Messaggio

I 17 motivi per andare in Corsica...




I 17 MOTIVI PER ANDARE
IN CORSICA NEL 2017

 cf.png

 di
Giacomo Danesi

 

Milano 8 Giugno 2017 - Lo scorso anno, di questi tempi, dopo la presentazione delle iniziative turistiche della Corsica, da parte di Atout France in collaborazione con Sardinia Ferries, iniziai il mio articolo così: "Non posso però sottacere che in quest’isola ha dato i natali al “Còrso” per eccellenza: Napoleone Bonaparte. Pochi sanno che il suo soprannome era: “Il piccolo caporale” e anche “Il rapato”. La sua nascita avvenne un anno dopo il Trattato di Versailles con il quale la la Repubblica di Genova lasciava carta bianca alla Francia nell'isola. Subito le armate di Luigi XV la invase e l'annesse al suo patrimonio personale. Perché fu firmato questo scellerato trattato?" Clicca qui!

E' passato un anno, e anche quest'anno Atout France, in collaborazione con Corsica Ferries, presso l'Hotel La Gare, ha illustrato alla stampa le iniziative dell'isola francese che, anno dopo anno, vede con soddisfazione il turismo italiano ben disposto verso le loro offerte ed iniziative turistiche e culturali.

 

b_591_327_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_1b1.png

Da sinistra : Alexandre Bezardin Vice Direttore Atout France, Barbara Lovato Responsabile Ufficio Stampa e P.R., Frederic Meyer Direttore Atout France, Ermanno Sereni Direttore Commerciale Corsica Ferries, e Albert Redusa Levy Direttore Go Up
(Photo © Giovanna Dal Magro)


A fare gli onori di casa, presentati da Barbara Lovato, responsabile Ufficio Stampa e P.R. della istituzione francese, il Direttore di Atout France per l'Italia e la Grecia e Coordinatore Europa del Sud Frédéric Meyer, accompagnato dal suo vice Alexandre Bezardin, e il Responsabile commerciale di Corsica Ferries Ermanno Sereni.

"Il progetto Corsica Vivila Adesso - ha esordito Frédéric Meyerè - è un invito a scoprire l’isola in tutti i suoi tanti volti, fra natura, tradizioni, feste ed eventi, cultura, arte di vivere... Un progetto avviato dall’Agenzia per il Turismo della Corsica, Atout France e Corsica Ferries, insieme a blogger specializzati pronti a raccontarvi l’isola più viva e autentica. Oltre naturalmente al sito ufficiale visit-corsica.com, ricco di proposte anche di tour operators locali."


b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_goi.png
La pubblicità
"Naturalmente Corsica!"
nei mezzanini della metro milanese

Meyer ha poi illustrato la strategia di informazione che si rivolge sia al grande pubblico, che alla stampa e agli operatori turistici professionali, e si declina su tutti i social: facebook, twitter, instagram. La campagna di affissioni Corsica Vivila Adesso sugli autobus e la metropolitana di Milano, fa parte di questa operazione informativa.

Il direttore ha concluso ricordando che la parte digitale è curata da GoUp, agenzia selezionata dalla regione Corsica e da Atout France per il mercato italiano che coordina 7 blogger specializzati – in life style, tour in bicicletta, vacanze con la famiglia, gastronomia, natura, mare... . Saranno loro a raccontarci la “loro” Corsica, con itinerari giusti per ogni voglia di vacanza.

 

234.png

Milano: la pubblicità della
Corsica sui pulman dell'Atm milanese


Ma perché un turista italiano dovrebbe andare in Corsica a fare le vacanze, e non solo le vacanze? Ebbene, sembra che siano ben 17 (con tanti saluti alla cabala...) i motivi per cui, senza alcun indugio l'italiano, dimentico del "furto" subito..., dovrebbe inbarcarsi su Sardinia Ferries, anche con  altri mezzi s'intende!

Ebbene, sono questi. Vediamo li insieme.   

 b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_dfr.png

Clicca qui!

1. La prima motivazione è Naturalmente in Corsica!
Andare in Corsica per la natura, i parchi, i paesaggi, il tutto in un ambiente estremamente naturale. www.visit-corsica.com

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_1.png

Uno splendido naturale
paesaggio della Corsica

2. Scoprire la Casa-Museo di Napoleone nella vecchia Ajaccio. Una piccola casa antica affacciata sulla deliziosa Place Letizia, con la stanza del futuro imperatore, oggetti, dipinti, ricordi. Un Napo- leone “in famiglia”, in una dimensione affettuosa e autentica. Fino al 9 luglio, ospita una mostra su un altro Napoleone: Napoleone III e la Corsica.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_nap.png

La casa natale di Napoleone Bonaparte
in una stampa d'epoca

E da non perdere le giornate napoleoniche attorno a ferragosto, in occasione del compleanno dell’imperatore, nato qui il 15 agosto del 1769. http://musees-nationaux-malmaison.fr/musee-maisonbonaparte/

3. Visitare la cittadella di Calvi, sulle tracce di...Cristoforo Colombo! La sua presunta casa natale sarebbe proprio qui...

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_cc.png

 Calvi: La lapide posta sulla presunta
casa natale di Cristoforo Colombo

 E per tutta l’estate concerti di canti polifonici nella cattedrale alla cittadella, che culminano negli Incontri di canti polifonici, festival dal 12 al 16 settembre.
www.calvi-tourisme.com

 

gb.png

Bastia: un visione notturna della
Cattedrale si San Giovanni Battista
con il porticciolo

 

4. Scoprire la chiesa più grande dell’isola, San Giovanni Battista a Bastia, e tutto il quartiere storico, fra case antiche e oratori barocchi, per rilassarsi poi fra le terrazze dei caffè e l’animazione di Place Saint Nicolas.
www.bastia-tourisme.com

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_corte.png

Corte Capitale: la Cittadella

5. Andare a Corte, la storica capitale della Corsica di Pasquale Paoli, sede universitaria fin dal ‘700 e visitare il bel Museo della Corsica nella cittadella per sapere tutto sulla storia e la cultura dell’isola.
www.corte-tourisme.com

 

cor.png

 

6. Andare in Corsica con le navi Corsica Ferries e in particolare con la nuova nave M/N Pascal Lota, nuova ammiraglia della flotta che ha debuttato sulla tratta Livorno/Bastia lo scorso 1 giugno.
www.corsicaferries.com

 b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_cpp.png

 I Calanchi di Piana

 
7.
Imperdibile la visita di Porto e dei Calanchi di Piana, Patrimonio dell’Unesco (unico sito Unesco dell’isola) per la loro straordinaria bellezza: una foresta di picchi ocra, rosa, rossi, con la riserva di Scandola, paradiso di natura intatta.
www.porto-tourisme.com
www.corsicafrancia.it/calanques-di-piana
www.reserves-naturelles.org/scandola



b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_des.png

Sulla strada del Desert des Agriates

 

8. Andare alla scoperta di un vero deserto: il Desert des Agriates, fra Saint Florent e Ile Rousse: 35 km di sabbia e macchia, con spiagge spettacolari: le più famosa Saleccia, atmosfera quasi tropicale e Ostriconi alla foce dell’omonimo fiume.
www.corsica-saintflorent.com

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_dom.png

Un imperdibile paesaggio
al Domaine de Murtoli

 

9. Vivere un’autentica vacanza corsa al Domaine de Murtoli, scampolo di Corsica selvaggia e intatta, con soluzioni di charmee servizi di alta gamma, lungo la Costa Occidentale, fra Sartene e il famoso Lion di Roccapina.
www.murtoli.com

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_binf.png

Bonifacio: un isola nell'isola...

 

10. Un’isola nell’isola: Bonifacio, cittadella arroccata sull’alto della scogliera di calcare bianco, 60 metri a strapiombo sul mare, davanti alla riserva delle Bocche di Bonifacio, eden di terra e di mare. E vivere l’emozione della luce dall’8 al 10 luglio, in occasione del festival Festi Lumi, quando di sera i luoghi più affascinanti e monumentali si accendono di luci colorate e di installazioni luminose di artisti, con effetti di luce spettacolari.
www.bonifacio.fr

11. Un’escursione alle isole Lavezzi, riserva naturale, abitate solo da uccelli marini e qualche geco, una meraviglia di rocce grigio-rosa, spiagge di sabbia dorata e acque turchesi.

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_lav.png

Isole Lavezzi: un angolo da sogno

Fanno parte della Riserva Naturale delle Bocche di Bonifacio - settore francese del Parco Marino Internazionale tra la Corsica e la Sardegna - creata per proteggere gli ambienti e paesaggi dell’estremo sud: oltre alle isole Lavezzi, le Cerbicali, i Monaci, le falesie di Bonifacio, la penisola di Bruzzi, gli stagni di Ventile- gne : 80000 ettari totali di natura intatta.
www.bonifacio.fr

 

en.png

Mostre e inizitive culturali al Museo Ioseph Fresc

12. Una visita al Museo Ioseph Fesch di Ajaccio (*), intitolato allo zio materno dell’imperatore, il Cardinale Fesch, con una ricca collezione di primitivi italiani e di dipinti barocchi. Dal 30 giugno al 1° ottobre due grandi mostre da vedere , dedicate al paesaggio a Roma fra 1600 e 1650 e a Carolina, la sorella di Napoleone, regina delle arti. www.musee-fesch.com

 b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_gr20-etapes-refuges.png

Il percorso...

13. Un po’ di montagna? Escursione nel cuore del Parco Naturale alle Guglie di Bavella, un vero pizzo di pietra, in un paesaggio spettacolare, attraversato dal percorso della Grande Randonnée 20, una delle GR più famose d’Europa.
www.le-gr20.fr

b_640_314_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_vi.png

Lo spetttacolare viadotto tra Venaco e Vivario,
opera di Gustave Eiffel!

14. Attraversare l’isola in treno: la ferrovia corsa è un capolavoro di ingegneria e audacia e percorre tutta l’isola in diagonale, da Ajaccio a Bastia passando per Corte, raggiungendo luoghi dove neppure la strada riesce ad arrivare. E il viadotto fra Venaco e Vivario, il più grande della Corsica, è opera di Eiffel!
www.cf-corse.fr

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_tbal.png

Il Tranway de la Balagne

15. Le spiagge della Balagne in “tram”? Perché no. Il Tranway de la Balagne è il trenino che fa servizio fra le spiagge della Balagne, fra Calvi e Ile Rousse, un modo ideale per spostarsi senza problemi di traffico e posteggio e in modo sostenibile. Diverse corse al giorno e 15 fermate a richiesta, tutte a pochi passi dalle spiagge.
www.cf-corse.fr

 

baip.png

La baia di Portovecchio

 

16. Vivere Porto Vecchio giorno e notte: di giorno le spiagge più spettacolari (Palombaggia, Santa Giulia...) di notte l’animazione di tanti locali fra la città vecchia e il mare. E ha sede qui anche la Cinemateca Regionale della Corsica -Casa di Lume per chi ama il cinema.
www.ot-portovecchio.com

 

b_500_255_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_1er.png

Il villaggio dei pescatori a Erbalunga

 

17. Andare alla scoperta dei villaggi: in Corsica ce ne sono per tutti i gusti, dai villaggi arroccati della Balagne, con vista spettacolare sul mare – Pigna, Lumio, Feliceto..- e tante botteghe artigiane ai villaggi del “dito”, Cap Corse lungo il “Chemin de Lumière”, il sentiero della luce, 12 km da Pietra Corbara a Barrettali, di cappella in cappella (e magari una tappa a Erbalunga, villaggio di pescatori,- scenario in agosto di un bel festival di musica).

www.chemindelumiere-capcorse.net
www.corsicafrancia.it/

Allora: pronti e via!
Ricapitolando: 

COME ARRIVARCI?
Con Corsica Ferries!

COME SCOPRIRLA?
su Facebook #corsicavivilaadesso; 
su Twitter https://twitter.com/hashtag/corsicavivilaadesso

e  Istangram https://www.instagram.com/corsicavivilaadesso.it/


 Scarica la App!
b_150_100_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_qaa.png

Atout France
Il sito ufficiale del turismo 

francese in Italia?
 Clicca qui!

#FranceFR

Il portale ufficiale della Corsica

Link correlati

Dove siamo nel Mondo

Documenti prego!

La nostra pagina sulla Corsica

Il sito ufficiale della Corsica

Il Meteo

Il video

Come andare: Corsica Ferries

Articoli correlati

Paris: Cimitiére du Perè-Lachaise (2)

Parigi? Che strana città... (1)

Rocamadour: sul Cammino dei "Cercatori di Dio"

Francia 2017? Parti subito!

Rendez-vous en France 2017 N.6


Cannes: Hotel Le Majestic Barriere: Un inverno vista mare 


Tolosa: una tappa sul Camino di Santiago de Compostela

Lourdes: nuova destinazione turistica

Spiritual France: Sul Camino di San Giacomo

Il Camino de Santiago de Compostela


Sulle orme della Maddalena

Milano - Torino - Parigi con il TGV!

Rendez - vous en France

Terroirs de France

Rennes-le-Chateau: un mistero nel mistero 

Saint Germain - de - Prés dei tempi andati 


La Francia, i Pirenei

Air Dolomiti vola a Nîmes

Là dove nascono le ostriche

Sulle orme della Maddalena 

Alsazia regione di frontiera

Camargue: natura e tradizione

Corsica l'isola più verde del Mediterraneo

Normandia "Terra di libertà"

Reunion, l'isola che c'è... 

Mitica Guadalupa!

Primavera in Camargue

Il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!

Anche Atout France Stampa è su Facebook!

Anche la Corsica...

 

(*) Ioseph Fesch (1763-1839). Cardinale. Nato ad Ajaccio il 3.1.1763 da Franz Fesch e Ramolino Angela Maria di Pietrasanta, nonna materna del futuro Imperatore dei Francesi Napoleone Bonaparte, perché madre di Letizia Ramolino. Studia dai Gesuiti ad Ajaccio e nel 1781 entra nel Seminario di Aix-en-Provence, dove consegue il Dottorato in Teologia nel 1785. Nello stesso anno è ordinato Sacerdote, e fa subito ritorno in Corsica.

Con lo scoppio della Rivoluzione Francese cambia vita. Nel 1790 giura sulla Costituzione civile del clero, getta l'abito talare e nel 1796 diventa Commissario dell'esercivo francese nella Prima Campagna d'Italia guidata dal nipote Napoleone Bonaparte.

Dopo la firma del Concordato del 1801 da parte di Napoleone e Pio VII, rientra nella Chiesa Cattolica e il 31.7.1802 Napoleone lo nomina Arcivescovo di Lione; carica accettata dal Cardinale Legato Giovanni Battista Caprara il 4.8.1802. E' consacrato nella Cattedrale di Parigi il 15.8.1802 dal Cardinale Caprara, assistito dal Vescovo di Orléans Monsignor Etienne Bernier e dal Vescovo di Ajaccio Monsignor Louis Sebastiani. Il 2.1.1803 prenderà possesso della sua diocesi.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_card.png

Il Cardinale Ioseph Fesch

Pio VII il 17.1.1803 lo crea Cardinale. Riceve la berretta rossa il 27 marzo successivo dalle mani del Primo Console Napoleone Bonaparte nella Cappella di Tuileriese; l'11 luglio successivo riceve il Titolo di S. Maria della Vittoria. Il 4.4.1803 era stato, intanto, nominato Ministro Plenipotenziario della Repubblica di Francia presso la Santa Sede. Ha come d'Ambasciata Francois-René de Chateaubriand.

Ottenuta la fiducia di Pio VII, accompagna il Pontefice nel 1804 in Francia, insieme al Cardinale Stefano Borgia per l'incoronazione di Napoleone. Si schiera con il Papa Pio VII nella diatriba sulle nomine dei Vescovi da parte di Napoleone; l'Imperatore gli toglie ogni beneficio e Fesch si ritira a Lione dedicandosi alla sua diocesi.

Esiliato Roma nel 1814, grazie al Papa, ottiene una residenza a Palazzo Falconieri in Via Giulia. Collezionista d'arte e soprattutto di carte napoleoniche, fu benefattore verso gli orfani e figli illegittimi. e soprattutto verso le ragazze povere alle quali donava l'abito da sposa e anche una piccola dote. il 2.12.1823 opta per i Titolo di San Lorenzo in Lucina, ritenendo in commendam il Titolo di Santa Maria della Vittoria.

Cardinale Primo Prete, partecipa ai conclavi del 1823 dal quale è eletto Leone XII; nel 1829 dal quale è eletto Pio VIII e nel conclave del 1830.1831 dal quale è eletto Gregorio XVI. Muore di cancro allo stomaco a Roma il 13.5.1839. Sepolto dal 1839 al 1859 nella chiesa delle Sorelle della Santissima Croce di Corneto (Civitavecchia); dal 1859 è sepolto, assieme alla sorella materna Letizia Ramolino e al marito di questa Carlo Bonaparte, nella cripta della cappella imperiale di Ajaccio fatta costruire da Luigi Napoleone, futuro Imperatore dei Francesi col nome di Napoleone III.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AA.CONFBS_1.DANESI_2.CORSICAFFEIER_in.png

L'incoronazione di Napoleone I (1805 - 1807),
nel celebre quadro di Jacques Louis David

In un prossimo articolo racconterò il famoso espisodio della Tiara regalata da Napoleone a Papa Pio VII e i veri motivi del dono. Una storia incredibile che guastò i rapporti tra i due personaggi, con pesanti ripercussioni sulla Chiesa di Roma. 

 

Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi