Messaggio

Avignone: la Città dei Papi (2)




 AVIGNONE
LA CITTA' DEI PAPI (2)     

 b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_schermata_2018-06-10_alle_04.30.01.png

 Il Castello dei Papi (1909),
Paul Signac,

Parigi, musée d'Orsay

di

Giacomo Danesi

 

Avignone, Giugno 2018 - Nel precedente articolo dedicato alla visita di Avignone, prima tappa di un affascinate itinerario improntato su luoghi di grande spiritualità in terra francese, organizzato da Atout France, avevo brevemente tratteggiato alcune note sul suo interessante passato storico.

Ho sempre sostenuto che visitare uno Stato, una città, un luogo senza prima conoscerne la Storia, sia una grave manchevolezza. Quando parlo di Storia, aggiungo anche la Geografia che contiene la Storia.

Pazienza se poi devo dar ragione a Aldous Huxley quando affermava convinto che: “Il fatto che gli uomini non imparino molto dalla storia è la lezione più importante che la storia ci insegna.” Ma tant’è.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_df.png

Avignone: una splendida visione su cartolina della
cittadina provenzale, datata inizio del XX secolo.

 

 Avignone, Città dei Papi. Una etichetta che rimarrà per sempre legata al suo passato straordinario nella storia della Chiesa Cattolica, legata a questa splendida cittadina provenzale da un lungo periodo noto come “cattività avignonese” della quale, io mi auguro, voi sappiate tutto o quasi...

Dovrei anche descrivervi le bellezze artistiche di questa cittadina provenzale, molto bella e piacevole da visitare. Lascio fare a voi, quando andrete laggiù a visitarla, cercare angoli ed emozioni che sicuramente questa splendida cittadina saprà concedervi.

Io mi limiterò a descrivervi in maniera succinta il museo dei Papi e la Basilica, dove tutto parla della Chiesa Cattolica e del suo Papato che per un lungo periodo accolse tra le sue mure un inedito “Vaticano”.  Ho usato il termine "succinta" perché oggi la tecnologia ci mette a disposizione tutti gli strumenti tecnologici un tempo impensabili! 



b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_a6.jpg
Avignone. L'imponente Palazzo dei Papi con, a sinistra, la Basilica Metropolitana del Duomo sulla sui cupola svetta
la statua della della Vergine, visibile da ogni luogo della città.


Il nome dei papi che soggiornarono ad Avignone? Eccoli! In primis Clemente V, al secolo Bertrand de Got, 40 anni, Vescovo di Bordeaux. Eletto a Perugia il 24 luglio, fu consacrato a Lione il 15 novembre dello stesso anno.

Non volle andare Roma, sede del papato, a causa delle lotte intestine tra guelfi e ghibellini. La "cattività avignonese" nacque da questa sua decisione.

x.png
Papa Clemente V, francese, il primo papa avignonese
in una vecchia stampa.

Nella stessa è anche effigiato il suo stemma.

Così fecero poi i suoi successori che furono 5 papi e 3 antipapi. Ecco il loro nomi: Papa Giovanni XXII ((1316-1334), Benedetto XII ((1334-1342), Clemente VI (1342-1352), Innocenzo VI ( (1352-1362), Urbano V (1362-1370) e gli antipapi Niccolò V (1328-1330), Clemente VII (1378-1394) e Benedetto XIII (1394 - 1423).

Un papa controverso ma che mi ha sempre colpito è Giovanni XXII Fu sotto il suo pontificato, infatti, che fu istituita la festa della SS. Trinità e del Corpus Domini. Non solo, ma anche la recita dell'Angelus, da recitare ogni sera in nome della Vergine Maria e al tramonto, lo si deve a lui.

Uno dei più grandi personaggi della Chiesa Cattolica è senza dubbio S. Tommaso d'Aquino. A canonizzarlo il 18 Luglio 1323 fu proprio Giovanni XXII. 

www.jpg

Una bella immagine di San
Tommaso d'Acquino


Fu sempre questo Pontefice, dopo la sconfitta dei crociati nel 1291, ad affidare la custodia dei Luoghi Santi ai Frati Minori.

Il sommo poeta Dante Alighieri lo cita per ben 2 volte nella cantica del Paradiso. La prima, Divina Commedia, Par., XVIII, 130-136: "Ma tu che sol per cancellare scrivi, /pensa che Pietro e Paolo che morirò / per la vigna che guasti ancor son vivi.".

La secondo volta in Par., XXVII, 58-60): "Del sangue nostro Caorsini e Guaschi / s'apparecchian di bere: o buon principio, / a che vil fine convien che tu caschi! "

A proposito di vigne. Papa Giovanni XXII, originario di Cahors, dopo che i templari furono cacciati da Filippo il Bello, affidò a alcuni vignaioli della sua città di origine alcuni terreni, e su di essi fece piante un vitigno  noto come Châteauneuf-du-pape.

Lo Châteauneuf-du-pape è, infatti, un vino francese AOC prodotto in Vaucluse, nella regione Provenza-Alpi-Costazzurra.


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_schermata_2018-06-14_alle_03.24.19.png
Una delle più prestigiose etichette
dello
Châteauneuf-du-pape

Chicca finale. Chissà se è vero, come affermano alcuni critici, che Umberto Eco abbia ambientato i suo romanzo: Il nome della Rosa proprio all'epoca del pontificato di Giovanni XXII.

Secondo gli esegeti, alcuni personaggi del suo romanzo lancerebbe diversi improperi proprio al pontefice Giovanni XXII, senza però nominarlo, a causa della controversia tra il papa e i francescani.


hj.png
La copertina del libro: Il nome della Rosa di Umberto Eco,
in una delle sue numerosissime edizioni.

La "cattività avignonese" cessò Il 27 gennaio 1377 con Papa Gregorio XI e con il suo solenne ingresso in Roma, sede naturale del Vescovo di Roma. Occorre, infatti, ricordare che il Papa è Papa in quanto Vescovo di Roma e non il contrario!

Entrare in questo palazzo avignonese, imponente e massiccio, Patrimonio Mondiale dell'Unesco, è stata una grande emozione.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_tom.jpg

Un visione notturna del Palazzo
dei Papi ad Avignone
Photo©Tommaso Chiarella

Visitarlo nella sua interezza non sarebbe bastato una settimana. Nel breve tempo concesso, con alcuni colleghi, abbiamo scelto i luoghi più interessanti, ammesso che in questo luogo ci sia qualcosa di non interessante.
Stiamo parlando del palazzo gotico più grande d'Europa; una cittadella fortificata che alla fine dello Scisma d'Occidente, nel 1411, era in pratica un rudere. La sua storia potrete leggerla in questo link.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_aletrarosa_cloiter_c.rodde.jpg

Un angolo fiorito all'interno
del Palazzo dei papi


Imperdibile, naturalmente, la visita alla Sala del Concistoro, quella della Grande Udienza con la grande ruota che da il nome al Tribunale della Sacra Rota, la Cappella Maggiore, e tanto altro ancora. Sappiate che per abbellire il tutto fu chiamato Matteo Giovannetti, un artista italiano di chiara ispirazione giottesca.

La visita ha avuto come "guida" uno aggeggio che, appunto, la nuova tecnologia ci ha messo a disposizione: un'"HistoPad"! In verità noi avevamo anche una guida in carne e ossa... 


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_histopad.jpg
Avignone, Palazzo dei Papi. Il collega Tommaso
Chiarella alle prese con l'Histopad!
Photo© giacomodanesi

Impossibile non soffermarsi a lungo in questo immeso palazzo davanti ai tesori inestimabili della pittura e la scultura nei secoli.

Questo sito vi sarà di grande aiuto per orientarvi in questo magico luogo dove la pittura italiana dal 13 al 16 secolo la fa da padrona. http://www.petit-palais.org/

madonna%20botticcelliavignone.jpg

Sandro Botticelli:
Madonna con bambino


Siamo all'interno del Palazzo dei Papi Museo nel luogo conosciuto come  Musee du Petit-Palais. A farla da padrone opere di Simone Martini, Sandro Botticelli (Madonna con bambino) e Vittore Carpaccio (Sacra conversazione), per fare qualche nome.


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_ver.pngb_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_bott.jpg
                          Sandro Botticelli: Venus
                      Photo© Tommaso Chiarella

Volete gli altri nomi? Taddeo di Bartolo, Raffaellino del Garbo, Francesco Botticini, Lorenzo Monaco, Jacomo del Sellaio... Tutto in questo palazzo parla italiano.

Il museo dei Papi è arricchito anche di un grande anfiteatro sempre affollattissimo per le manifestazioni in cartello, tutte di alto livello. 

 

 b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_cour_dhonneur_jp_campomar.jpg

Una splendida visione dell'anfiteatro

 Se siete ad Avignone dal 15 agosto al 28 settembre, allora preparatevi a uno spettacolo senza pari: Les Luminessences di Avignon. E' uno spettacolo in 3D, proiettato sull'esterno del Palazzo dei Papi.

 

aa.png

Les Luminessences
di Avignon

Con suoni e immagini, apprenderete così la storia di Avignone: ovvero i suoi fasti, le tragedie e il risorgimento dal passato fino ai giorni nostri. Vero che la voce narrante è in francese, ma statene certi che capirete tutto rimanendo piacevolmente stupiti di quanto sarà dato a vedere e sentire.

Accanto al Palazzo dei Papi, ecco Cattedrale di Notre-Dame-Des-Doms di Avignone, la più importante chiesa della città, costruita nel XII secolo.

Vi parrà strano ma in merito al suo nome ci sono tante ipotesi e nessuna certezza. Da dove deriva il nome Domus? Da Domo Episcopali, ovvero la Casa del Vescovo, oppure da des Doms  a testimoniare la roccia su cui è stata costruita, oppure ancora da de Domnis (Signore) o forse da Dompjon: Torre in francese antico? Forse non lo sapremo mai.

  b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_duomo.jpg

 A sinistra la Cattedrale di Avignone
e sulla destra il Palazzo dei Papi

Photo© Tommaso Chiarella


La statua della Madonna che si trova alla sommità della cattedrale, è alta e pesa per 4500 chili.
La Madonna benedicente è visibile da ogni posto in Avignone nel quale vi troviate.

La cosa singolare è che la Madonna non ha in braccio Gesù Bambino. La cosa ulteriormente curiosa è che anche all'interno della Cattedrale c'è un'altra statua delle Vergine che prega a mani giunte per proteggere la città dalla peste del 1834.

  b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_c.png

Nostra Signora des Doms sulla sommità
della Cattedrale di Avignone

Photo© Tommaso Chiarella


Se però vi recate nella seconda cappella a sinistra nella cattedrale, troverete la statua della Vergine con in braccio il bambino e nell'altra uno scettro. E' la statua che da il nome alla cattedrale: Nostra Signora des Doms.

Nella Cappella dei Fiori, tra le tante cose da ammirare, troverete anche la tomba con i resti  di Papa Giovanni XXII. O meglio quello che resta del suo corpo, visto che i rivoluzionari nel 1793 ne fecero scempio del suo corpo.

 tomba.png

Cattedrale di Notre-Dame-Des-Doms di Avignone:
La tomba di papa Giovanni XXII

Splendidi poi sotto il portico della cattedrale gli affreschi che nel 1336 il cardinale Jacopo Caetani degli Stefaneschi commissionò a Simone Martini.

L'artista italiano si recò ad Avignone accompagnato dalla moglie  Giovanna ed il fratello Donato. Terminò il suo lavoro nel 1343; giusto il tempo per permettere al cardinale di ammirarli prima della sua morte.

Un vero peccato non aver potuto visitare la basilica di San Pietro d'Avignone, in stile stile gotico posto sulla omonima piazza di Avignone. Fu edificata nel 1358 sovrapponendola a una precedente chiesa del VII secolo. E' monumento storico di Francia dal 1840.

 b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_p5250852.jpg

 La facciata della basilica di
San Pietro d'Avignone
Photo© giacomodanesi


 Ad attirare la mia attenzione sono stati i due stemmi araldici: quello a destra è lo stemma di Papa Benedetto XVI, ora emerito. Quello a sinistra è lo stemma della basilica ed è sormontato dall'Ombrello o Basilica. Questo perché Il 4 maggio 2012, Papa Benedetto XVI assegnò  alla basilica di San Pietro il titolo di Basilica minore.

Il Festival di Avignone a Luglio, La Place de l’Horloge, la  più importante di Avignone, il Museo Angladon per ammirare c’è l’unica opera di Van Gogh (Vagoni di treno) rimasta in Provenza. Particolare curioso: il pittore dipinse 300 quadri durante i suoi anni trascorsi tra Arles e St-Remy, e Il Ponte di St. Benezet sospeso sul Reno sono alcune delle particolarità che fanno di Avignone una splendida imperdibile mete provenzale.   

Dimenticavo. Avignone è anche la città del Petrarca! Perchè? Clicca qui...

P.S.: L'ideale viaggio in Terra di Francia alla ricerca di luoghi di grande spiritualità, mi ha portato a St. Gilles, in Camargue. Di questo luogo, un tempo meta di grandi pellegrinaggi, ne parlerò nella prosisma puntata. 

                                                                       2. Continua

Il precedente articolo   

INFORMAZIONI TURISTICHE

Ufficio turistico di Avignone:

Indirizzo: 41 Cours Jean Jaurès - 84000 Avignone.

Tel. : +33 4 32 74 32 74 

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Atout-France
Il sito ufficiale del turismo
francese in Italia?
 
Clicca qui!

#FranceFR

Ad Avignone abbiamo alloggiato
all'Hotel Regina, 6, rue de la Republique
+33 (0)4 90.86.49.45
www.hotelregina-avignon.fr
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Link correlati 

Dove siamo nel Mondo 

Documenti prego

Per non smarrirsi nel Mondo

Io prima di partire mi assicuro

Viaggiare sicuri in Francia (Farnesina)

La nostra pagina sulla Francia

... e su Parigi!

Il Meteo ad Avignone

Come raggiungere Avignone


Alcuni articoli precedenti 

Avignone: la Città dei Papi (1)

Saint Germain - de - Prés dei tempi andati 


Atout France Italia 2018 


San Valentino della Nuova Caledonia

La Nuova Caledonia: il Paradiso Terrestre

#FeelParis: Il meglio di quattro musei

Alsazia: Piccola, Colta, Raffinata

Autunno-Inverno 2017: la Costa Azzurra si presenta

A Parigi ci porto i bimbi

Il mondo fuggevole di Toulouse-Lautrec

Parigi? Che strana città... (1)

Paris: Cimitiére du Perè-Lachaise (2)

Rocamadour: sul Cammino dei "Cercatori di Dio"

Francia 2017? Parti subito!

Rendez-vous en France 2017 N.6


Cannes: Hotel Le Majestic Barriere: Un inverno vista mare 

Tolosa: una tappa sul Camino di Santiago de Compostela

Spiritual France: Sul Camino di San Giacomo

Il Camino de Santiago de Compostela


Sulle orme della Maddalena

Terroirs de France

Rennes-le-Chateau: un mistero nel mistero 

Il menu del Pellegrino: Pane nero e acqua fresca 

Pellegrina per ritrovare se stessa

Santiago de Compostela: gli ultimi 100 chilometri a piedi

Pellegrini nella fede

Mitica Guadalupa!

A Lourdes per il Giubileo 

Là dove nascono le ostriche

Corsica l'isola più verde del Mediterraneo

Normandia "Terra di libertà"

Reunion, l'isola che c'è...  

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Atout France Stampa è su Facebook...

Palais-des-Papes è su Facebook!




Giacomo Danesi, Direttore 
del Magazine
iIl Gazzettino del Viaggiatore, è socio Neos.

b_150_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_0-danesi_2.AVIGNONE_neos.png

http://neosnet.it/

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi