scelsero le città più belle del mondo adagiate sul mare. Tre le città prescelte: Napoli, Rio de Janeiro e Tallinn! 

  

La visione della città è unica, con le 46 torri che lasciano senza fiato, datate XIV secolo, alte 20-25 metri e spesse dai 2 ai 4 metri, ma soprattutto con le guglie in stile gotico e barocco che la dominano  e rendono estremamente affascinato lo spettatore.

La torre più famosa porta il curioso nome di Kiek in de Kok, vale a dire: “Sbircia in cucina.” Infatti, dall’alto della torre le guardie potevano sbirciare nelle cucine delle case vicine. È alta ben 47,4 metri, il suo diametro è di 17 metri e le pareti sono spesse ben  4.   

 

b_450_0_16777215_00___images_BENESSERE_012.jpg

  Uno scorcio di Tallinn con
le sue celebri torri

  

Tra il 1470 e il 1625 a Tallinn si trovava l’edificio più alto del mondo: la torre della Chiesa di Sant’Olaf (con la sua banderuola dorata a forma di gallo) alta 159 metri. Punto di riferimento, come è ovvio, per le navi nel golfo di Finlandia.

Ma è sulla città vecchia che dobbiamo concentrare la nostra attenzione. Facilissimo percorrerla a piedi, poiché occupa solo lo 0,7% dell’attuale Tallinn!

Il punto di partenza (e di arrivo…): Raekoja Plats, ovvero la Piazza del Municipio. Semplicemente splendida! Qui si ricevono i capi di Stato e di governo stranieri ed i vincitori delle Olimpiadi. Inoltre vi si festeggia il Capodanno!

  

In questa piazza nel 1441 fu innalzato il primo albero di Natale pubblico in Europa. Sempre qui erano puniti e messi alla berlina i criminali. Nella colonna delle punizioni in Municipio, si vedono ancora oggi murati il collare di ferro e i lacci per le braccia e le gambe.

 

Passate almeno una mezza giornata ad ammirare gli edifici della piazza; sarà ripercorrere a ritroso numerosi secoli, visti i vari stili con i quali sono stati costituiti. 

  

 b_400_0_16777215_00___images_BENESSERE_ITALIA_003.png

La piazza del Municipio
vista dall'alto

 

Un altro punto di partenza è la Porta Viru, per quasi tutti i turisti il primo segno della Città Vecchia. Anche se ben poco rimane degli edifici medioevali, la via vi porterà a pochi passi della piazza del Municipio. Vivace e curiosa, la stessa vi permetterà d' intruffolarvi nel dedalo di viuzze ricche di negozi di souvenir e di ristoranti.  


Impossibile descrivere tutti i tesori che le chiese di Tallinn contengono al loro interno. Imperdonabile sarebbe però non visitare la “Danza macabra” nella chiesa di Niguliste, conservata nella cappella di Sant’Antonio, del pittore Bernet Notke di Lubecca.

 

Di fronte al castello di Toompea, intorno al quale vive la città medioevale, ecco la incantevole ed affascinante cattedrale russo-ortodossa di Aleksander Nevski.

 

 b_350_0_16777215_00___images_IN_PRIMO_PIANO_cattedrale.jpg

  La cattedrale russo-ortodossa
di Aleksander Nevski

  

La chiesa di San Nicola, il convento dominicano (nel quartiere latino), la chiesa dello Spirito Santo e tantissimi altri edifici di culto fanno di Tallinn una città da approfondire. 

Rimarrete sicuramente entusiasmati dai locali, in stile medievale, numerosissimi ed eleganti. Ottimo e particolare il cibo.  

Tallinn vi stupirà. Come vi stupirà l’intera Estonia, con le sue 800 isole e isolotti, torbiere e basse colline che rendono piacevole il soggiorno, soprattutto in primavera e in estate. Tutto un altro fascino d’inverno, come  in tutti gli Stati baltici e nella Russia.

 

   b_450_0_16777215_00___images_BENESSERE_007.png

Tallinn
imbiancata di neve
 
 

Una destinazione insolita l’Estonia e Tallinn, ma di sicuro nessuno è mai tornato da lassù deluso. E, quasi tutti, ci ritornano. 

 

 Link Correlati

Prima di partire ricordati di informare il
Ministero degli Affari Esteri italiano sul tuo itinerario 

Documenti, prego! 

Vuoi sapere tutto su l'Estonia e Tallinn?
Consulta la nostra pagina...

La mia Estonia...

Come arrivarci? L'aereo è il mezzo più veloce.
Consulta la nostra pagina
 Io Parto in aereo ...  

Con chi andare: La Columbia Turismo

Il Meteo

Il Video

 

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi