Messaggio

Le Puy-en-Velay: Capitale Europea du Saint -Jacques - de – Compostelle (4)




 Le Puy-en-Velay: Capitale Europea
du Saint -Jacques - de – Compostelle

 

b_648_412_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_pan.png

Photo©Ufficio Turistico

"Il pellegrinaggio religioso è sempre stata una
delle maniere più obiettive per riuscire
ad avvicinarsi all'Illuminazione."

Paulo Coelho, Il cammino di Santiago, 1987


di

Giacomo Danesi


Le Puy-en-Velay, Luglio 2018 – Lo splendido viaggio sui sentieri della spiritualità in Terra di Francia, dopo aver toccato Avignone e Saint-Gilles, quest’ultima località alle porte della Camargue, il nostro viaggio è proseguito fino a raggiungere la Capitale Europea du Saint -Jacques - de – Compostelle: Le Puy-en-Velay, dove inizia, appunto, il “Camino” che dopo 1600 chilometri circa raggiunge Santiago de Compostela in Spagna. 

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_cam.png

 Una cartina del "Camino" verso Santiago de Compostella
che ha in Puy-en-Velay la sua capitale Europea

 

Curiosa la geologia del suolo di questo comune francese di 35 ettari. Infatti, è stato costruito dove un tempo c’erano vulcani attivi! Ai tempi nostri dove un tempo uscivano dalle loro bocche lava e lapilli, oggi su uno troviamo la chiesa di Notre-Dame de France con la statua della della Vergine. 

Le Puy-en-Velay si trova dell'Alta Loira della regione dell'Alvernia-Rodano-Alpi. Curioso il nome dei suoi abitanti: Ponots.

Monumento storico di Francia dal 1997, La statua della “La Vergine del Puy” com’ è denominata, è il monumento più visitato del dipartimento dell’Alta Loira. Per costruirlo furono necessari una massa pari a 110 tonnellate ricavata da 213 cannoni prelevati dai russi durante la battaglia di Sebastopoli del 1855.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_fgv.png
La statua de "La Vergine del Puy"


E’ posta su un picco di basalto vulcanico a 757 metri dal livello dal maree alto sul bacino della cittadino 132 metri. Il nome della roccia? “Comeille”! Il motivo? Nel Medioevo in cima alla roccia fu costruita una fortezza militare; questo a protezione della città.

Nella vecchia lingua francese “Comeille” significava suonare il corno, ovvero dare l’allarme. Pochi sanno che è possibile, tramite una scala interna alla statua della Vergine, salire fino ad entrare nella corona!

Su un secondo picco ammiriamo la cappella di Saint-Michel d’Aiguilhe.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_rf.png  

                             La cappella di Saint-Michel d’Aiguilhe
                                 posto su uno
spuntone di roccia


Visibilissimo da lontano, questo spuntone di roccia alto 80 metri sulla cui cima si può ammirare la bellissima cappella dedicata a San Michele Arcangelo, la vetta la si raggiunge dopo aver scarpinato 268 gradini!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_sommita.jpg

La sommità della Cappella
dedicata a San Michele Arcangelo


Non certo agevole la salita, però durante la stessa ci sono panchine di pietra sulle quali riposarsi. Il paesaggio da lassù è incomparabile, come incomparabile la splendida visione di questa cappella del X secolo, con la sua facciata policroma e i recenti restauri interni che la rendono bellissima.

Su un terzo troviamo la fortezza di Polignac e più là, per non farci mancare nulla, ecco il Castello di Lavoûte. Non è finita qui. Infatti, nella regione si contano all’incirca 300 vulcani!

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_vbg.jpg

La Fortezza di Polignac


Cittadina ricca di storia, Le Puy-en-Velay, è Patrimonio dell’Unesco, con la Cattedrale Notre-Dame du Puy e l’Hotel-Dieu. Mi troverei in imbarazzo  se dovessi illustrarvi quanto di splendido mi è stato dato ammirare in una città dove la Storia di Francia vi alberga.

b_600_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_puy.jpg

Una splendida panoramica
della cittadina dell'Alta Loira
Photo©Ufficio Turistico

Per ammirarla a fondo, e non è certo la prima volta che la visito, avredi dovuto rimanerci almeno una settimana. Non essendo stato possibile tutto questo,  cercherò di sintetizzarne la descrizione  sperando di suscitare la vostra curiosità.

Perché se avete deciso di fare un viaggio in Francia, sulla strada della Storia e della Spiritualità, questa località non potete certo "bucarla".


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_s-l1600.jpg


Un francobolo emesso dalla Poste francesi
nel 1933 in onore della citttadina Le Puy-en-Velay


Che la Cattedrale di Le Puy-en-Velay sia ed emani un fascino tutto particolare, non ci sono dubbi.
Iscritta al patrimonio mondiale dell'Unesco, sede vescovile e punto di partenza nell'ambito dei cammini per S.Giacomo di Compostela, già salendo i gradini che portano all’entrata si resta colpiti perché essa è architettonicamente parlando molto particolare. Infatti, ha le sembianze di un vascello che accoglie il pellegrino per guidarlo verso la navata e arrivare così davanti al coro.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_3.png

La spettacolare salita alla
Cattedrale di Notre-Dame du Puy

 

La scalinata centrale è composta da ben 134 gradini. Ecco come l'ex Rettore della Cattedrale Padre Emmanuel Gobillard, ora Vescovo Ausiliare di Lione,  descrive questa emozione quando ci si appresta ad entrare: “Entrando in questa chiesa si ha l'impressione di essere accolti da una madre. Guardate questa scalinata, si chiama "la scalinata del ventre". Si ha l'impressione di rientrare nel ventre materno.


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_w.png
L'ex Rettore della Cattedrale Padre Emmanuel Gobillard,
ora Vescovo Ausiliare dell'Arcidiocesi Metropolitana di Lione


Per noi cristiani, la Chiesa è una madre e da come essa chiesa è stata costruita ci si sente accolti, essa ci tende le braccia e per penetrare nel suo grembo si passa per una scalinata chiamata "la scalinata del ventre".

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_catte.jpg
                         Le Puy-e-Velay: la maestosa scalinata
                                 di ben 134 gradini che porta
                                    alla Cattedrale Santuario


È come se noi entrassimo nuovamente nel ventre materno, come se noi fossimo c
oncepiti come un bambino nel grembo materno. Sapete, abbiamo tutti un ricordo commovente e nostalgico del rapporto con la madre e francamente, anche per i non credenti, si vive qui un'esperienza forte ».

Costruita nel periodo gotico, in stile romanico, è curioso come i vari stili, dal barocco al bizantino, dall’italiano fino al morenico siano stati così splendidamente amalgamati.

All’interno della cattedrale troviamo la statua della Madonna Nera offerta, si dice, da San Luigi. Bruciata durante la rivoluzione francese, l’attuale posta alla venerazione dei fedeli è una statua datata XVII.secolo.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_madonna_nera.jpg
La venerata statua della Madonna Nera
all'interno della Cattedrale.
Particolare curioso: la Madonna indossa
un prezioso manto di colore rosso.

Photo© Tommaso Chiarella

Era per eccellenza un luogo mariano nel periodo medioevale. Lo è tuttora un luogo mariano e la cattedrale, infatti, la cattedrale è anche denominata Santuario della Madonna Nera.

Come vuole la tradizione essa è stata innalzata su precisa richiesta della Vergine Maria che era apparsa a una donna malata, e in seguito guarita, non appena essa si era sdraiata su una pietra di un “dolmen” successivamente chiamata “La pietra delle febbri.”

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_dolmen.jpg 

“La Pietra delle febbri" posta in una
piccola cappella a fianco del coro mariano
Photo© Tommaso Chiarella


Di grande importanza è il giubileo di Nostra Signora di Le Puy. Esso viene celebrato, dal X secolo, quando il 25 marzo, solennità dell'Annunciazione di Maria, giorno in cui Gesù è stato concepito per opera dello Spirito Santo, coincide con il Venerdì Santo, giorno della morte di Cristo sulla croce.


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_madonna_bianca.jpg
                    In particoli momenti della giornata la Madonna Nera
                            è ricoperta da un Manto di colore bianco

Photo© Tommaso Chiarella
                                     


Immense le folle in occasione del Giubileo, l’ultimo dei quali
è stato celebrato nel 2016. Il prossimo sarà festeggiato nel 2157!



b_600_397_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_11.png
                                La tradizionale processione
                            notturna davanti alla Cattedrale

 


Comunque, tutti gli anni, nel giorno della solennità dell’Assunzione della Vergine, l’intera popolazione della cittadina si riversa per le strade.

Una grande processione raduna il giorno della solennità dell'Assunzione della Vergine quasi 10.000 persone per le vie di Le Puy.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_10.png

Le Puy-en-Velay: il sentimento
religioso è ancor avivo nella popolazione


La Cattedrale Santuario ha anche un’altra particolarità importantissima: è il punto di partenza più frequentato per il cammino di S.Giacomo di Compostela, ovvero la Via Podiensis.

"Lo Spirito dei vecchi pellegrini della Tradizione ti accompagnerà nel viaggio. Il cappello
ti ripara dal sole e dai cattivi pensieri; il mantello ti salva dalla pioggia e dalle cattive parole;
il bastone ti protegge dai nemici e dalle cattive azioni. La benedizione di Dio,
di San Giacomo e della Vergine ti accompagni per tutte le notti e tutti i giorni."

 

Paulo Coelho, Il cammino di Santiago, 1987


b_563_362_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_1cam.png
                               Una cartolina ricordo del "
Camino"
                         verso Santiago de Compostela in Spagna

 

Infatti, ogni mattina, dopo la S.Messa delle 7, i pellegrini si trovano davanti alla statua del loro santo patrono, S.Giacomo, che si trova a destra appena oltrepassata la scalinata centrale.

Dopo la benedizione, ricevono dalle mani di una religiosa la credenziale e possono prendere l'intenzione di preghiera di un altro pellegrino o di un turista di passaggio.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_rtf.png 

Una Credenziale del Pellegrino
diretto a Santiago de Compostela


Accanto alla Catedrale c’è una struttura interrata di grande fascino dove il pellegrino diretto a Santiago de Compostella può avere tutte le notizie inerenti al lungo cammino di oltre 1.600 chilometri. Straordinaria la scenegrafia del luogo, da lasciare senza fiato.


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_rf.jpg


https://www.lecamino.org/les-amis-de-saint-jacques-du-velay

Lascio poi a voi la bellezza di scoprire quanto c'è di bello ed interessante a Le Puy-en-Velay, come la Place du Martouret dove l'8 giugno 1794 fu bruciata la prima autentica statua miracolosa della Madonna Nera. Oppure Place du Plot dove nel 1548 i Consoli fecero ereggere una gogna per esporrre agli scherni dei passanti gli ubriaconi.

Da non mancare una visita a Le Baptistere Saint-Jean, l'Egliese du College, un tempo cappella del collegio dei Gesuiti, le Musèe Crozatier, ecc. Basterà recarsi presso l'Ufficio turistico della cittadina per avere tutte le finrmazioni particolareggiate.



b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_cvbn.png
                                 Le Baptistere Saint-Jean



Termino con una curiosità. Si tratta di una festa che si celebra la terza settimana di settembre che porta il buffo nome di: "Roi l'Oiseau". Una splendida festa popolare le cui radici risalgono al 1524.

Per l'occasione si poneva un uccello di paglia sulla sommità di un palo e il primo arciere che lo colpirà facendolo cadere un tempo gli era concesso il titolo di "Roi", oltre che l'esenzione dalle tasse per un anno!

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_01-LEPUY_34.png

Il bersaglio da centrare
alla festa del "Roi l'Oiseau"

Oggi niente palo e niente uccello impagliato ma alcune piume da centrare in un cerchio impagliato. Al vincitore non è concesso nessun titolo, ma la tradizione di canti, balli e divertimento è mantenuta intatta.

Non dimenticate di comperare una confezioni delle celebre lenticchie Dop del Puy e, naturalmente la verbena del Velay, liquore splendido e dalle virtù digestive senza pari. 
Con moderazione, naturalmente...


                                                                               4. Continua


Il precedente articolo

Info: Office de Tourisme
2, Place du Clauzel
43000 Le Puy-en-Velay

Sito internet: https://www.lepuyenvelay-tourisme.fr/
                     
http://www.lepuyenvelay.fr/

Atout-France
Il sito ufficiale del turismo
francese in Italia?
 
Clicca qui!

#FranceFR

Abbiamo soggiornato:
Hotel Ibis Styles
47,Boulevard Maréchal Fayolle
43000 Le Puy-en-Velay
Tel.04 71 09 32 36
Sito internet

Link correlati 

Dove siamo nel Mondo 

Documenti prego

Per non smarrirsi nel Mondo

Io prima di partire mi assicuro

Viaggiare sicuri in Francia (Farnesina)

La nostra pagina sulla Francia

... e su Parigi!

Il meteo a Le Puy-en-Velay

Come raggiungere Le Puy-en-Velay

Alcuni articoli precedenti 

Avignone: la Città dei Papi (1)

Avignone: la Città dei Papi (2)

Saint-Gilles: tappa fondamentale per Compostela

Saint Germain - de - Prés dei tempi andati 


Il menu del Pellegrino: Pane nero e acqua fresca 

Pellegrina per ritrovare se stessa

Santiago de Compostela: gli ultimi 100 chilometri a piedi

Pellegrini nella fede


Atout France Italia 2018 

San Valentino della Nuova Caledonia

La Nuova Caledonia: il Paradiso Terrestre

#FeelParis: Il meglio di quattro musei

Alsazia: Piccola, Colta, Raffinata


Autunno-Inverno 2017: la Costa Azzurra si presenta

A Parigi ci porto i bimbi

Il mondo fuggevole di Toulouse-Lautrec

Parigi? Che strana città... (1)

Paris: Cimitiére du Perè-Lachaise (2)

Rocamadour: sul Cammino dei "Cercatori di Dio"

Francia 2017? Parti subito!

Rendez-vous en France 2017 N.6


Cannes: Hotel Le Majestic Barriere: Un inverno vista mare 

Tolosa: una tappa sul Camino di Santiago de Compostela

Spiritual France: Sul Camino di San Giacomo

Il Camino de Santiago de Compostela


Sulle orme della Maddalena

Terroirs de France

Rennes-le-Chateau: un mistero nel mistero 

Mitica Guadalupa!

A Lourdes per il Giubileo 

Là dove nascono le ostriche

Corsica l'isola più verde del Mediterraneo

Normandia "Terra di libertà"

Reunion, l'isola che c'è...  

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Atout France Stampa è su Facebook...

Anche Le Puy-en-Velay Tourisme è su Facebook!

Giacomo Danesi, Direttore del Magazine
Il Gazzettino del Viaggiatore, è socio Neos.

b_150_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_neos.png

http://neosnet.it/

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi