Messaggio

Il Carnevale a Limassol? Patrimonio dell'Unesco




CARNEVALE A LEMESOS,
NON SOLO FESTA, MA ANCHE
UN’OCCASIONE PER SCOPRIRE
LA GASTRONOMIA CIPRIOTA

E IMPARARE A COSTRUIRE LE MASCHERE


                                      Dieci giorni di festa per un evento
                                    Patrimonio Intangibile dell’UNESCO


b_500_0_16777215_00___images_0-AABoston_1.CIPRO_unesco.png

                                  Laboratori per tutti e per bambini,
                                          mostre storiche, parate,
                                                 esibizioni canore e sfide accesissime tra costumi!


Lemesos (Limassol) - il carnevale è una cosa seria Lemesos, Limassol per noi Europei!  Potebbe sembrare una contraddizione, ma per gli abitanti della città di Cipro affacciata sulla bella baia di Akrotiri è una felice realtà che, anno dopo anno, si ripete seguendo un rituale talmente radicato nella tradizione che il carnevale di Lemesos (Limassol) ha ottenuto il riconoscimento di Patrimonio Intangibile dell’Umanità da parte dell’UNESCO.

 

b_500_0_16777215_00___images_0-AABoston_1.CIPRO_dh.png

Il Carnevale di Lemesos (Limassol) ha ottenuto il
riconoscimento di Patrimonio Intangibile
dell’Umanità da parte dell’UNESCO


A scanso di equivoci, la serietà, intesa come grande attenzione a ogni aspetto della manifestazione, con cui viene affrontato il carnevale a Lemosos non va a discapito del suo essere divertente e - come per ogni carnevale che si rispetti – dell’infrangere gioiosamente le regole che vigono per tutto il resto dell’anno. Un altro nome con cui definisce questo periodo non è a caso, infatti, la “Festa dei folli”.

E, naturalmente, i carri sono spettacolari al punto che per l’edizione 2017 ci sarà una mostra fotografica che ricorda i più belli, legata a un evento ufficiale  dell’Archivio Storico della città.


                                              
                                      DIECI GIORNI DI FESTA…
                                                   PIÙ UNO!

b_500_0_16777215_00___images_0-AABoston_1.CIPRO_schermata_2017-02-10_alle_13.13.43.png

Limassol: 10 giorni di pazza festa!


Per dieci giorni la città si trasformerà, quindi, in un’unica grande festa che riempirà strade, rioni, locali e case private. Strettamente connesso con la Aprokria, la ricorrenza che la tradizione ellenica fa precedere alle 6 settimane di digiuno preparatorio della Pasqua ortodossa, il carnevale cipriota, che a Lemesos trova l’espressione più piena e gioiosa, inizia quest’anno il 16 febbraio e termina esattamente dieci giorni dopo.

Due sono però i giorni, a Lemesos e in altre località, che potremmo definire preparatori alla festa e che vedono l’avvio di eventi come la mostra dedicata ai costumi presso la galleria d’arte Theomaria, accompagnata fino al 25 febbraio da un workshop molto creativo dedicato alla costruzione e decorazione delle maschere, in compagnia di artigiani del luogo.

vbf.png

Una splendido personaggio
del carnevale cipriota

 

’inizio vero e proprio sarà segnato il 16 febbraio dalla parata della “Regina del Carnevale – Il profondo blu del Mediterraneo”, spettacolarmente accompagnata dalla sua corte, ma anche dal sindaco. Al termine della sfilata ci sarà la tradizionale serata musicale che unirà ritmi locali e internazionali legati al carnevale.

Riassumere il programma è pressoché impossibile poiché ogni giorno ci saranno cose diverse con un interessante mix che unisce passato e presente, dedicando tantissimi momenti al divertimento, ma anche numerose occasioni alla tradizione, con mostre e appuntamenti incentrate sulle precedenti edizioni.

Naturalmente, nutrite saranno le attività per i bambini con esibizioni di canto, ma anche momenti dedicati a laboratori musicali e artigianali per preparare coriandoli e maschere.


b_500_0_16777215_00___images_0-AABoston_1.CIPRO_masc.png
                                  Una istantanea del famoso
                                     carnevale di Limassol

 

Tra i momenti clou sicuramente c’è la parata dedicata alle "Pellàmaskes", le maschere pazze, che riempie letteralmente le strade di colori, suoni e danze propiziatorie. Altro appuntamento pervaso dalla frenesia carnevalesca è la sfida dedicata ai costumi free style presso il castello medioevale.

Emozionanti anche le esibizioni che in tutti i quartieri della città vedranno all’opera numerosi cori - Modernoi Keri, Limassol Serenaders, Ariones, Cypriot Senenaders, EDON Serenaders, solo per nominarne alcuni - specializzati in tipi di canto differente. Le loro esibizioni sono davvero emozionanti, studiando da vicino il programma per non perderle.

Per il gran finale sarà nuovamente presente la “Regina del Carnevale” che guiderà una coloratissima e rumorosa parata di carri allegorici. Termine ultimo della festa, su tutta l’isola, è il lunedì dopo l’ultima domenica di carnevale, noto anche come “lunedì verde”, che a Cipro è festa nazionale.


                          SETTIMANE DI CARNE E… DI FORMAGGIO!
                                 MA ANCHE DI DOLCI BUONISSIMI!

b_500_0_16777215_00___images_0-AABoston_1.CIPRO_afelia.png

L'imperdibile piatto di "Afelia". Nella foto con
carne di maiale e patate e vino rosso.
Eccezionale se inafiato con il Commandaria...

 

E se il carnevale precede sei settimane di regime alimentare parchissimo, non possono mancare le trasgressioni legate al cibo. Chi ha la curiosità di fare una full immersioni nei piatti della tradizione cipriota non può perdere la saporita occasione offerta dal carnevale.

La prima settimana del carnevale o settimana "Kreatini" è a base di carne poiché è l'ultima in cui è possibile mangiarla prima di Pasqua. Un piatto imperdibile è l’”Afelia”, delizioso stufato di maiale, profumato con spezie e coriandolo.

 

hall.png

 Buon anche alla griglia l'Halloumi,
semi duro e con formaggio in salamoia

La seconda è conosciuta come settimana "Tyrini", ovvero la settimana del formaggio.

Tra le proposte gastronomiche molto particolari, da provare è una vera chicca come i tortelli dolci "bourekia" ripieni di morbido formaggio fresco “anari” aromatizzato alla cannella o altri dolci, come i "daktyla kyrion" – dita di donna - sottili fagotti di pasta sfoglia, ripieni di mandorle, zucchero e cannella.

Gustosissimi anche i “ravioles”, ravioli che racchiudono il formaggio locale “halloumi”, fatto di latte di capra e pecora; menta e uova, da cuocere preferibilmente nel brodo di pollo.


Sempre restando in tema di abitudini alimentari legate al carnevale, è usanza per molti ciprioti fare un picnic in campagna, durante il “lunedì verde”. Si celebrano un po’ anche i primi spiragli di bella stagione con ortaggi, olive, pane fresco e insalate novelle, bevendo vini locali.

com.png

Il Commanadaria?
Il nettare degli Dei!

 

Un nome tra tutti: il “Commandaria”, il vino più famoso, che prende il nome da una zona di dodici villaggi – può essere prodotto solo in questa zona a sud-ovest dell’isola - e che si ricava da grappoli fatti dolcemente appassire al sole delle varietà Xynisteri e Mavro, seguendo un disciplinare precisissimo.

Come molte cose a Cipro, luogo simbolo della radici della cultura mediterranea, vanta origini antichissime, databili addirittura all’800 a.C. Yamas!


 INFO:



Ente Nazionale per il 
Turismo di Cipro
 
Via Solari 16
20144 MILANO


tel.0258319835 - fax. 0258303375

Sito Web: Ente Nazionale per il Turismo di Cipro

E-mail: i Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Link correlati    

Dove siamo nel mondo 

Documenti prego!

Io prima di partire mi assicuro

La nostra pagina sulla Repubblica di Cipro

Il Meteo a Limassol

Articoli correlati

Cipro nel cuore



Pafos: Gold Quality Coast Award 2013

Cipro: sulle tracce della storia

Cipro: Una perla nel Mediterraneo

Il Commandaria: nettare degli dei!

Cipro celebra l'antica tradizione vinicola

Chiese, conventi e monasteri 

Sono stati restituiti a Cipro o tesori trafugati

Su Facebook!

Il Turismo di Cipro è su Facebook

Anche il Gazzettino del Viaggiatore è su Facebook!



Magazine di Turismo e varia umanità.
Direttore Responsabile Giacomo Danesi