Messaggio

Malta e i siti Unesco.




Malta e i siti UNESCO,
un tesoro tutto da scoprireb_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-A_0.DANESI_a1.png

REPUBBLICA DI MALTA  - Ultimamente sulle pagine di questo blog vi abbiamo consigliato tante occasioni di svago e divertimento, ma non dimentichiamo quanto Malta sia ricchissima soprattutto di preziosissime attrattive culturali.Un arcipelago di dimensioni contenute come il nostro, contempla ad 3 siti che appartengono al patrimonio Unesco.

Prima dell’elenco è la capitale. L’intera città di Valletta è un bene Unesco ed è infatti considerata uno scrigno ricolmo di preziosi gioielli. Definita sovente come un vero e proprio museo a cielo aperto, Valletta conta 300 monumenti in circa mezzo chilometro quadrato.

 b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-A_0.DANESI_a2.png

La Valletta: la capitale della Repubblica di Malta.


Il secondo bene protetto dall’Unesco è in realtà un sito multiplo, perché i templi megalitici patrimonio dell’umanità, si trovano diffusi sul territorio maltese, addirittura su più isole.

I due templi di Ggantija sull’isola di Gozo sono importanti per le loro imponenti strutture dell’Epoca del Bronzo. I Templi di Ggantija sono i più antichi monumenti autoportanti del mondo e testimoniano che le isole erano abitate da almeno 1000 anni prima della costruzione delle famose piramidi egiziane di Giza.

Sull’isola di Malta i templi di Hagar Qim, Mnajdra e Tarxien sono opere architettoniche uniche, considerando le risorse limitate a disposizione dei costruttori. I complessi di Ta’ Hagrat e Skorba dimostrano come a Malta la tradizione della costruzione dei templi sia stata tramandata.

Tali templi sono stati inseriti nell’elenco di luoghi Patrimonio Mondiale dell’Umanità come gruppo e rappresentano una tradizione architettonica unica, fiorita sulle Isole Maltesi tra il 3600 e il 2500 a.C.


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-A_0.DANESI_a3.png


Il nostro preferito resta comunque l’Ipogeo di Hal Saflieni. Si tratta di un complesso sotterraneo scavato nella roccia che veniva utilizzato sia come santuario che per le sepolture dai costruttori del templio. Scavato completamente a mano tra il 3600 ed il 2400 aC, è considerato uno dei monumenti preistorici di maggior valore al mondo.

Si tratta di un luogo prezioso e per poterlo preservare adeguatamente possono visitarlo solo 60 persone al giorno che vengono accompagnate nel tour in gruppi di 10 alla volta.

L’ente che gestisce questi (ma anche molti altri) siti, è Heritage Malta. Soprattutto per l’Ipogeo è necessario prenotare in anticipo i posti per la visita e potete farlo facilmente online.

Per organizzare il vostro viaggio ed il vostro soggiorno nell’arcipelago maltese, invece potete sempre seguire questo link.

I siti Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco nell'Isola di Malta.

Il calendario completo su: www.visitmalta.com/events

Link correlati

Dove siamo nel Mondo             


Documenti prego!

Io prima di partire mi assicuro
...    

La nostra pagina su Malta 

Dove siamo nel Mondo

Il sito ufficiale del Turismo di Malta

Con chi andare: Air Malta

Il Meteo

Il Video

 Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

 Giacomo Danesi, Direttore del Magazine
Il Gazzettino del Viaggiatore, è socio Neos.
b_150_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-ENTELA_neos_1.png

http://neosnet.it/

 

  

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi